IMMERSIONI FLUO Night & Day

archivio – FotografiaFLUO-DIVING Night & Day

STUART WESTMORELAND ha scritto il corso di specialità distintivo Fluorescent Night Diver di PADI, e ritiene che ci sia molto di più nelle immersioni al fluo che semplici immersioni notturne e foto insolite, anche se quelle scattate qui dall'autore e da LYNN MINER sembrano piuttosto belle!

IMMERSIONE IN FLUORESCENZA O FLUO ha guadagnato popolarità in tutto il mondo negli ultimi anni, ma è ancora considerato nuovo perché tanti subacquei e persino istruttori non vi sono mai stati esposti.
Immergersi in fluorescenza significa utilizzare una torcia a luce blu e mask filtro barriera per la visualizzazione della biofluorescenza. Certa vita marina emette luce con una lunghezza d'onda più lunga (della luce visibile) quando illuminata con luce blu o di eccitazione a lunghezza d'onda più corta, e l'effetto può essere molto drammatico, un po' come ritrovarsi in una versione subacquea di Avatar.
Molte specie di animali dal guscio, strutture di coralli molli e duri, polipi di corallo, alcuni pesci e anemoni emettono questa luce e la parola “emettere” è importante.
Questo non è il tipo di luce che si ottiene durante un'immersione notturna quando il raggio della torcia a luce bianca viene riflesso dalla barriera corallina e rimbalza ai tuoi occhi. La luce emessa viene creata dall'organismo e inviata a te.
Questa non è bioluminescenza, che è un processo completamente diverso in cui l'organismo crea la propria luce attraverso un processo chiamato chemioluminescenza. La bioluminescenza non ha bisogno di luce di eccitazione: tutto avviene internamente attraverso una reazione chimica, come fanno le lucciole sulla terra.
Lo spettro visibile della luce è la fetta incredibilmente sottile dello spettro elettromagnetico che possiamo “vedere”.
Si trova tra le onde radio a bassa energia, a bassa frequenza e con lunghezza d'onda estremamente lunga e i raggi gamma ad alta energia, ad alta frequenza e con lunghezza d'onda estremamente corta (e mortali).
La “larghezza di banda” delle lunghezze d’onda della luce che la persona media può vedere va da circa 400 nm (nanometri) o 400 miliardesimi di metro, che è viola intenso (quasi nero), a circa 750 nm rosso scuro (di nuovo, quasi nero).
Lo schema illustra l'effetto di fluorescenza. Quando un fotone di luce ad alta energia e a lunghezza d'onda corta (blu nel nostro caso) colpisce una proteina (denominata genericamente proteina fluorescente verde o GFP), assorbe quell'energia luminosa.
Ciò fa sì che gli elettroni dei suoi atomi costituenti facciano un salto quantico da un livello elettronico di valenza a un livello superiore. Quindi questo cambiamento di stato energetico “decade”, in effetti istantaneamente, tornando al suo stato di riposo o involucro.
Quando si verifica questo decadimento, l’elettrone cede o “emette” un fotone di luce, ma a un’energia inferiore e a una lunghezza d’onda maggiore. I colori emessi sono determinati da quanti “salti” fa l’elettrone e decade di nuovo. È qui che la subacquea e la fisica quantistica si scontrano.
La lunghezza d'onda della luce utilizzata nella maggior parte delle torce fluorescenti è una banda stretta nel blu, compresa tra 440 e 480 nm, quindi non si tratta di immersione nell'ultravioletto (UV) o nella luce nera, come molte persone la chiamano.
Esistono aziende che producono torce UV per uso subacqueo, ma la luce blu è molto più efficiente nello stimolare la fluorescenza della GFP e le sue mutazioni rispetto alla luce UV.
Questo perché l’unica luce disponibile a profondità superiori a circa 10 metri d’acqua è blu, ed è in questa luce che organismi come i coralli si sono evoluti nel corso degli eoni.
La maggior parte della luce UV proveniente dal Sole rimbalza sulla superficie dell'acqua e quella che penetra non arriva oltre pochi centimetri. La luce UV è una fonte di luce molto inefficiente per le immersioni con fluorescenza.

NON È BEN COMPRESO perché alcuni coralli e altre creature marine si sono evoluti per diventare fluorescenti, sebbene esistano molte teorie. Potrebbe servire come una forma di protezione solare, proteggendo i coralli in acque poco profonde dall’energia UV del sole, o potrebbe essere una forma di comunicazione tra le specie.
Molte persone pensano che solo i coralli duri siano fluorescenti, ma i termini “duro” e “molle” applicati ai coralli possono essere fuorvianti. Ad esempio, il corallo cervello è solitamente considerato un corallo duro ma in realtà fa parte della famiglia dei coralli molli LPS (Long Polyp Stony), perché il corallo vivo è costituito da minuscole creature molli che vivono e muoiono, costruendo una grande struttura pietrosa sopra i decenni. Lo stesso vale per i coralli SPS (Small Polyp Stony).
Questi sono i soggetti corallini che danno la maggior parte degli effetti fluo, mentre i coralli molli come quelli della famiglia delle Alcyonacea raramente emettono fluorescenza. Come in tutte le famiglie, ci sono delle eccezioni alla regola, ma il messaggio è che molti tipi di coralli sono fluorescenti e molti altri no.
Questo fa parte del fascino delle immersioni con il fluo: è ancora possibile fare le proprie scoperte come cittadino-scienziato.
Insieme alla torcia a luce blu, hai bisogno di un filtro barriera per il tuo maske per la tua fotocamera se hai intenzione di scattare foto. Questo “blocca” la luce blu che viene riflessa verso di te da tutto ciò su cui la illumini: senza di essa, tutto ciò che vedrai è un blu molto brillante.
I filtri barriera sono progettati per tagliare tutte o la maggior parte delle lunghezze d'onda nella parte blu dello spettro. La luce emessa dall'organismo è solitamente così fioca da essere sopraffatta dalla luce blu, ma bloccando il blu tutto ciò che vedi sono i colori di emissione.
Le immersioni in fluorescenza introducono considerazioni sulla sicurezza superiori a quelle di una normale immersione notturna. Con la luce bianca, tutti i colori dello spettro sono disponibili per “vedere”, ma nelle immersioni fluo l'unica luce che si utilizza è una banda molto stretta di blu. Metti il ​​tuo filtro barriera blu e cosa rimane? Quasi nulla: hai semplicemente eliminato la fonte di luce.
La luce emessa è fioca e non illumina l'intera barriera corallina, quindi è necessario esercitare un eccellente controllo dell'assetto, essere costantemente consapevoli di ciò che ci circonda ed essere consapevoli della situazione. Se una testa di corallo non emette fluorescenza o non si “illumina”, potresti sbatterci contro.
Avvicinati e lascia sempre un sito utilizzando la torcia di riserva a luce bianca e tienila a portata di mano quando entri in un'area in cui c'è poca attività fluorescente. In alternativa puoi sempre rimuovere il tuo mask-filtra e vedrai bene, anche se in blu.

DURANTE UN RECENTE VIAGGIO A Palau dove era buio e tempestoso, abbiamo deciso di provare le immersioni fluo fotografia alla luce del giorno. Abbiamo scoperto che entrambe le cose sono possibili con luci a forte eccitazione e condizioni di illuminazione ambientale adeguate. Alla luce del giorno non ci sono ulteriori problemi di sicurezza: le immersioni con fluo alla luce del giorno sono molto più facili e puoi comunque ottenere risultati fotografici spettacolari.
È preferibile avere il cielo nuvoloso, anche se non è obbligatorio. Successivamente, cerca muri o strutture nell'ombra. Sebbene sia meglio avere il sole sul lato posteriore della struttura in modo che non la illumini direttamente, puoi aggirare questo problema se il bersaglio si trova in una cavità o cavità in un muro o sotto una sporgenza.
L'uso di una forte luce di eccitazione/messa a fuoco consente di trovare soggetti che presentano una fluorescenza gradevole e consentono molta luce per la visualizzazione o la messa a fuoco della fotocamera. Se è abbastanza potente puoi ottenere ottimi scatti usando solo quello, ma i flash con i filtri di eccitazione appropriati andranno molto bene.
Molte persone pensano che le immersioni con il fluo siano fatte semplicemente per l'effetto wow dei colori radianti, o per un approccio diverso fotografia subacquea, anche se ho visto anche studenti riemergere dopo la loro prima immersione fluo ridotti in lacrime dalla bellezza di questo ulteriore mondo nascosto all'interno del mondo sottomarino nascosto.
Ma è molto più di questo. Le immersioni al fluoro sono diventate uno strumento indispensabile nella ricerca sulla salute dei coralli e nell'analisi del censimento della propagazione dei coralli (salvataggio dei polipi). Singoli organismi quasi microscopici brillano nella sabbia come scintillii nella neve in una notte illuminata dalla luna.
Le barriere coralline sono considerate le foreste pluviali dell'oceano e molti istituti marini e università utilizzano apparecchiature fluorescenti per valutare gli effetti dell'aumento della temperatura dell'oceano, dell'acidificazione e per studi sui coralli in generale.
Sono state scoperte anche specie che erano troppo piccole per essere viste con la luce bianca ma che brillavano come fari nell'oscurità con la luce blu.
Con l’aumento della temperatura globale dell’acqua, si verifica lo sbiancamento dei coralli. I coralli hanno una simbiosi con le alghe unicellulari zooxantelle, che utilizzano la fotosintesi per fornire cibo ed energia al corallo.
L'aumento della temperatura provoca l'espulsione di queste zooxantelle, conferendo al corallo un aspetto incolore e sbiancato e rimuovendo le sostanze nutritive di cui il corallo ha bisogno per sopravvivere. Ciò li rende vulnerabili a ulteriori stress che alla fine possono distruggere un’intera barriera corallina.

ACIDIFICAZIONE DEGLI OCEANI reagisce con lo scheletro di carbonato di calcio del corallo, provocandone la disgregazione e la dissoluzione, e sebbene ciò possa essere visto in condizioni di luce bianca, è ancora più drammatico utilizzando le tecnologie fluorescenti, che stanno migliorando questo campo della ricerca marina.
Puoi noleggiare l'attrezzatura necessaria per immergerti in fluorescenza presso i centri immersioni che la forniscono, oppure acquistarne una tua se intendi perseguire questo stile di immersione.
Cerca sul web “attrezzatura subacquea fluo” per trovare venditori di attrezzature, nonché blog, immagini e discussioni nei forum sull'argomento. Oppure vai su www.firedivegear.com per maggiori dettagli sulla scienza e sulle tecniche fotografiche utilizzate nelle immersioni fluo, sia di giorno che di notte.

Apparso su DIVER agosto 2016

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x