Viaggio nervoso da Auto a Manuale

Nervoso
Nudibranco, f/10, 1/125, ISO 320

ROSS MCLAREN è riuscito bene con le sue telecamere bloccate in automatico, ma sapeva che non sarebbe potuto rimanere così per sempre. Un corso serale lo aiuterebbe a fare il salto?

“Tutta l'attrezzatura e nessuna idea” – non sono sicuro di chi abbia inventato quella frase, ma chiunque sia stato, credo che l'abbia scritta pensando a me. Sicuramente mi riassume. 

Sono la gazza delle immersioni: se è nuovo e brillante, lo voglio! Poi ricevo "qualcosa di nuovo" e tre o quattro mesi dopo voglio aggiornarlo, il che fa impazzire Rachel, ed è giusto che sia così.

Quindi, quando ho deciso di iniziare a prendere il mio fotografia subacquea "sul serio", si sono sentiti dei lamenti udibili... e provenivano solo dalla carta di credito.  

Per essere sincero, negli ultimi tre anni ho provato cinque fotocamere subacquee e configurazioni senza sapere davvero come usarle correttamente. Ho chiesto ad alcune persone e accettato consigli in quel periodo, ma in realtà fino a settembre 2021 la mia fotocamera (indipendentemente da quale) era stata lasciata sull'impostazione Auto, e tutto quello che dovevo fare era puntarla, premere il pulsante e sperare per il meglio. 

E tu sai cosa? Per me ha funzionato, come sospetto che funzioni per molti subacquei.  

Nervoso
Anemone di fuochi d'artificio, f/4, 1/160, ISO 320

Ma dopo aver speso una piccola fortuna per “tutta l’attrezzatura”, alla fine dello scorso agosto ho deciso che forse era giunto il momento di investire nella rettifica della parte “nessuna idea” della frase. Quindi mi sono iscritto per a Fotografia per le lezioni serali per principianti presso il nostro college locale. 

Allora, come potrebbe aiutarmi con il mio fotografia subacquea? Riprendere un modello in uno studio in cui puoi controllare tutto, dall'illuminazione al soggetto stesso, è quanto di più lontano puoi ottenere dallo fotografare un granchio nelle acque nere come la pece e piene di sedimenti di Loch Long. Ed è quello che mi dice fotografia subacquea di solito è tutta una questione di scatti macro della vita marina.

Mezzo passo

Detto questo, i principi generali sono essenzialmente gli stessi. Non puoi chiedere al granchio di girare mezzo passo a sinistra, ma il mio obiettivo principale era staccarmi dall'impostazione Auto. Per quanto i risultati automatici potessero essere accettabili (comunque 1 su 80 scatti), ho scoperto che quando sono arrivato a modificarli il rumore causato da un ISO elevato rendeva tutto più difficile. Quelle immagini sembravano davvero sgranate. 

Mi sono reso conto che avevo paura di scherzare con la mia macchina fotografica sott'acqua. Cercare di modificare le impostazioni (apertura, velocità dell'otturatore e ISO) mantenendo l'equilibrio, mantenendo il soggetto a fuoco, assicurandomi che l'illuminazione fosse corretta, tenendo d'occhio il mio amico e così via, mi è sembrato un po' scoraggiante, se non potenzialmente pericoloso. 

Quindi frequentare il corso notturno mi ha permesso di sentirmi a mio agio nel fare tutte le cose che dovevo fare in superficie prima di provarle sotto le onde.  

Nervoso
Nudibranco, f/13, 1/125, ISO 320           
Nervoso
Nudibranco, f/8, 1/60, ISO 320

Una volta padroneggiata (uso questo termine in modo approssimativo) la superficie fotografia, era ora di cambiare provvisoriamente il quadrante su Manuale e immergere il piede nell'acqua con un po' di lavoro subacqueo. 

Quelle prime foto non sono andate come avevo previsto. Quello che non avevo realizzato della mia fotocamera era che lo schermo sul retro aveva un'impostazione che aumentava la luminosità del display, il che non era utile. Ogni scatto appariva correttamente illuminato sullo schermo sott'acqua, ma quando li abbiamo rivisti in seguito erano tutti troppo scuri. Immagino di non aver imparato tutto, dopotutto. 

Pazzesco

Alcuni YouTube video più tardi durante l'intervallo di superficie (per fortuna avevamo il 4G nel sito di immersione) ed era ora di riprovare. I risultati questa volta sono stati decisamente migliorati – non perfetti (non sono sicuro di aver mai fatto uno scatto “perfetto”), ma 100 volte migliori. Anche la granulosità delle immagini è stata notevolmente ridotta. 

Rispetto alla precedente impostazione Auto le immagini erano sicuramente più scure, ma riducendo l'ISO che l'Auto aveva sempre voluto rendere pazzesco, sono riuscito a schiarirle in post-produzione – modificando in Lightroom – e ottenere il immagini decisamente più nitide. 

Attraverso discussioni con altri fotografi e tentativi ed errori alla fine sono riuscito a trovare alcune impostazioni "di base" e ho potuto impostare la fotocamera su queste prima di entrare in acqua, in modo che una volta entrato avrei potuto dover modificare solo una delle tre opzioni .  

Nervoso
Nudibranco, f/14, 1/250, ISO 320 
Nervoso
Anemone piumato, f/7.1, 1/125, ISO 320           

Passare da una GoPro a una fotocamera compatta/mirrorless/DSLR è scoraggiante sia in termini di prezzo che di complessità per molti fotografi subacquei in erba. Gli esperti insistono sul fatto che dovresti scattare in manuale e che non otterrai il massimo dalla tua fotocamera se non lo fai. 

Hanno ragione, in una certa misura, anche se non c'è niente di sbagliato nel lasciare la fotocamera su Auto e lasciare che faccia tutto il lavoro se funziona per le tue esigenze. Nonostante sia stata impostata su Manuale negli ultimi sei mesi, alcune delle mie foto migliori rimangono quelle scattate su Automatico. 

Il miglior consiglio che posso offrire a qualcuno che non ha esperienza nelle impostazioni manuali e che desidera passare da una action cam a una fotocamera dedicata è di iniziare con l'Auto per il primo istante e trovare ciò che fa per te e cosa ti senti a tuo agio nell'usare . Quindi, se ti senti sicuro, puoi imparare a utilizzare la fotocamera in manuale alla tua velocità in superficie prima di portarla sott'acqua. 

Ascolta tutti i consigli, trova ciò che funziona meglio per te e, soprattutto, divertiti!

immersione

Ross McLaren si immerge principalmente nei numerosi siti facilmente raggiungibili da Glasgow. Produce e presenta video sugli aspetti delle immersioni subacquee scozzesi sulla BBC Scotland online piattaforma BBC il sociale. Anche da Ross su DivernetImmergersi con un neonato, The Long Game ed Stella scozzese

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x