DIVENTA IL CAMPIONE! – conversione in bianco e nero

archivio – FotografiaDIVENTA IL CAMPIONE! – conversione in bianco e nero

Il mese scorso ALEX MUSTARD ha esaminato come e quando utilizzare un approccio monocromatico durante le riprese sott'acqua, ma quando potrebbe essere una buona idea trasformare le foto a colori in bianco e nero sul tuo computer?
"La mancanza di colore focalizzerà l'attenzione dello spettatore su forme, texture e composizioni"

IL TARDI, GRANDE Peter Scoones, presente nell'articolo 50 Years of BSoUP di Colin Doeg nel DIVER del mese scorso, aveva opinioni forti e forse sorprendenti su digitale manipolazione. Era assolutamente d'accordo.
Troviamo la sua opinione sorprendente perché siamo abituati a vedere i fotografi di un vintage più maturo essere contrari alle innovazioni moderne.
Gli scones non lo sono mai stati. In effetti, di solito era il primo a mettere in pratica la tecnologia più recente.
In genere, siamo tutti prodotti dell’epoca in cui siamo nati. Persone che hanno iniziato a fotografia subacquea negli anni '1970, '80 e '90, come me, usavano invariabilmente la pellicola per diapositive e si sposavano con la sua purezza “esattamente come ripresa”.
Porteresti questo pezzo di film in giro per il mondo con te. L'hai portato sott'acqua, l'hai esposto, l'hai portato a casa, l'hai sviluppato e poi hai fatto scivolare lo stesso rettangolo di pellicola in un proiettore o in un lightbox per godertelo.
In realtà gli Scoones sono iniziati fotografia subacquea prima che le diapositive diventassero il formato dominante.
I suoi esordi furono quelli della pellicola in bianco e nero, dove l'immagine iniziava nella macchina fotografica, ma veniva in gran parte completata nella camera oscura.
Si riferì scherzosamente agli anni delle diapositive come al blip e lo abbracciò digitale come ritorno al vero fotografia, dove il viaggio dell'immagine non termina con lo scatto e il suo pieno potenziale si realizza nella post-elaborazione.

TUTTE E TRE LE FOTO presenti nell'articolo di questo mese sono nati come scatti a colori, sebbene il sigillo stagliato sulla superficie fosse monocromatico in blu-verde. E successivamente ho deciso di elaborarli come bianchi e neri.
Il mese scorso ho parlato del valore di pensare in bianco e nero, cercando forme e ombre quando si compongono immagini in bianco e nero sui relitti.
I relitti ci danno tempo, ma nel mondo in rapido movimento dei mammiferi marini (o di altri soggetti dinamici) di solito trovo che il momento migliore per pensare in bianco e nero sia dopo queste immersioni.
Il trucco sta nell'imparare a riconoscere quali immagini verranno migliorate dalla conversione.
Una delle attrazioni del bianco e nero è che la mancanza di colore focalizzerà l’attenzione dello spettatore su forme, trame e composizioni. Anche se spesso cerchiamo i colori più audaci, ci sono momenti in cui il colore è una distrazione e questi scatti sbocciano in monocromia.
I mammiferi marini spesso funzionano bene in bianco e nero. Le loro forme sono solitamente immediatamente riconoscibili e spesso contorte dal movimento, e questo è meglio enfatizzato nei toni del grigio.
Di norma sono raramente colorati, quindi diamo poco e abbiamo molto da guadagnare nel renderli monocromatici.
Possiamo enfatizzare la forma riprendendo sagome (come il sigillo incorniciato nella finestra di Snell), ma possiamo anche elaborare una ripresa laterale standard per saltare fuori in bianco e nero.
La chiave è elaborare il file in modo che il soggetto abbia un tono diverso rispetto allo sfondo. Con il lamantino, ho regolato i canali di colore nella conversione in bianco e nero per rendere l'acqua più scura possibile ed evidenziare il mammifero grigio.
Con il leone marino sotto la piattaforma petrolifera, ho elaborato la lima per schiarire l'acqua e mantenere la sagoma del leone marino il più scura possibile.

MAMMIFERI MARINI hanno molte caratteristiche che possiamo sfruttare nell'elaborazione mono.
I delfini hanno una pelle meravigliosamente liscia che assume una lucentezza argentata una volta che il colore è scomparso dallo scatto. Ciò può essere ulteriormente enfatizzato aggiungendo un tono di selenio durante l'elaborazione.
Alcune specie, come il delfino comune, presentano motivi attraenti in diverse tonalità di grigio, che possono essere migliorati nella conversione in bianco e nero.
Foche, leoni marini e lamantini hanno il pelo e questa struttura può essere messa in risalto in bianco e nero.
Tutti e tre hanno anche dei bei baffi che possono essere evidenziati con regolazioni locali del contrasto, come l'aumento della Struttura o della Chiarezza.
Non è sempre facile individuare quali immagini funzioneranno meglio in bianco e nero, quindi vale la pena sperimentare.
Utilizzo spesso la scorciatoia "v" di Lightroom per vedere se un'immagine ha del potenziale prima di lavorare su una conversione in bianco e nero più raffinata.
Peter Scoones vedeva le diapositive a colori come un'anomalia dello sviluppo fotografico, anche se molti altri sostengono la stessa cosa riguardo al bianco e nero.
Se fosse stata inventata per prima la pellicola a colori, l’idea delle foto in bianco e nero forse non sarebbe mai stata inventata!
Fortunatamente per il fotografo subacqueo lo era, e se sei fuori dall'acqua quest'inverno, tuffati nel tuo catalogo fotografico e completa alcune delle tue foto con una conversione in bianco e nero.

CONSIGLIO PER INIZIARE
Gli scatti con silhouette sono già monocromatici, quindi si convertono costantemente bene in bianco e nero. Aumenta sempre il contrasto in modo che il soggetto risalti dall'acqua.
Se nella tua ripresa è presente la finestra di Snell, prova ad elaborarla in modo che la cornice della finestra sia quanto più scura possibile.

PUNTA A METÀ ACQUA
Il bianco e nero focalizza l'attenzione dello spettatore sulla forma e sulle texture del soggetto, quindi cerca scatti a colori con queste caratteristiche da convertire.
Un leone marino che si contorce acrobaticamente apparirà più interessante in bianco e nero rispetto a un viso carino in primo piano, che probabilmente funzionerà meglio a colori.

SUGGERIMENTO AVANZATO
Le foto scattate in acque poco profonde in condizioni soleggiate spesso non sono adatte al bianco e nero, perché la conversione toglie alcuni bellissimi colori e gli schemi danzanti della luce cambiano dall'essere belli a colori, all'essere una distrazione in bianco e nero.
Le foto scattate in condizioni nuvolose, con luce piatta e senza ombre, spesso offrono risultati migliori.

CHIAVE DELLA DIDASCALIA

Aspettando che il sigillo venisse incorniciato dalla finestra di Snell, ho potuto mostrarne la forma. Scatto con Nikon D5 e Sigma 15mm. Abitazione subal. Niente flash. ISO 500, 1/500 @ f/22.

Ho controllato attentamente questa conversione in bianco e nero per mantenere il lamantino chiaro e l'acqua scura. Scatto con Nikon D700 e Sigma 15mm. Abitazione subal. 2 Inon Z240. ISO 800, 1/40 a f/10.

Il bianco e nero riesce a squarciare l'oscurità, il che mi consente di sfruttare la silhouette distintiva del leone marino anche quando è piccolo nell'inquadratura. Scatto con Nikon D4 e Nikonos 13mm. Abitazione subal. 2 Seacam 150. ISO 800, 1/60 @f/10.

Apparso su DIVER marzo 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x