DIVENTA IL CAMPIONE! – Pulitori

archivio – FotografiaDIVENTA IL CAMPIONE! – Pulitori

It’s clean-up time – continuing his long-running series on finding ways to take prize-winning photos, this month ALEX MUSTARD considers an approach based on observation and patience.
‘Getting close and personal with a cleaner usually means distancing ourselves from the noise of group diving’

IL COMPORTAMENTO È LA MODALITÀ DELLA NATURA di rendere le nostre immagini vincenti, ma può essere una sfida fotografica intimidatoria, perché molti fotografi ammettono di aver difficoltà anche a trovare macro creature, per non parlare di catturarle mentre fanno qualcosa di fotogenico. È qui che entra in gioco la pulizia.
If there is one behaviour that is truly widespread and easy to spot, it’s cleaning. Symbiotic cleaning is quintessentially aquatic. On land there are very few instances of dedicated cleaning relationships between species, but from freshwater to coral reefs there are countless underwater examples.
La pulizia avviene su ogni scala e, con così tante specie diverse coinvolte, le permutazioni fotografiche sono inesauribili.
As a spectacle it ranges from a diminutive cleaner shrimp picking parasites from a cardinalfish, to a mighty oceanic manta getting a makeover courtesy of a gang of clarion angelfish.
Inoltre, poiché le specie degli addetti alle pulizie e dei clienti cambiano da regione a regione, ci sono sempre nuovi colpi di scena nella storia da fotografare mentre viaggi.
Sulle barriere coralline dei Caraibi, gamberetti e ghiozzi svolgono gran parte del lavoro, mentre nei labridi dell'Indo-Pacifico prendono il comando e poi, nel Pacifico orientale, farfalla e pesci angelo sono i comuni pulitori.
L’accordo di base rimane comunque lo stesso. I pesci clienti vengono puliti da parassiti, pelle morta e squame, mentre gli addetti alle pulizie ricevono un pasto gratis e non vengono mangiati.
A curious problem that scientists have is showing that cleaning actually makes any difference to the health of the reef community. Perhaps it doesn’t, or maybe their experiments just can’t resolve it? It’s surprisingly hard to tell.
In ogni caso, non appena andiamo a fare immersioni possiamo vedere che gli addetti alle pulizie e i clienti sono i partner più disponibili.
Anche se una castagnola dell’Indo-Pacifico viene messa in un acquario con un ghiozzo dei Caraibi, presto stabiliranno un rapporto di pulizia.
E possiamo persino persuadere i gamberetti più puliti, i ghiozzi puliti e i labridi più puliti a farci una manicure.
Si offriranno anche volontari per saltare nella bocca di una guida subacquea: sono sicuro che hai visto le foto.

LA CHIAVE PER getting great natural cleaning photos is to learn that hardest diving skill of all. We don’t need to go deep, dive sidemount or reverse-fin, but we do need to stay still and watch. Behaviours will reveal themselves much more quickly to our lens when our presence is not an intrusion.
Il perfetto controllo dell’assetto e la respirazione lenta e regolare sono essenziali.
La buona notizia è che trovare le stazioni di pulizia è solitamente semplice. Le stazioni più grandi sono generalmente situate sopra o vicino a una caratteristica topografica prominente, come un affioramento di corallo.
Una coda di pesci clienti è solitamente l'omaggio o, se hai la vista acuta, potresti anche vedere la danza dondolante di un labro pulitore o le antenne che battono di un gambero che cerca di attirare clienti.
Tuttavia, se entriamo di corsa, disturberemo il comportamento e l’attesa sarà lunga prima che ricominci.
Avvicinarsi e avere un contatto personale con un addetto alle pulizie di solito significa allontanarsi dal rumore delle immersioni di gruppo.
Le immersioni libere in coppia sono la mia preferenza. Allora dovremmo avvicinarci lentamente, sistemarci, muoverci il meno possibile ed essere rilassati nel respiro.
Dive-site choice can make a difference too. I often plan and shoot behaviour on check-out or formazione-dive sites.
The resident fish will be used to divers, and if we don’t thrash about we’re accepted quickly. And even if we’re not interested in the behaviour, these cleaning station are the best place to catch fish portraits, because fish are particular approachable there.

IMMAGINI DI PULIZIA hanno un fattore di interesse che li rende interessanti, soprattutto per i non subacquei. Generano anche un fattore di benessere, il che implica che il fotografo è stato in grado di osservare da vicino il comportamento naturale e non ha molestato la fauna selvatica. Ma pianificare alcune composizioni straordinarie li porterà ancora più in alto.
L'effetto wow del comportamento di pulizia è l'incongrua associazione tra due creature molto diverse: un crostaceo che pulisce un pesce, un minuscolo labro tra i denti di una murena o un pesce luna d'acqua dolce che pulisce un lamantino. La giustapposizione aggiunge drammaticità alle nostre immagini.
La prossima regola per lasciare a bocca aperta è che più grande è la bocca e più grandi sono i denti, meglio è. Più la posa è apparentemente pericolosa, con un piccolo e vulnerabile addetto alle pulizie che svolge felicemente i suoi affari tra le mascelle cavernose e i denti luccicanti, più potente è l'immagine.
Per questo motivo, i pesci clienti come murene e cernie dovrebbero sempre attirare la nostra attenzione.
With more average reef fish, we should consider other options.
Una delle mie soluzioni preferite è trovare un modello naturale attraente nelle squame del pesce cliente e attendere che l'addetto alle pulizie entri nello scatto.
Queste composizioni attirano l'attenzione per i piacevoli colori o le trame della cornice, ma attirano l'attenzione degli spettatori quando "scoprono" il pulitore, dando un risultato ritardato.
Se i clienti sono grandi e carismatici, come mante e squali, è meglio inquadrarli completamente.
A barberfish against the solid grey flank of a shark is not as impressive a foto as one that shows the entire scalloped hammerhead! Wide-angle lenses are best here.
And finally, as with any behaviour shot, we must catch the peak of the action. In most cases it’s best to focus literally and figuratively on the cleaner, catching it at moments when it is either actively cleaning or reappearing from the mouth or gill of the client.
Evitare di sparare quando l'addetto alle pulizie blocca l'occhio o altre caratteristiche chiave del cliente.
Dovremmo anche cercare di cogliere le pose dei clienti che comunicano che sta succedendo qualcosa: i clienti fanno di tutto, dall'appendere in verticale, allo sbadigliare, all'arrossire.
Catturare la pulizia ci impone di rallentare e di andare oltre il semplice guardare e vedere davvero. Prenderti del tempo per fermarti, pensare e considerare il tuo fotografia è un'abilità preziosa, non solo per gli scatti comportamentali, ma che andrà a beneficio di tutti i tuoi fotografia subacquea.

CONSIGLIO PER INIZIARE
A little knowledge goes a long way, but to get started it doesn’t have to be yours. Ask a dive-guide to point out a cleaning station, and then try to spot more.
A queue of client fish milling around a coral head is usually the best sign. The best foto opportunities come when you find behaviours yourself, rather than as part of a group.

PUNTA A METÀ ACQUA
Una volta sistemato in una stazione di pulizia, rimani lì e sfrutta al massimo l'opportunità. La parte difficile è essere accettati, quindi non sprecarlo.
Don’t just shoot one interaction and move on. Instead, wait for the client fish to change, and even Bags portraits of other species queuing up.

SUGGERIMENTO AVANZATO
Longer lenses suit behaviour fotografia, giving subjects a bit more personal space. A long macro lens, such as a 100/105mm or even 150mm, is a great option on an SLR.
Because of the longer shooting distance, you should push the strobes out wider to reduce backscatter, and open the aperture to help the strobe light to carry to the subject.

CHIAVE DELLA DIDASCALIA

Inquadra un motivo gradevole dal pesce del cliente e poi attendi che l'addetto alle pulizie accentui la composizione. Scattata con una Nikon D4 e Sigma 150mm. Abitazione subal. 2 Inon Z240. ISO 200, 1/320 @ f/29.

Un labro più pulito emerge dalla bocca di un dolcelabbra. Scattata con una Nikon D7100 e Nikon 105mm. Abitazione subal. 2 Inon Z240. ISO 200, 1/100 a f/8.

Con pazienza puoi avvicinarti molto alla pulizia. Qui potrei riempire l'inquadratura con un fisheye.

Scattata con una Nikon D7100 e Tokina 10-17mm. Abitazione subal. 2 Inon Z240. ISO 200, 1/30 a f/16.

Apparso su DIVER maggio 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x