Diventa il campione! – Campo di messa a fuoco ultra stretto

PHOTO TECNICA

Diventa il campione!

Gli occhi ce l'hanno: è tutta una questione di occhi! Potrebbe non essere adatto all'uso quotidiano, ma per i ritratti di pesci che si distinguono dalla massa, ALEX MUSTARD spiega come ottenere quel tipo di effetto nitido che è difficile da ignorare

«Più grande è sensore nella tua fotocamera, il più facile è per elaborare una stima ultra-stretto campo di interesse’
BTC77 Senape 01
Un ritratto di un pesce falco lentigginoso che riempie l'inquadratura e con una profondità di campo ridotta ha forti qualità grafiche. Scattata con una Nikon D850
e Sigma 150mm, filtro ND8. Abitazione subal. Flash Inon Z240. 1/100 a f/11, ISO 50.

un fotografo su in uno dei miei recenti seminari sul Mar Rosso si è lamentato del fatto che il suo sorprendente ritratto di cernia corallina, scattato in un viaggio precedente, aveva finito in fondo nel suo concorso mensile del club fotografico.

La mia prima risposta è stata quella di rassicurarla che il risultato probabilmente dice più sulle competizioni per club che su qualsiasi cosa abbia a che fare con lei fotografia.

Sono un fan dei club fotografici. Come i club subacquei, riuniscono altri appassionati e promuovono la passione per l'hobby, ma possono anche avere difetti umani.

E almeno i club subacquei non hanno una competizione mensile per determinare chi è il miglior subacqueo!

Scavando più a fondo, ho chiesto alla fotografa se avesse ricevuto qualche feedback dal giudice, sapendo che molti hanno una visione molto limitata di ciò che si qualifica come "buono" fotografia".

Innanzitutto, il giudice ha commentato che la sua cernia è stata chiaramente ripresa in un acquario, perché "nessuno sarebbe riuscito a ottenere un'immagine così chiara sott'acqua".

La sua critica principale era che l’intero argomento non era a fuoco. Il giudice ha riconosciuto che gli occhi erano a fuoco, ma ha valutato l'immagine in basso perché l'intero soggetto non lo era.

Un punto su cui ho obiettato – fotografia è una questione di immagine, non di seguire una regola del genere!

Fotografia is indeed governed by the laws of physics and there are some rules to which we must adhere. But beyond that, the fun is not in following dogma but in breaking free. As the oft-quoted saying from Pablo Picasso encourages us: “Learn the rules like a pro, so you can break them like an artist.”

Quindi l'articolo di questo mese è dedicato a spingere la profondità di campo agli estremi per creare ritratti con occhi nitidissimi.

Apparso su DIVER dicembre 2018

Martin Schoeller lo è un fotografo ritrattista, noto soprattutto per i suoi ritratti stilizzati e inquadrati con precisione di leader mondiali e celebrità. Il suo è uno stile che possiamo imitare quando scattiamo ritratti di musi di pesci.

Le sue immagini ravvicinate sono caratterizzate dai soggetti che fissano direttamente nell'obiettivo e sono scattate con una profondità di campo molto ridotta, in modo che gli occhi siano perfettamente a fuoco e le altre caratteristiche siano de-enfatizzate e sfocate.

Accentua ulteriormente gli occhi utilizzando un'illuminazione morbida e senza ombre che appiattisce i contorni del viso. E le sue famose foto probabilmente non avrebbero ottenuto buoni risultati nemmeno con alcuni giudici dei club fotografici.

In un'intervista con lo Smithsonian, Schoeller spiega che i suoi ritratti non riguardano i volti; è tutto negli occhi. “Tutto svanisce così velocemente a causa della ridotta profondità di campo. Tutto il resto diventa secondario.

"Quindi non solo mi sto concentrando solo sul viso, ma mi sto anche concentrando di più su di esso avendo tutto il resto fuori fuoco."

CONSIGLIO PER INIZIARE

Per un ritratto davvero estremo e con una profondità di campo ridotta, imposta l'apertura al massimo. La maggior parte degli obiettivi macro offre un'apertura massima pari a f/2.8. Ma tieni presente che questo di solito è disponibile solo quando l'obiettivo è focalizzato sull'infinito.

_Quando metti a fuoco più da vicino, l'apertura effettiva mostrata dalla fotocamera è leggermente meno aperta, ma fornirà comunque questo campo di messa a fuoco rasoio.

il classico sott'acqua La tecnica per i ritratti macro di pesci richiede in genere un'apertura ridotta (come f/16) per massimizzare la profondità di campo.

Tuttavia, per una profondità di campo super ridotta è necessario il contrario. Quanto apriamo l'apertura dipende da quanto è grande il soggetto. Più grande è il soggetto, più dobbiamo aprire il diaframma.

Tuttavia, se desideri un look estremo, puoi considerare di aprirti completamente, sempre.

La marcia giusta fa una grande differenza. Più grande è il sensore della fotocamera, più facile sarà creare un campo di messa a fuoco ultraristretto.

Schoeller utilizza una fotocamera di medio formato, ma fortunatamente i nostri volti di pesce sono molto più piccoli dei boccali umani.

Detto questo, questa tecnica favorisce chi scatta con reflex full frame e fotocamere mirrorless. Le reflex con sensore di ritaglio (ritaglio 1.5x) funzionano ancora bene, mentre le fotocamere mirrorless M43 funzionano bene con l'obiettivo macro da 60 mm e soggetti più piccoli.

Le fotocamere compatte sono meno adatte, ad eccezione di alcuni modelli più costosi con sensori più grandi e obiettivi ad apertura rapida.

Successivamente, collega un obiettivo macro con una lunghezza focale maggiore e un'apertura massima elevata (f/2.8). Tutte e tre le immagini qui presenti sono state scattate con l'obiettivo Sigma 150mm f/2.8 sulla mia Nikon full-frame.

Gli obiettivi più lunghi creano naturalmente un campo di messa a fuoco più ristretto rispetto alle ottiche di visione più ampie: pensa quanta profondità di campo ottieni quando usi un fisheye.

BTC77 Senape 02

Un soggetto comune come una murena appare totalmente diverso fotografato con una profondità di campo ridotta. Scattata con una Nikon D850 e un Sigma 150mm, filtro ND4. Abitazione subal. Stroboscopi Retra. 1/160 a f/5.6, ISO 64.

molti di voi potrebbe già fare la domanda successiva. Se apriamo l'obiettivo af/2.8, la fotocamera non riceve troppa luce?

Sì hai ragione! Certamente lo fa quando ci si immerge nelle soleggiate acque basse dei tropici, tanto amate dai fotografi subacquei. Inoltre, a f/2.8 la maggior parte dei flash sono spesso troppo luminosi, anche con l'impostazione più bassa.

Il primo passo è abbassare il più possibile gli ISO. Molte fotocamere hanno impostazioni ISO basse, inferiori all'ISO di base ufficiale.

Ad esempio, sulla mia Nikon D850 l'ISO più basso mostrato dalla fotocamera è 64, ma ho tre clic al di sotto di questo (ISO 50, 40 e 31), il che mi dà un ulteriore stop di flessibilità.

Questi non offrono alcuna maggiore qualità dell’immagine rispetto a ISO più elevati, ma sono molto utili per ridurre la sensibilità della fotocamera quando si scatta con diaframmi così aperti. Detto questo, non sempre sono ancora sufficienti.

Quindi il pezzo finale del puzzle dell’attrezzatura è un filtro a densità neutra o ND. Questo è fondamentalmente un filtro grigio che riduce la luce che entra nella fotocamera.

These are sold in different strengths, and I find 2 f-stop or 3 f-stop filters most useful for this type of fotografia.

In modo confuso, i filtri ND non sono venduti in unità f-stop. Hanno la loro valuta: un ND4 è un 2 f-stop e un ND8 è un 3 f-stop.

PUNTA A METÀ ACQUA

Quando si scattano ritratti di pesci, soprattutto con profondità di campo ridotta, è fondamentale mettere a fuoco con precisione gli occhi del soggetto.

_La messa a fuoco automatica di solito non è sufficiente in questo caso. Invece, utilizzo una messa a fuoco fissa e faccio oscillare la fotocamera dentro e fuori. Cerca di mettere a fuoco il bordo anteriore della pupilla dell'occhio: questo risulta migliore rispetto a quando metti a fuoco il bordo esterno del rigonfiamento principale della pupilla.

BTC77 Senape 03

Il contatto visivo è tutto, quindi usa un'apertura aperta per sfocare tutto il resto. Scattata con una Nikon D850 e un Sigma 150mm, filtro ND8. Abitazione subal. Flash Inon Z240. 1/320 a f/4, ISO 40.

gli elementi finali del ritratto in stile Schoeller sono il contatto visivo e l'illuminazione. Il contatto visivo con i pesci consiste nel portare la fotocamera all'altezza degli occhi del soggetto e avvicinarsi senza spaventarlo.

Quindi non ci resta che attendere quel momento di connessione con il soggetto per premere l'otturatore.

L'illuminazione dovrebbe essere morbida e diffusa, che si adatta meglio alle aree fuori fuoco dell'inquadratura.

Le ombre forti non sembrano proprio qui. Dovremmo utilizzare due flash dotati di diffusori per illuminare frontalmente il soggetto.

La combinazione di ISO bassi, filtro ND e velocità dell'otturatore elevata ci consente di attenuare la luce ambientale e illuminare solo con il flash, il che rende i colori del soggetto più ricchi.

Quello di Schoeller è solo un modo per scattare un ritratto. Mi dispiacerebbe vedere tutte le foto scattate in questo modo, e idem quelle con i pesci. Ma la varietà è il sale della vita e sono felice di avere alcuni scatti in questo stile nel mio portfolio.

La fotografia sarebbe molto noiosa se esistesse un solo modo di scattare una foto.

SUGGERIMENTO AVANZATO

Se acquisti un filtro ND4 o ND8 con filettatura da 67 mm, può essere montato all'esterno dell'alloggiamento al posto della solita lente per primi piani avvitata, offrendo flessibilità.

_Anche se attualmente nessuno produce un filtro ND subacqueo, puoi semplicemente utilizzarne uno economico da terra, sapendo che durerà solo per un viaggio o due. Evita filtri più forti, perché non sarai in grado di vedere attraverso l'obiettivo per mettere a fuoco.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x