Diventa il campione! - Esposizione doppia

archivio – FotografiaSii il campione! - Esposizione doppia

La doppia esposizione è stata una sensazione quando è esplosa sott'acqua foto concorsi negli anni '1980, ma erano passati di moda nel digitale era. Ma perché rinunciare ad una tecnica così preziosa? chiede ALEX MUSTARD.
'Peter Scoones ha rivelato a foto era così nuovo, così incredibile, che vinse al galoppo'

TIPI COMPLETAMENTE NUOVI DI FOTOGRAFIE SUBACQUEE sono davvero una delizia rara. Sono certamente qualcosa che sfido me stesso a provare a inventare! Spesso falliscono, regolarmente vengono accolti con “e allora?” e solo occasionalmente colpiscono nel segno, generando vere e proprie emozioni e lusinghiere imitazioni!
Al giorno d'oggi le immagini e le idee proliferano così rapidamente sui social media che possono essere duplicate anche prima di tornare da un viaggio.
E la profusione di facsimili può significare che la comunità spesso non riesce a celebrare l’autore.
Sono lieto di interrompere questa tradizione raccontando gli eventi accaduti a Plymouth nell'estate del 1986, al BSoUP Splash-In – l'evento del giorno fotografia subacquea concorso organizzato dalla British Society of Underwater Photographers.
Il concorso era semplice. Al mattino a tutti veniva dato un rullino e mandati a fare immersioni. La sera si è proceduto alla lavorazione dei film, alla proiezione delle diapositive migliori e alla votazione dei vincitori.
Era un formato che si adattava perfettamente alla tecnologia fotografica dell’epoca e quell’anno attirò 76 tra i più seri tiratori subacquei del Regno Unito, tutti in cerca di vincere.
Ma i risultati non erano nemmeno vicini, perché Peter Scoones ha rivelato a foto era così nuovo, così incredibile, che vinse al galoppo.
La sua immagine vincitrice combinava, nello stesso fotogramma della pellicola per diapositive, un primo piano macro con uno sfondo grandangolare. Nei giorni in cui Photoshop era solo un luccichio negli occhi di Thomas Knoll, la doppia esposizione di Scoones era epocale.
Ben presto tutti vollero questo scatto incredibile, e ci fu un momento, tra la fine degli anni '1980 e l'inizio degli anni '1990, in cui vinceva un fotografia subacquea una gara con un tiro standard era impossibile.
Tuttavia, come tutte le mode, l’amore per le doppie esposizioni subacquee è scemato, anche perché le capacità di Photoshop fanno sì che gli spettatori non siano più stupiti allo stesso modo da un’immagine apparentemente impossibile.

TUTTAVIA, questa non è una tecnica che dovrebbe essere relegata nel mucchio del passato. Le doppie esposizioni hanno un indubbio impatto e possiamo sicuramente portarle più lontano che mai con la tecnologia moderna.
Il maestro non è più tra noi, ma qualche anno fa Scoones mi spiegò che è stata, in effetti, la tecnologia a portare in primo luogo ai doppi subacquei.
"È stata la fotocamera Pentax LX a renderlo possibile", ha affermato. "È uscito all'inizio degli anni '1980 e permetteva di ricaricare con precisione la pellicola in modo che le immagini della seconda immersione si sovrapponessero esattamente a quelle della prima."
Molti moderni digitale le fotocamere offrono due metodi per creare esposizioni doppie e persino multiple. La prima è un'impostazione di esposizione multipla che scatta un'immagine successiva sopra l'originale. Possiamo effettivamente utilizzare questa modalità per sovrapporre tutte le immagini che vogliamo e funzionerà in modo intelligente per impedire alle immagini di sovraesporre la cornice mentre si montano.
Il lato positivo di questo metodo è che è consentito in quasi tutti i contest. Lo svantaggio è che non è possibile cambiare obiettivo tra uno scatto e l'altro, quindi si perde il tipo più potente di doppia esposizione, che mostra un primo piano macro su uno sfondo grandangolare. Che richiedono sempre un cambio di lenti, e quindi due immersioni.
Il metodo preferito per le doppie esposizioni classiche è l'utilizzo della funzione Image Overlay o Combine Images, in cui due immagini (a volte più) vengono combinate nella fotocamera per creare un file RAW completamente nuovo.
Le immagini vengono sovrapposte esattamente come se fossero esposte sullo stesso pezzo di pellicola. Ciò significa che le aree chiare sono visibili e le parti nere (sezioni non esposte) no. Le foto non possono essere ruotate, ma è possibile combinare immagini scattate con ISO diversi.
Ciò significa che le foto non devono essere successive o scattate con lo stesso obiettivo o la stessa posizione. La foto della tripla pinna è stata scattata durante immersioni consecutive su una barriera corallina in Tailandia, mentre la foresta di nudibranchi e alghe proviene per metà dall'Atlantico (Norvegia) e per metà dal Pacifico (Canada)!
È un omaggio alla leggenda di BSoUP Warren Williams, che notoriamente lasciò un intervallo di sei anni tra l'inizio e il completamento di una doppia esposizione su pellicola!

PER CREARE IL CLASSICO la doppia esposizione di un'inquadratura verticale con un primo piano macro e uno sfondo grandangolare (tipicamente in silhouette), richiede pianificazione e precisione fotografia. Affinché l'effetto funzioni, è importante che tutto sia a fuoco.
Un'esecuzione sciatta può portare a un'immagine dall'aspetto strano con un soggetto a fuoco, una distanza media fuori fuoco e uno sfondo a fuoco.
Inizio dividendo la cornice verticale in terzi e visualizzando ciò che sto cercando. L'obiettivo dovrebbe essere solitamente quello di avere il soggetto macro nel terzo inferiore e il soggetto grandangolare nel terzo superiore. Il terzo centrale è per la transizione, che occupa sempre più spazio di quanto mi aspetto!
Per lo sfondo, è meglio scattare in silhouette e utilizzare un'apertura chiusa per massimizzare la profondità di campo. Componi in modo che l'immagine sia luminosa nel terzo superiore e molto scura nel terzo inferiore. Scattare quando il sole è basso nel cielo aiuterà a produrre questo risultato. Le sagome di sub, barriera corallina, relitto o alghe sono le opzioni classiche.
Per il primo piano è importante che tutto sia a fuoco e che il soggetto sia inquadrato su uno sfondo nero. Non dovremmo optare per un soggetto troppo piccolo, perché la mancanza di profondità di campo rende difficile mantenere tutto a fuoco. Uno stroboscopio può aiutare a illuminare il soggetto e non l'ambiente circostante.
Vale sempre la pena prendere una serie di fotogrammi in primo piano e di sfondo da utilizzare in sovrapposizione. Dovremmo scattare foto con il soggetto spostato del 10% in entrambi i modi per avere più opzioni in seguito. Anche se possiamo aspettare fino a dopo l'immersione per realizzare le sovrapposizioni, preferisco farle sott'acqua in modo da poterle riprendere se necessario.
Come commenta Peter Scoones, una doppia esposizione “ti fa riflettere molto di più su ciò che desideri come risultato finale e su come ottenerlo… scoprirai che avrà dei benefici per il tuo fotografia subacquea ben oltre la padronanza della tecnica stessa.”
Fotografia è cambiato molto dagli anni ’1980, ma le parole di Scoones rimangono più vere che mai.

CONSIGLIO PER INIZIARE
Le doppie esposizioni funzionano meglio come verticali, utilizzando la ricetta classica del colorato primo piano macro su uno scenario grandangolare con staglia. Decidi in che modo preferisci tenere la fotocamera in verticale, perché la maggior parte delle opzioni di sovrapposizione non consente la rotazione delle immagini.

PUNTA A METÀ ACQUA
Utilizza la modalità di esposizione multipla per ravvivare le tue immagini di pattern. Imposta la modalità, quindi scatta due, tre o più foto dello stesso soggetto, ma con la fotocamera da angolazioni leggermente diverse.
Funziona bene con i coralli astratti, ma è anche molto efficace con i pesci in branco, come i fucilieri o i dentici nel blu.

SUGGERIMENTO AVANZATO
Ora esiste un software per combinare in modo intelligente molte esposizioni, ad esempio per scene HDR, focus picchettamento, panorami, scie stellari e altro ancora.
Ricorda che non sei obbligato a usarlo per lo scopo per cui è stato progettato! Con una pianificazione dettagliata, tutti questi pacchetti software possono produrre immagini a esposizione multipla ancora più innovative.

CHIAVE DELLA DIDASCALIA

Una classica doppia esposizione combina un primo piano macro con uno sfondo grandangolare, mantenendo tutto a fuoco. Scatto con una Nikon D2X. Abitazione subal. 2 subtronici Alpha Pro.

Questa sovrapposizione di immagini combina foto scattate in momenti diversi: un nudibranco dell'Atlantico con alghe del Pacifico. Scattata con una Nikon D700 e custodia Subal. 2 Inon Z240.

Un'esposizione multipla (due fotogrammi) di un grugnito scolastico crea un senso di movimento. Scatto con una Nikon D5. Abitazione subal. 2 x Seacam 150. Scattata con una Nikon D5. Abitazione subal. 2 Seacam 150

Apparso su DIVER giugno 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x