Abbattere i muri per vedere meglio

archivio – FotografiaAbbattere i muri per vedere meglio

La British Society of Underwater Photographers, meglio conosciuta come BSoUP, è stata una delle prime società fotografiche subacquee al mondo. Giunto al suo cinquantesimo anno, il co-fondatore COLIN DOEG ci guida attraverso mezzo secolo di evoluzione fotografica

IN UNA NOTTE FREDDA E BUIA nel novembre del 1967, sedici persone si stiparono nel soggiorno di una casa nel nord di Londra. Avevano un interesse comune: sott'acqua fotografia – e ha già ottenuto diversi livelli di successo nell’ottenere immagini da sotto le onde.
Del gruppo facevano parte due dipendenti Kodak, il responsabile della stampa a colori di quello che era considerato il miglior laboratorio fotografico di Londra, il vicedirettore del quotidiano serale più diffuso al mondo all'epoca, esperti di pubblicità e pubbliche relazioni e un medico di famiglia e medico di famiglia ampiamente rispettato. medico subacqueo.
Due ore dopo era stata creata la British Society of Underwater Photographers, erano stati eletti i funzionari, fissati gli obiettivi e organizzato un incontro per il mese successivo, in modo che ognuno di noi potesse mostrare e discutere alcune delle nostre foto.
Non male se si considera che tutto è avvenuto perché mi erano state inviate per errore delle diapositive destinate a Peter Scoones. Ma fu così che ci incontrammo, scoprimmo che ognuno di noi aveva l'idea di fondare una società fotografica, e finimmo per far circolare i club di diving dicendo a chiunque fosse interessato che stavamo organizzando un incontro per discutere dell'idea.
Quel primo incontro e molti altri si sono svolti a casa di Peter dove, a causa delle limitazioni della stanza in cui ci siamo incontrati, inizialmente le diapositive potevano essere proiettate solo di piccole dimensioni.
Non ci abbiamo più pensato fino all’incontro successivo, quando ci siamo ritrovati a riunirci in un’area molto più ampia. Peter, il segretario originale, aveva abbattuto uno dei muri in modo che le nostre immagini potessero essere più grandi. Siamo rimasti colpiti.
Cominciò facendo un buco nel muro e proiettandovi attraverso alcune diapositive, ma le immagini erano ancora piccole.
Così continuò ad allargare il buco finché, alla fine, non ebbe demolito l'intero muro. Solo allora si rese conto che si trattava di un muro portante!
I negozi stavano chiudendo, così corse fuori e comprò un pezzo di legno abbastanza resistente da impedire che la casa cadesse. Quelli erano i bei vecchi tempi. Non siamo stati ostacolati da norme e regolamenti.
Durante l'incontro si è discusso anche della necessità di un logo. Il defunto Kendall McDonald, vicedirettore del ormai scomparso London Evening News, si offrì di rivolgersi a uno degli artisti del giornale per avere delle idee.
L'artista ha tracciato alcune linee su un pezzo di carta e ha prodotto il logo che da allora è rimasto sostanzialmente invariato (sopra). È stato premiato con un pacchetto di 10 sigarette: eravamo stati avvertiti di non essere troppo generosi!

OBIETTIVI CONCORDATI NELLA PRIMA RIUNIONE – dove sono stato eletto presidente – includeva l’affidamento e la promozione fotografia subacquea in tutti i suoi aspetti, sia come arte che come mezzo di illustrazione, nonché per incoraggiare e far conoscere la ricerca e lo sviluppo di tecniche e attrezzature. È stato istituito un forum per discutere idee e problemi di interesse comune.
L'annuale sottoscrizione was three guineas, payable in advance. That’s just over £3, about the cost of a 35mm film.
Furono organizzati più incontri per l'inverno, perché d'estate saremmo stati troppo occupati a fare immersioni e a scattare foto nelle acque britanniche.
È stato anche suggerito alla società di trovare un'agenzia fotografica per gestire il lavoro dei membri, ma Gillian Lythgoe è andata meglio. Ha fondato Seaphot, che è diventato famoso in tutto il mondo.
Abbiamo organizzato cliniche di stampa e diapositive per aiutare i membri con consigli. Questi hanno funzionato bene per anni ma, con la crescita di BSoUP, i membri sono diventati riluttanti a esporre le loro immagini difettose a un pubblico sempre più vasto.
Core-members of BSoUP were from London Branch of the British Sub-Aqua Club. Indeed, if you were keen on fotografia subacquea, dovevi davvero essere un membro di quel ramo, ed era un gruppo selezionato da lì a fornire la formidabile base tecnica della società.
Invece di prestare servizio militare, Peter Scoones si arruolò regolarmente nella Royal Air Force in modo da poter "imparare qualcosa di utile". Si è formato come fotografo ed è diventato esperto in foto e cinematografia, oltre a riparare macchine fotografiche.
Coming from a sailing family, he was active in the RAF’s sailing club in Singapore, where he was stationed. To speed up the cleaning of the hulls of the boats, he started snorkelling and diving underneath them.
Fascinated by the colourful marine life and scenery, he began making housings for his cameras from Perspex scrap, and helped to form a diving club. It had to create its own training programme and was helped – very unofficially – by Navy divers to use oxygen rebreathers, before changing to air with home-made demand valves and oxygen cylinders discarded after use in aircraft.
Tim Glover ha lavorato nella divisione di ricerca di Kodak realizzando, tra le altre cose, prototipi di fotocamere che presto furono messe in vendita.
Il suo collega Geoff Harwood era un consulente tecnico il cui compito era risolvere i problemi dei clienti e persino costruire attrezzature speciali per soddisfare le loro esigenze. È stato anche l'autore del volantino definitivo della Kodak sull'argomento fotografia subacquea e come scattare foto di successo.
La coppia è stata responsabile della creazione del databook BSoUP. Una cartella blu piena zeppa di informazioni tecniche regolarmente aggiornate, era la classica fonte di riferimento, soprattutto per i membri impossibilitati a partecipare alle riunioni di Londra.
Oltre a lavorare per un'agenzia pubblicitaria internazionale, Mike Busuttili aveva un occhio attento per la buona immagine. In qualità di ufficiale subacqueo della filiale di Londra, ha sperimentato un nuovo programma di addestramento così efficace che è stato adottato dal club, con Mike nella posizione appositamente creata di ufficiale di addestramento nazionale. Successivamente, dopo 11 anni come amministratore delegato di Spirotechnique UK, si è trasferito in Francia come direttore marketing di La Spirotechnique.
Tim, Geoff and Mike were believed to be the first British divers to venture to the Red Sea and return with successful pictures. They were sleeping on the beach and just walking into the water. Others used to hire cars, park on the beach, sleep in them and wade in with their cameras.

LA CONTRADDIZIONE DI my interest in underwater photography was that I did most of my National Service in Egypt, within 100 miles of the Gulf of Suez, but never owned a camera.
Ero un membro dei Buckshee Wheelers, un club ciclistico delle Forze. In sella alle biciclette donate dall'industria ciclistica del Regno Unito, abbiamo organizzato corse e gare di club, spesso inseguiti da branchi di cani selvatici con mascelle striscianti e denti spaventosi come quelli di uno squalo.
Successivamente ho imparato ad immergermi e, grazie al mio background nei giornali e nelle pubbliche relazioni, ho capito che c'era richiesta di parole e immagini sul nuovo regno catturando l'immaginazione di tutti in seguito al successo dei film in TV e al cinema sulle imprese dei due grandi pionieri: Hans Hass e Jacques Cousteau. Così ho comprato un tascabile 7s 6d e ho tentato di imparare da solo.
Un altro membro originale era Phil Smith, un fotografo professionista con sede nel Dorset. Successivamente siamo stati raggiunti da Ley Kenyon, un fotografo e regista famoso anche come falsario coinvolto in una delle più grandi fughe da un campo di prigionia in Europa, da parte dei prigionieri che si nascondevano all'interno di un enorme "cavallo" ginnico.
Warren Williams joined about two years later. Out of curiosity he used to swim in ponds on Hampstead Heath wearing goggles and using a crudely “waterproofed” torch to see what was there. By the time he was 16 he was trying to make his own breathing apparatus.
Dopo il servizio militare dovette affrontare il dilemma se unirsi alla rivista Vogue come apprendista fotografo o tornare al suo mestiere di costruttore di strumenti scientifici.
Alla fine vinse la costruzione di strumenti e portò un nuovo standard di lavorazione per le custodie e le altre apparecchiature realizzate da coloro che avevano la fortuna di avere le proprie officine.
Altrimenti dovevi trovare qualcuno che realizzasse una custodia per la tua macchina fotografica o comprasse un vestito di produzione commerciale. L'alloggiamento supremo era il Rolleimarin. Sviluppato da Rollei in collaborazione con Hans Hass, è stato un piacere da usare, soprattutto in acque limpide e ben illuminate. Tuttavia, era costoso e richiedeva solo una pellicola da 12 immagini: pensate a questo, voi tutti utenti di memory card!
Era disponibile anche un alloggiamento per una Leica. Anche quello non era economico, ma la fotocamera ha scattato una pellicola da 36 esposizioni.
Poi è arrivata sul mercato la CalypsoPhot. Ricordo di averne visto uno nella vetrina di un negozio in Francia. Costava £46.
Dopo due anni di scarsi risultati utilizzando una macchina fotografica da 10 sterline in una custodia rozza, ne ho acquistata una in un ultimo, disperato tentativo di produrre un'immagine decente.
Erano tempi emozionanti. Gill Lythgoe ha calcolato che solo una persona su un milione nel Regno Unito era un fotografo subacqueo. Quindi eravamo speciali. Siamo stati pionieri. Siamo stati fonte di ispirazione l'uno per l'altro. Eravamo pieni di entusiasmo e di idee. La vita era enormemente divertente e spero che continui ad esserlo per tutti coloro che portano una macchina fotografica sott'acqua.

DURANTE UN PERIODO GLORIOSO, le riunioni dei comitati sono continuate fino allo svuotamento dell'ultima bottiglia e non abbiamo mai redatto alcun verbale. Questo aveva il grande vantaggio che ogni mese si poteva discutere sugli stessi argomenti, perché nessuno si ricordava cosa era stato detto prima.
Nevertheless, much came out of that period that is taken for granted these days. In the battle to photograph a full-length diver in British waters, the likes of Peter, Geoff and Tim ground wide-angle lenses from pieces of Perspex.
At the same time, dome-ports started to be made. They were a cheaper solution to overcoming the way light bends due to refraction when it passes through the air-water interface. To do this, Perspex sheet was warmed and softened in an ordinary oven before being clamped in a special rig so that compressed air could be used to gently form it into shape.
I flash elettronici di ogni forma e dimensione cominciarono ad essere protetti in custodie di vario tipo in sostituzione dei flash, che tendevano ad accendersi solo quando i collegamenti erano perfetti. I flash di oggi sono più piccoli, spesso più potenti e molto più affidabili.
Soon it was realised that different ports could be created for different lenses, provided they all fitted a standard-sized aperture in the body of the housing. So interchangeable ports were created.
Le due funzionalità mancanti in quei primi giorni erano le funzionalità di esposizione automatica di fotocamere e flash. Questi hanno trasformato il modo di scattare foto.
C’era a quei tempi un’enorme sete di conoscenza. In molti sensi, è stato più stimolante imparare incontrando persone durante conferenze e conferenze che, come facciamo oggi, esplorando i siti web, anche se sono una fonte di molte più informazioni.
Tuttavia, è stato incoraggiante apprendere che un importante fotografo commerciale che guadagna migliaia di sterline al giorno avrebbe dovuto mandare a casa il personale della camera oscura e lavorare dal tramonto all'alba, anche se con l'aiuto di una bottiglia di scotch, per produrre finalmente l'unica immagine che aveva desiderato. sapeva che il suo cliente aveva bisogno.

I LEGGENDARI SPLASH-IN DI BSOUP è iniziato subito dopo la nostra formazione. Inizialmente ci incontravamo in un posto vicino a Londra, di solito Shoreham nel Sussex, per immergerci come desideravamo e incontrarci la settimana successiva per mostrarci a vicenda i nostri risultati.
Successivamente la sede si è spostata allo Swanage Pier, a poco più di tre ore di macchina dal centro di Londra.
Le immagini scattate sotto il molo o nella vicina Kimmeridge Bay vincevano regolarmente premi nei concorsi. Entrambi i siti offrivano l'essenziale per scattare belle foto: erano facili da raggiungere e sapevamo cosa c'era.
In effetti, l’area è diventata così familiare che abbiamo potuto immaginare potenziali immagini e pianificare di scattarle. Se una visita falliva, sapevamo che avremmo potuto tornare più volte finché non avessimo perfezionato lo scatto. Abbiamo trattato il molo e la baia come uno studio fotografico.
Phil Smith, il primo a vincere l'ambito titolo di British Underwater Photographer of the Year ai festival cinematografici e fotografici organizzati da molti anni dalla rivista DIVER, ha scattato la sua immagine vincitrice di una bavosa tompot sotto il molo.
Alcuni anni dopo Martin Edge, autore dell'acclamata serie di libri The Underwater Photographer, fece addirittura in modo che diversi subacquei posizionassero dei flash attorno a una buca di bavose per la sua versione.
Martin regarded our meetings as so important that he drove from Dorset to London every month. He is now one of the most respected gurus on underwater photography, teaching divers how to take pictures as well as arranging expeditions and dive trips.
È nata l'idea che tutti si immergessero nella stessa zona nello stesso giorno per un periodo di tempo specifico e successivamente si incontrassero per vedere chi produceva le immagini migliori. L'abbiamo chiamato Splash-in, e così è nata l'idea di una sparatoria di un giorno.
Sospettavamo che fosse da una nostra idea che queste gare popolari si diffusero in tutto il mondo.
Dopo alcuni anni siamo stati invitati a spostare lo Splash-in al Fort Bovisand Underwater Centre di Plymouth, dove è rimasto fino a quando non è stato sostituito dal British and Irish Underwater Championship nel 2015.
L'evento originale si teneva ogni anno, con la pioggia o con il vento. Spesso il tempo era così brutto che tutti facevano la fila nelle vicine pozze rocciose per il loro turno per entrare e cercare di produrre un vincitore. La concorrenza è stata intensa. Molti sono andati a Plymouth una settimana prima per controllare la zona in anticipo.
I concorrenti hanno ritirato una pellicola a colori da 35 mm contrassegnata da esporre nelle vicinanze di Plymouth. I filmati sono stati elaborati la sera stessa, in modo che i concorrenti potessero selezionare i loro lavori per essere giudicati dal pubblico in attesa di fotografi, amici e subacquei locali.
Elaborare manualmente fino a 70 o 80 pellicole a colori in poche ore una volta all'anno non sempre andava secondo i piani. Alcuni anni le luci venivano accese nel momento sbagliato o le sostanze chimiche non venivano cambiate al momento giusto, ma tali problemi venivano solitamente trascurati sia dai fotografi che dal pubblico, soprattutto quando le ore e le bevande si trascinavano.
Erano i tempi in cui avere una camera oscura era un enorme vantaggio. Altrimenti dovevi aspettare fino al buio e trasformare una cucina o un bagno in uno spazio temporaneo.
In summer, when you were struggling for hours to produce competition-winning entries, it didn’t leave much time for sleep. I used to convert the bathroom, and then wake my wife every hour to ask her which version of a print she preferred.
Alla fine ci siamo trasferiti, così ho potuto avere una camera oscura ed entrambi potevamo goderci una notte di sonno migliore.

OVVIAMENTE, la rivoluzione più grande è stata l’introduzione del digitale fotografia ed computer. Suddenly you could check that your images were coming out while you were still under water. You didn’t have to bring your exposed films back from a trip and have them processed before you knew if they were OK. You didn’t need a darkroom any more. You could do just about everything in daylight, anywhere you liked.
If your camera took RAW files you could do so much more to save badly exposed images. If you were computer-literate and could use programmes such as Photoshop you could do far more with images than all the darkroom technicians and photo-retouchers.
È interessante notare che questa rivoluzione è nata dai tentativi di rendere più facile e veloce per i fotoreporter scattare le loro foto e trasmetterle ai loro giornali. Prima dovevano tornare in ufficio come dei pazzi o utilizzare fattorini per portare le loro pellicole nelle camere oscure.
Ma tutto ciò accadeva ancora molti anni dopo la nascita di BSoUP, e molto tempo dopo che eravamo stati invitati a parlare alle riunioni della Royal Photographic Society e ad allestire un'importante mostra del nostro lavoro presso il suo quartier generale.
In quei primi anni organizzammo anche due importanti conferenze cinematografiche e fotografiche a Londra, invitando importanti fotografi e cameramen di altri paesi.
Oggi BSoUP continua a prosperare, soprattutto con ambasciatori come Alex Mustard, a mio avviso uno dei fotografi più eccezionali al mondo.
Le sue immagini migliorano continuamente, eppure è sempre generoso con le sue conoscenze e i suoi consigli come i membri originali. Avrebbe avuto un ballo del genere se fosse stato con noi all'inizio.
Abbiamo anche avuto tre “sedie” di particolare successo: Linda Dunk, Martha Tressler e Joss Woolf – non siamo sessisti, vogliamo solo le persone migliori per il lavoro – mentre il presidente Brian Pitkin ha dato un maggiore contributo individuale alla società. per molti anni rispetto a qualsiasi altro membro. Passa al nostro intero secolo.

CHIAVE DELLA DIDASCALIA

 I fotografi si arrampicano su rocce addobbate di alghe scivolose per entrare in acqua in uno dei primi Splash-in a Fort Bovisand all'inizio degli anni '1970.

 Un fotografo in azione in acque limpide e ben illuminate vicino a Newton Ferrers, nel Devon, negli anni '1960.

 Subacquei che risalgono la linea di tiro dopo un'immersione con Club Med nel 1963.

 Sì, lo sappiamo... non riusciresti a farla franca con una foto come questa adesso, ma nel 1965 i tempi erano diversi nel Mediterraneo.

 Tim Glover (a destra) e Peter Dick inseriscono con cura una fotocamera Rolleiflex nella sua custodia nel 1959

 Glover addobbato con macchine fotografiche e altra attrezzatura durante un'immersione al largo dell'isola italiana del Giglio nel 1962; una band che si esibiva per Peter Scoones all'inizio degli anni '1970.

 Colin Doeg e le telecamere a Eilat, Golfo di Aqaba, nel 1994

 più ora comportamento non PC poiché Geoff Harwood nutre i pesci da un riccio di mare rotto al Giglio nel 1962

 taken in 1979, this display shows the wide variety of equipment already designed, made or modified and used by Warren Williams for his fotografia.

 Il Bromley BSAC gioca a Murderball, la loro versione del rugby subacqueo nei primi anni '1980

 Peter Scoones in 2007 demonstrates his latest video outfit to Warren Williams (centre) and Tim Glover (right).

 Un classico ritratto di pesce scattato nel 1963 da Colin Doeg vicino alle Tilly Whim Caves, Dorset

 Servizio di moda anni '1970 di Peter Scoones. Oggi gli apneisti sono popolari come modelli, ma a quei tempi i modelli venivano solitamente legati al fondale marino e alimentati con aria dai subacquei in attesa.

 Un uso attento del flash ha prodotto questa immagine drammatica, vincitrice dello Splash-in per Warren Williams nel 1972.

 Use of a polecam – basically a camera attached to a pole – enabled Williams to reveal these unexpected colours in a river in 2016. Peter Scoones was the first wildlife underwater cameraman to conceive the idea of videoing killer whales in Norwegian waters and great white sharks off South Africa in this way. Today sophisticated versions are universally used by cameramen, who do not need to be trained divers.

 Rays of the Spectrum, la prima fotografia scattata nelle acque britanniche a vincere una competizione subacquea aperta. È stata scattata a Kimmeridge Bay, Dorset, da Colin Doeg nel 1967 e il suo premio era un completo Nikonos completo.

 Pesce farfalla dorato nel Mar Rosso negli anni '1970. Bilanciare la luce ambientale e il flash per produrre un effetto così naturale ha richiesto calcoli complessi; oggi avviene tutto automaticamente.

 Is this the world’s first underwater selfie? Mike Busuttili took this photo of himself and an angelfish in Marathon Key, Florida in the 1970s.

UN'IMMAGINE CHE HA FATTO LA STORIA

PRESO TARDI 1980 di Peter Scoones, questa tripla esposizione ha vinto il premio principale al Concorso Internazionale Blue Aqaba in Giordania, e successivamente è stata inserita in programmi culturali a beneficio dell'UNICEF.
World in Our Hands consisted of three images superimposed on each other within the camera. Peter had returned to shore each time to rewind the film and change the lens so that the combined photographs produced the final effect. Typically, he pushed the boundaries by combining three shots rather taking a more conventional double-exposure.
The colourful soft coral was taken with a circular fisheye adapter on a wide-angle lens to reduce its size. Then the film was rewound to a different position in the camera and another competitor posed with his hands held aloft to cradle the pre-exposed “globe“.
Finally, Peter returned to shore, rewound the film yet again and fitted a different lens before returning to find and photograph a shoal of anthias.
Some years later, he reshot the image with the hands of his wife, Georgette Douwma, cupping the globe. This second shot is used for the Peter Scoones Trophy which goes each year to the winner of the new British & Irish Underwater Championship (BIUC).
La competizione sostituisce la storica Splash-in, si tiene a Plymouth e attira fino a 80 concorrenti. Ispirato dall'attuale presidente Paul Colley, sfrutta le nuove opportunità rese possibili dall'imaging digitale.
I fotografi possono scattare le loro foto ovunque nelle acque britanniche o irlandesi entro un periodo specifico e inviarle tramite e-mail. Alcuni usano luoghi segreti; altri rendono la giornata un'occasione speciale per un club o un gruppo e mantengono l'aspetto sociale degli Splash-in originali.

Apparso su DIVER febbraio 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x