DIVENTA IL CAMPIONE! – Foresta di alghe

archivio – FotografiaDIVENTA IL CAMPIONE! – Foresta di alghe

È un'esperienza diversa da qualsiasi altra nel mondo delle immersioni subacquee e deve riflettersi nella tua fotografia in tutta la sua gloria verticale – ALEX MUSTARD prende come soggetto questo mese la foresta di alghe giganti.
"La sorpresa più grande quando sollevi per la prima volta la fotocamera nella foresta di alghe è il livello di luce"

SIAMO TUTTI D'ACCORDO che si tratta di una delle esperienze subacquee per eccellenza, ma che pochi subacquei britannici riescono effettivamente a provare da soli: immergersi in una gigantesca foresta di alghe. Lo inserirei saldamente nella mia top five, insieme alla scarica di adrenalina di trovarmi faccia a faccia con un grande squalo bianco, sentendomi sbalordito dalle strane e meravigliose creature durante un'immersione nel fango, rimanendo incantato dalle ricche barriere coralline di Raja Ampat. e giocare con foche o leoni marini vivaci. 

In effetti una di queste esperienze (leoni marini) è piuttosto comune nelle immersioni nelle foreste di alghe e un'altra (squalo bianco) è teoricamente possibile, ma è meglio non pensarci!
L'inimitabile Trevor Norton definisce le alghe giganti “super-alghe” ed elogia l'esperienza subacquea: “Il modo migliore per sentirsi sopraffatti sott'acqua è affondare pigramente nelle alte foreste di alghe giganti. Puoi scivolare sotto il rigoglio delle fronde, scivolare tra gli steli e nasconderti tra le ombre sottostanti.
Ciò che amo è che il sito di immersione e il fotografia inizia immediatamente dalla piattaforma posteriore della barca.
Le alghe giganti crescono direttamente in superficie e gli skipper di solito ancorano la barca in modo che il ponte per le immersioni sia adagiato contro la foresta. Scendi letteralmente dalla barca e sei proprio nel sito di immersione finché non riemergi.
Le alghe giganti sono una meraviglia della natura in grado di crescere fino a 60 cm al giorno e raggiungere gli 80 metri di lunghezza. Preferisce acque più fresche e ricche di sostanze nutritive e si trova nel sud della Nuova Zelanda, in Tasmania e in Sud Africa, a Tristan da Cunha, nelle Falkland e in altre isole sub-antartiche, ampiamente in Argentina e Perù e, soprattutto, sulla costa pacifica del Nord America.
Per i fotografi lo zenit è probabilmente Californiaal largo delle Isole del Canale, dove le acque più limpide offrono la possibilità di catturarne tutto lo splendore.
Mentre California è molto popolare vacanza destinazione per gli inglesi, pochi ricordano che è anche una destinazione per le immersioni. Soprattutto per coloro che sono fotografi, questo è un grosso errore!

IL GIGANTE-KELP la foresta non offre solo uno scenario indimenticabile per le immersioni, ma è anche straordinariamente fotogenica.
L'habitat trabocca di grandangolo e macro foto opportunità, anche se qui mi concentrerò sulle prime, perché non esistono tecniche macro specifiche per le foreste di alghe.
La sorpresa più grande quando sollevi per la prima volta la fotocamera nella foresta di alghe è il livello di luce. Nonostante il clima tipicamente soleggiato della California, le fronde fotosintetiche della foresta assorbono la luce.
E quando proviamo a illuminare le alghe con i nostri flash, ne risucchia l'emissione per buona misura! La gestione della luce è quindi la chiave del successo.
La prima sfida è assicurarsi di avere abbastanza luce. Questo è un ambiente in cui vale la pena aumentare gli ISO. Le fotocamere più recenti sono incredibilmente capaci in questo senso e, cosa interessante, ci permettono di scattare tipi di immagini tra le alghe che semplicemente non potevano essere realizzate dieci anni fa.
Detto questo, il rapido calo della luce nella foresta è solitamente più di quanto la fotocamera possa sopportare, e le composizioni poco curate rendono facile far esplodere la superficie, privando l’immagine dell’atmosfera.
Una soluzione è scattare con la luce, che riduce la portata che chiediamo alla fotocamera di catturare.
In alternativa, cerca uno spesso tappeto di piante per nascondere la parte più luminosa della superficie ed esporla a mezz'acqua. Il vantaggio di questo approccio è che la luce del sole può sembrare molto attraente penetrando attraverso questa tettoia dorata retroilluminata.
La maggior parte delle foto nella foresta richiedono il flash per illuminare il soggetto. I potenti flash sui bracci lunghi sono un grande vantaggio quando si cerca di illuminare scene più grandi, anche se tieni presente che prima o poi ti ritroverai con i flash impigliati nelle alghe.
L'approccio alternativo in acque meno profonde è abbandonare i flash e scattare con un filtro. Questo approccio mette in risalto il colore bruno-dorato delle alghe ed è ideale per fotografare la foresta, ma meno la vita colorata al suo interno. Può anche non riuscire a congelare soggetti in rapido movimento come i leoni marini.
Un obiettivo grandangolare è l'altro essenziale per aprire lo spazio nella fitta foresta e il fisheye è il migliore.
L'unico svantaggio dell'utilizzo di un fisheye è che piega le alghe. Fortunatamente, le alghe nell'oceano non sono mai diritte e, se le componiamo con attenzione, questo problema scompare.

LA PIÙ FORTE FORESTA DI KELP le foto raramente hanno le alghe come soggetto principale. La foresta stessa è difficile da illuminare con i flash e allo stesso tempo più attraente come sfondo, preparando il terreno per un soggetto in primo piano accattivante.
La maggior parte della vita colorata vive vicino o sul fondo del mare. Nelle mie immersioni ho preferito i ventagli di gorgonie rosse, così come altre specie di colore arancione e giallo.
Altre opzioni sono stelle marine, spugne e grandi invertebrati come le lepri marine giganti. In alcune zone la gigantesca spigola nera può essere il soggetto in primo piano più sorprendente.
I pesci delle foreste di alghe sono curiosi e meno territoriali dei pesci della barriera corallina, il che significa che quando prepariamo uno scatto, prima o poi ne apparirà uno, seguito a breve da un altro di una specie diversa! Il trucco è tenere gli occhi aperti e cronometrare i colpi quando sono nella giusta posizione.
Il garibaldi arancione brillante, una castagnola di grandi dimensioni "sei stato tango", è sicuramente l'attrazione principale, anche se durante la mia visita il loro numero era in calo.
Fortunatamente, lo Sheepshead californiano è un valido sostituto.
I leoni marini offrono incontri frequenti ma imprevedibili, mentre le foche del porto sono meno energiche, ma molto più rare e certamente non così audaci come le foche grigie britanniche.
Entrambi questi pinnipedi offrono il vantaggio di incontri in acque meno profonde, dove i raggi di luce che danzano attraverso la chioma sono più pronunciati e più facili da catturare.
A profondità minori la foresta è molto fotogenica, ma manca dell'abbondanza di vita invertebrata colorata, sebbene si possano sfruttare alghe, lumache di alghe e grandi nudibranchi.
Il soggetto più affidabile da utilizzare come primo piano a queste profondità sono le alghe stesse. Le punte in crescita di una pianta sana sono la parte più attraente, con nuove fronde (come foglie) che si estendono da una linea di vesciche di gas dorate.
L'inquadratura, alghe contro foresta, è uno dei modi classici per catturare questa archetipica esperienza subacquea.

CONSIGLIO PER INIZIARE
Usa la foresta come sfondo, invece di fotografarla come soggetto principale. Trova una creatura colorata (fan del mare, stella marina o pesce) e usala come primo piano, posizionata contro le file di alghe.
La foresta è buia, quindi preparati ad aumentare l'ISO e a ridurre la velocità dell'otturatore per adattarla: non vuoi che le alghe si confondano con le acque scure.

PUNTA A METÀ ACQUA
Le alghe crescono verso l'alto fino alla superficie, quindi le immagini più drammatiche sono solitamente composizioni verticali. Non dimenticare di ruotare la fotocamera nel formato verticale!
Il grandangolo a fuoco ravvicinato è la tecnica ideale per la foresta di alghe, perché la breve distanza tra la fotocamera e il soggetto riduce al minimo la retrodiffusione, mentre l'ampia visuale cattura la grandiosità dell'habitat.

SUGGERIMENTO AVANZATO
Gestire la gamma dinamica è un'abilità essenziale quando si compongono immagini nella foresta, perché la gamma di luminosità è solitamente molto più ampia di quella che la nostra fotocamera può catturare. Le aree troppo luminose distolgono lo sguardo dal soggetto principale.
Il trucco sta nell'inquadrare in modo che le aree più luminose e più scure siano nascoste alla fotocamera dalla composizione, quindi esporre correttamente per i livelli di luce media.

Chiave didascalia

TLe punte pulite e in crescita delle alghe sono particolarmente fotogeniche, con linee di piccole vesciche di gas. Scattata con una Nikon D4 e Nikonos RS 13mm. Abitazione subal. Flash della Seacam. 1/80 a f/16, ISO 400.

Le foreste di alghe forniscono lo sfondo perfetto per una moltitudine di soggetti, qui con una foca. Scattato con una Nikon D4 e Nikonos RS 13mm. Abitazione subal. Flash della Seacam. 1/125 a f/10, ISO 400.

Scattando verticalmente verso l'alto si ottengono linee guida delle piante di alghe. Scatto realizzato con una Nikon D4 e Nikonos RS 13mm. Abitazione subal. Flash della Seacam. 1/125 a f/20, ISO 400.

È apparso in DIVER novembre 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x