Sorriso del delfino rosa per il fotografo subacqueo dell'anno

delfino di fiume rosa Boto Encantado © Kat Zhou / UPY2023
Boto Incantato © Kat Zhou / UPY2023

È bastato lo scatto di un delfino rosa di fiume che squarcia la superficie dell'Amazzonia per vedere Kat Zhou, statunitense, nominata Fotografa subacquea dell'anno 2023. La sua accattivante fotografia ha trionfato su circa 6,000 altre immagini, inserite in 13 categorie da fotografi subacquei di 72 paesi .

“C'è una leggenda tra la gente del posto secondo cui i delfini di fiume, o focene, possono trasformarsi in uomini belli conosciuti come boto incantato per sedurre le donne”, dice Zhou, che ha dato quel nome alla sua fotografia. 

“Anche se non ho assistito alla trasformazione, sono rimasto incantato da questi bellissimi mammiferi in un modo diverso. Dopo aver visto come focene a volte portavano il becco fuori dall'acqua, volevo uno scatto diviso al tramonto. Anche se l’acqua era così scura che stavo sparando alla cieca, questo delfino mi ha regalato una posa e un sorriso perfetti!”

Man mano che sempre più persone si sono insediate in Amazzonia, i delfini di fiume hanno iniziato a vivere più vicino alle popolazioni umane, afferma Zhou. “Molti sono stati uccisi per essere usati come esche per pesci, annegati nelle reti da posta o avvelenati dall’inquinamento da mercurio proveniente dalle miniere. Temo che un giorno focene diventeranno davvero nient’altro che creature mitiche”.

Le foto ha ottenuto il primo posto nella categoria Up & Coming del concorso. “A prima vista semplice, poi semplicemente perfetto”, ha valutato il presidente della giuria Alex Mustard. “In acque scure e tanniche, Kat ha creato una composizione sorprendente, catturando questa specie raramente fotografata e in via di estinzione in una composizione precisa.

“Questa è di gran lunga la migliore immagine che abbiamo mai visto di questa specie, i cui numeri stanno diminuendo a un ritmo allarmante e il cui status nella Lista Rossa della IUCN è stato elevato in modo preoccupante a In pericolo di estinzione nel 2019.

“È giusto che l’Amazzonia, essendo il fiume più potente del mondo, abbia prodotto il nostro vincitore assoluto. Il concorso Underwater Photographer of the Year [UPY] mira a festeggiare fotografia subacquea in tutta la sua diversità e siamo lieti che le immagini premiate di quest’anno provengano dai poli ai tropici, da tutti gli angoli dell’oceano e da rinomati corpi d’acqua dolce come il fiume Amazzonia e il lago Baikal. Essendo più di un concorso naturalistico, abbiamo anche i vincitori fotografati nelle piscine”.

(La vincita foto è stata scattata con una Nikon D850, fisheye 8-15mm con teleconvertitore Kenko 1.4x, custodia Nauticam NA D850, due flash Inon Z330, f/13, 1/160, ISO 400)

Vincitore del fotografo subacqueo britannico dell'anno: Ollie Clarke

Il concorso annuale UPY, la cui esistenza risale al 1965, ha sede nel Regno Unito e i giudici dell'evento del 2023 insieme a Mustard erano Peter Rowlands e Tobias Friedrich.

Ollie Clarke, un inglese che ora vive in Australia, si è classificato secondo nella categoria Up & Coming vinta da Zhou e ha vinto il titolo di British Underwater Photographer of the Year 2023 per la sua immagine The Swarm.

Lo sciame © Ollie Clarke / UPY 2023
Lo sciame © Ollie Clarke / UPY 2023

"Gli squali balena del Ningaloo [Australia occidentale] sono spesso accompagnati da esche come questa, dove i piccoli pesci usano lo squalo come rifugio galleggiante", dice Clarke. “Tuttavia, questo era enorme, molto più denso e con molti più pesci del solito, quindi ero davvero entusiasta di fotografarlo.

“Sembrava quasi che lo squalo fosse stufo dei piccoli pesci e stesse cercando di scrollarsi di dosso lo sciame. Farebbe tuffi ripidi e poi risalirebbe subito agitando la coda, ma il pesce vorticerebbe ancora più fitto attorno al povero squalo, che a malapena sarebbe riuscito a vedere attraverso la palla di esca!

"Speravo di poter dedicare un po' di tempo a fotografare questo squalo, ma dopo alcuni alti e bassi è scomparso nelle profondità dell'Oceano Indiano, un incontro che non dimenticherò mai."

"Per me questo è il predatore e la preda", ha commentato Alex Mustard. “Gli squali balena sono talvolta etichettati erroneamente come mangiatori di plancton, ma sono anche predatori attivi di banchi di piccoli pesci. La splendida immagine di Ollie ha un tempismo perfetto mentre lo squalo si avventa, passando da benigno accompagnatore a cacciatore, con la bocca che inghiotte la sua preda.“

(Scattata con una Sony A7Riii, 28-60, Nauticam WACP-1, custodia Nauticam NA-A7Riii, f/8, 1/250, ISO 400)

Gli altri vincitori di categoria sono mostrati di seguito, con la descrizione del fotografo e il commento di un giudice:

Fotografo dell'anno per la conservazione marina della Save Our Seas Foundation: Alvaro Herrero (Spagna)

Senza speranza © Álvaro Herrero / UPY 2023
Senza speranza © Álvaro Herrero / UPY 2023

“Una megattera muore di una morte lenta, dolorosa e agonizzante [in Bassa California, in Messico] dopo che la sua coda è rimasta impigliata in corde e boe, rendendola completamente inutilizzabile. Un riflesso di ciò che stanno soffrendo non solo i nostri oceani, ma anche il nostro pianeta, frutto dell’egoismo e della mancanza di responsabilità dell’uomo.

“Scattare questa fotografia è stato, per me, il momento più triste che abbia mai vissuto nell’oceano. Soprattutto perché ho trascorso così tanto tempo con le megattere sott'acqua, sperimentando il contatto visivo, le interazioni e vedendo con i miei occhi come siano esseri senzienti e intelligenti.

“Ma sono ‘felice’ di poter catturare quel momento e mostrare al mondo cosa sta succedendo, cosa stiamo facendo. Spero davvero che questa immagine ci renda consapevoli, apra i nostri occhi e ci spinga a fare cambiamenti reali”.

Tobias Friedrich commenta: “Che immagine straordinaria e che messaggio trasmette. Non riesco a immaginare la tristezza quando è stata scoperta questa povera balena, ma è stata anche una buona decisione quella di scattare qualche immagine per diffondere un messaggio di consapevolezza al pubblico. Per me era chiaro fin dall'inizio che questa immagine fosse la vincitrice della categoria. Ben fatto."

(Scattato con una Nikon D500, Sigma 10-20mm f4-5.6, custodia Isotta D500, f/6.3, 1/320, ISO 200)

Vincitore del grandangolo: J Gregory Sherman (USA)

Fotografo subacqueo dell'anno 2023 Fade © J Gregory Sherman / UPY 2023
Dissolvenza © J Gregory Sherman / UPY 2023

”Io e il mio compagno di immersioni abbiamo noleggiato una barca per arrivare a Stingray City a Grand Cayman prima dell'alba in modo da catturare la luce del mattino e le indisturbate increspature della sabbia. Proprio mentre il sole spuntava all'orizzonte, una linea di raggi del sud si è diretta dritta verso di me e ho catturato questa immagine mentre scivolavano sulla sabbia.

"L'utilizzo di un grande oblò a cupola mi ha permesso di creare un'immagine divisa che mostrava il cielo intensamente colorato dell'alba in contrasto con le razze quasi monocromatiche e la sabbia sotto la superficie increspata."

Peter Rowlands commenta: ”La pianificazione e l'avvio anticipato sono stati premiati dal comportamento perfetto delle razze, accompagnato dall'inquadratura dinamica di un cielo drammatico. Questa immagine, giustamente, è arrivata direttamente al telegramma come possibile vincitrice assoluta. Una settimana dopo la valutazione, mi è piaciuto rivedere questa immagine”.

(Scatto con Canon 5SR, 8-15mm, custodia Subal, flash Sea & Sea YS-D2, f/5.6, 1/80, ISO 1000)

Vincitore macro: Shane Gross (Canada)

Non celebrato © Shane Gross / UPY 2023
Non celebrato © Shane Gross / UPY 2023

“Camminando lungo una costa rocciosa [sull'isola di Vancouver] scrutavamo sotto le rocce utilizzando l'obiettivo di una sonda e lo schermo LCD della mia macchina fotografica per verificare la presenza di nidi di guardiamarina. Una volta trovato, mi sdraiavo in cima alle rocce coperte di cirripedi, tagliandomi i gomiti, cercando di comporre immagini di pesci di cui la maggior parte delle persone non ha mai sentito parlare nonostante abbiano uno dei cicli di vita più interessanti di qualsiasi animale.

“I guardiamarina delle pinne semplici sono pesci di acque profonde che viaggiano nella zona intercotidale per deporre le uova. I maschi cantano per attirare le femmine e lei deporrà tante uova quanto il suo canto merita prima di passare al cantante successivo. Ora il maschio ha la possibilità di fecondare le uova, ma solo se non viene battuto sul tempo da un maschio più subdolo che assomiglia ad una femmina. Il maschio cantante custodirà quindi il nido, senza mai sapere che i piccoli potrebbero non essere suoi. Dramma!"

Commenti di Alex Mustard: “Un banco di pesci in embrione che sono ancora attaccati sia al fondale marino che alle loro sacche di uova – un’immagine segreta che rivela un’altra incredibile visione della vita nel mare. Ma il foto non è solo una questione di storia naturale, è fatta di personalità catturata nel violino primario.

(Scattata con una Nikon Z6, sonda Laowa, senza custodia, torcia Big Blue AL1200NP II, f / 40, 1/200th, 2000)

Vincitore del relitto: Brett Eldridge (USA)

Motore con sella © Brett Eldridge / UPY 2023
Motore con sella © Brett Eldridge / UPY 2023

“Stavamo esplorando obiettivi a giugno [a Point Loma, in California] quando abbiamo visto un segnale sonar molto piccolo, ma promettente, a 230 piedi di profondità. Mi sono preparato e mi sono buttato nella speranza di qualcosa di speciale. Dopo qualche ricerca, il mio cuore ha iniziato a battere forte quando ho visto per la prima volta i pesci, poi l'elica di un aereo monomotore della Seconda Guerra Mondiale quasi completamente intatto!

"Si è scoperto che si trattava di un F8F-1 Bearcat, un raro aereo che Neil Armstrong una volta definì essere il suo preferito e che è stato descritto come "un motore con una sella". Da solo durante la prima immersione con un tempo di fondo limitato, ho scattato abbastanza foto per costruire un modello “bozza” e identificare il relitto.

“Avendo bisogno di un modello fotogrammetrico migliore per il concorso UPY e con le scadenze che si avvicinavano rapidamente, ho prenotato il 19 dicembre e ho incrociato le dita. Fortunatamente abbiamo avuto condizioni epiche e ho ottenuto le foto di cui avevo bisogno. È stata la mia ultima immersione del 2022.”

Commenti di Alex Mustard: “La fotogrammetria subacquea che crea un panorama 3D del soggetto è una tecnica recente fotografia subacquea che si è rivelato incredibilmente utile per studiare barriere coralline e relitti. Permette agli accademici di studiare in dettaglio, misurare e visualizzare il mondo sottomarino senza scendere laggiù.

“Eppure l’immagine di Brett rivela anche quanto possano essere accattivanti queste immagini, riscrivendo le regole del naufragio fotografia sott’acqua e fornendo al mondo la prima visione di questo caccia precipitato della Seconda Guerra Mondiale”.

(T(foto con una Sonya 7rIV, 28-60 @ 28mm, Nauticam WWL1-B, custodia Nauticam NA-A7RIV, due luci Keldan 8 x 18,000 lumen, f/8, 1/50, ISO 1600)

Vincitore del comportamento: Yury Ivanov (Indonesia)

Fate l'amore, non la guerra © Yury Ivanov / UPY 2023
Fate l'amore, non la guerra © Yury Ivanov / UPY 2023

”Un paio di polpi del cocco che si accoppiano – sapevo che avrei potuto trovare questa specie polipo in uno dei siti di immersione vicino al villaggio di Tulamben a Bali, e che in quel luogo erano attivi solo di notte. Mi sono tuffato lì solo dopo le 7, sperando di fotografare qualcosa di unico. Avevo fatto più di 30 immersioni notturne nel sito e alla fine ho avuto fortuna. La foto mostra la fine del loro amore”.

Tobias Friedrich commenta: “Un momento assolutamente straordinario, fotografato perfettamente. Questa immagine sottolinea che la pazienza e la conoscenza di un animale si tradurranno in uno scatto vincente. È stato subito chiaro a tutti i giudici che questa immagine sarebbe andata molto lontano nella competizione quando l'abbiamo vista per la prima volta. Molto ben fatto ed eseguito.“

(Scattato con una Nikon D850, AF Micro-NIKKOR 60mm f/2.8D, custodia Nauticam NA D850, flash INON Z-330 tipo 2, f/14, 1/250, ISO 64)

Vincitore del ritratto: Suliman Alatiqi (Kuwait)

Il baule © Suliman Alatiqi / UPY 2023
Il baule © Suliman Alatiqi / UPY 2023

“La proboscide dell’elefante è una delle caratteristiche anatomiche più distintive del mondo naturale e questa foto [scattata a Phuket, Tailandia] mira a enfatizzarla. Fortunatamente, era incuriosito dalla mia macchina fotografica ed è stato felice di provarla, il che mi ha dato l'opportunità di catturare questa prospettiva, nonostante le condizioni altrimenti pessime per una foto sopra sotto (acqua mossa e scarsa visibilità).

“Nei miei primi tentativi le narici non erano completamente illuminate a causa della vicinanza all'obiettivo (cosa necessaria per l'effetto fotografico desiderato). Quindi sono tornato in una finestra temporale specifica in cui pensavo che l'angolazione del sole sarebbe stata ottimale e sono riuscito a illuminare completamente le narici. Ciò ha aggiunto molti più dettagli alla parte principale dell’immagine, senza i quali la foto non sarebbe stata altrettanto efficace”.

Commenti di Alex Mustard: “C’è un carisma irresistibile in questa composizione gradita al pubblico. In questa cornice gioiosa, un elefante indiano addomesticato si rinfresca nel mare e, con curiosità, immerge la proboscide sotto la superficie per indagare sulla macchina fotografica subacquea di Suliman.

(T(utilizzato con una Nikon D850, AF-S Fisheye Nikkor 8-15mm f/3.5-4.5E ED, custodia Nauticam NA D850, f/20, 1/320, ISO 1000)

Vincitore in bianco e nero: Don Silcock (Australia)

El Blanco - Il Bianco © Don Silcock / UPY 2023
El Blanco – Il Bianco © Don Silcock / UPY 2023

“L’immagine è stata scattata l’ultima mattina di un viaggio di cinque giorni nella penisola Valdés in Argentina, nell’agosto 2022, con un permesso speciale per entrare in acqua con le balene franche australi che si radunano lì tra giugno e dicembre di ogni anno.

“La madre, che si vede sullo sfondo, ha accettato la nostra presenza e ha permesso al vitello di interagire con noi. Era molto giocoso ma attento a non colpirci con la coda e sembrava che si divertisse davvero, quasi quanto noi!

“I vitelli bianchi sono molto rari e localmente vengono chiamati Il bersaglio oppure quello bianco! La penisola Valdés è un rifugio sicuro e un luogo di riproduzione incredibilmente importante per le balene franche australi dell’Atlantico meridionale, e l’Argentina ha fatto un ottimo lavoro nel gestirlo. È stata, senza dubbio, la mia migliore esperienza subacquea di sempre!”

Tobias Friedrich commenta: “Questo è un esempio assolutamente straordinario di come dovrebbero essere utilizzate le immagini in bianco e nero. Non riesco a immaginare che sia andata molto meglio in realtà – inoltre, l'incontro deve essere stato davvero sorprendente. Meritato vincitore di questa categoria!”

(Scattato con una Nikon D850, 28-70, Nauticam WACP-1, custodia Nauticam NA D850, f/10, 1/250, ISO 320)

Vincitore compatto: Enrico Somogyi (Germania)

Il labride di Klunzinger in movimento / © Enrico Somogyi / UPY 2023
Il labride di Klunzinger in movimento / © Enrico Somogyi / UPY 2023

“Quando stavo facendo snorkeling a Marsa Alam [Egitto] ho visto innumerevoli labridi di Klunzinger. Uno di loro era particolarmente curioso e molto interessato al mio obiettivo. Sono riuscito a scattare alcune belle foto classiche grandangolari. Dopo un po' ho pensato che sarebbe stata una buona idea provare una lunga esposizione, quindi ho impostato la mia fotocamera sull'apertura più piccola, f/11, il valore ISO su 64 e il tempo di esposizione su 1/13.

“Per questa foto, ho spostato leggermente la fotocamera in avanti mentre l’otturatore veniva rilasciato. Ciò ha creato l'effetto zoom nella parte inferiore dell'immagine. Sono rimasto molto soddisfatto del risultato”.

Peter Rowlands commenta: "Un'immagine intelligente che sfrutta i punti di forza della fotocamera e produce un risultato finale di cui la maggior parte delle fotocamere più grandi sarebbe orgogliosa."

(T(con una Sony RX100VII, Nauticam EMWL 130, custodia Fantasea FRX 100VII, due flash Retra Flash Pro, f/11, 1/13, ISO 64)

Vincitore del British Waters Wide Angle e fotografo subacqueo britannico più promettente: Theo Vickers (Regno Unito)

I mari selvaggi di un’isola © Theo Vickers / UPY 2023
I mari selvaggi di un’isola © Theo Vickers / UPY 2023

“La luce del sole picchia attraverso una giungla marina Himanthalia alghe sulle scogliere di gesso della Needles Marine Conservation Zone. I tentacoli dalla punta viola degli anemoni serpenti (Anemonia viridis) che sale dal suolo della foresta.

“Le impressionanti formazioni rocciose dei Needles sull'Isola di Wight attirano quasi 500,000 visitatori ogni anno. Eppure, come molti degli habitat marini della Gran Bretagna, la bellezza e la biodiversità delle barriere coralline di gesso dell’isola che si trovano sotto, dai nudibranchi e razze alle seppie e ai labridi, sono in gran parte sconosciute ai più.

“Esplorando le barriere coralline meno profonde in una sera d'estate, la mia missione era quella di catturare un'immagine grandangolare che documentasse questo straordinario habitat locale, combinando sia le imponenti foreste soprastanti che gli anemoni che governano il fondale marino gessoso sottostante.

"Dopo diversi tentativi insoddisfacenti mi sono imbattuto in questo canalone pieno di serpenti e, sprofondando nella foresta sottostante, ho trovato la composizione che stavo cercando."

Tobias Friedrich commenta: “Che immagine straordinaria! Questa atmosfera magica e mistica è semplicemente esplosiva. Un ottimo esempio di ciò che si può ottenere anche con una piccola macchina fotografica e un buon occhio artistico. Il primo piano sfocato ti dà addirittura l'impressione di trovarti in un mondo minuscolo, con lo sguardo rivolto verso l'erbaccia. Molto ben fatto! L’unico piccolo, piccolo inconveniente è lo sprazzo di sole, che è un po’ troppo luminoso.“

(Scattata con una Sony A6400, 16-50mm, custodia Fantasea FA6400, f/10, 1/160, ISO 500)

Vincitrice del British Waters Macro: Kirsty Andrews (Regno Unito)

Mangiatori di uova © Kirsty Andrews / UPY 2023
Mangiatori di uova © Kirsty Andrews / UPY 2023

“Ho ammirato a lungo le foto di altri nudibranchi che si nutrono delle bobine delle uova di altre specie di nudibranchi in tutto il mondo. Avevo visto anche questa specie di nudibranchi, Favorinus branchialis, prima, e sapevo che si nutriva in questo modo, ma non l'avevo mai visto in azione fino a poco tempo fa.

“Sono stato quindi entusiasta di trovare tre grandi esemplari che si nutrivano di una grande bobina di uova nelle Shetland, in Scozia. Le uova erano larghe diversi centimetri, disposte in un’ampia spirale, quindi la sfida era isolare una composizione attraente di uova e nudibranchi”.

Tobias Friedrich commenta: “Che composizione bella e pulita di questi nudibranchi. Fin dall'inizio questa immagine ha attirato la mia attenzione e sapevo che era più che probabile che vincesse questa categoria. Non è solo uno scatto macro ma anche un ritratto e contiene inoltre un elemento comportamentale. Cos'altro puoi desiderare? Molto ben fatto e complimenti!”

(Scattato con una Nikon D500, 60mm, custodia Nauticam NA D500, due flash Retra Pro, f/29, 1/250, ISO 320)

Vincitore di British Waters Living Together: Dan Bolt (Regno Unito)

Barriera corallina © Dan Bolt / UPY 2023
Barriera corallina © Dan Bolt / UPY 2023

“Inizialmente eravamo interessati a questo sito nel Loch Fyne [Scozia occidentale] per i campi di anemoni pirotecnici, ma di uguale interesse era un vecchio tubo che aveva questa copertura protettiva in cemento modellata lungo tutta la sua lunghezza. Questa barriera corallina artificiale poco profonda ospitava molte specie diverse, tra cui alcuni grandi scampi (Nefrops norvegicus) che sembravano imperturbabili dalla mia presenza."

Commenti di Alex Mustard: “Una struttura del fondale marino fornisce l’habitat perfetto per la vita marina e un ottimo sito di immersione ricreativa per le persone. La composizione bilancia perfettamente lo scampo, mentre corre attraverso l’intrigante struttura, con il subacqueo.”

(Taken con una Olympus OM-D E-M1, un fisheye Panasonic da 8 mm, Aquatica A-EM1 alloggio, due flash Sea & Sea YD-D1, f/5.6, 1/30, 1250)

Vincitore del British Waters Compact: Tony Reed (Regno Unito)

Crack Rock Blenny © Tony Reed / UPY 2023
Crack Rock Blenny © Tony Reed / UPY 2023

“Sono diverse settimane che torno in questo punto di Crack Rock [Babbacombe, Devon] per catturare la bavosa variabile. Si stava prendendo cura delle sue uova all'interno della fessura, quindi stavo cercando di catturare il punto in cui le uova si schiudevano.

“Essendo un piccoletto così curioso, si muoveva sempre, avvicinandosi alla fotocamera finché non è arrivato a questo punto in cui ho scattato qualche scatto. Non sono rimasto troppo a lungo perché non volevo avere effetti negativi o dannosi sul comportamento genitoriale. È stato fantastico vedere un aumento della bavosa variabile attorno a Torbay negli ultimi due anni”.

Commenti di Alex Mustard: “Le bavose variabili sono relativamente nuove sulle nostre coste e non posso credere che ne sia mai stata catturata una così perfetta prima d’ora. Che ritratto!”

(Scattata con una Olympus TG4, custodia Olympus PT-056, Light & Motion video leggero, f/4.9, 1/250, 200)

Tutte le immagini vincitrici possono essere viste nella classifica Underwater Photographer of the Year Galleria del vincitore sito web e ce n'è anche uno gratuito eBook scaricabile dei vincitori. Dal sito è possibile scaricare anche gli annuari fino al 2015.

Anche su Divernet: Masterclass di fotografia subacquea di Alex Mustard, Diventa il campione! – Senza strobo, Diventa il campione! – Palau, Diventa il campione! – Scuole

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x