DIVENTA IL CAMPIONE! – Sfondi

archivio – FotografiaDIVENTA IL CAMPIONE! – Sfondi

Non è necessario che il pubblico indossi occhiali buffi perché le tue immagini appaiano tridimensionali, dice ALEX MUSTARD – basta tenere presente cosa succede sia dietro che davanti all'immagine.
'Non importa quale sia lo sfondo, è averlo lì che conferisce al foto con profondità'

NOI GUARDIAMO alle fotografie su superfici piane – la pagina di a rivista o lo schermo di a computer, tablet o telefono. Ma il mondo reale non è un luogo bidimensionale.
Uno dei modi migliori per far risaltare le nostre immagini è farle sembrare tridimensionali.
Questo non significa addentrarsi nel mondo dello stereo fotografia. Stereoscopia o 3D fotografia alza la testa circa una volta ogni dieci anni fotografia subacquea, poiché una nuova generazione di fotografi pensa erroneamente che questo sia ciò che è mancato alle loro immagini. Non lo è.
In realtà mi piace abbastanza per i documentari subacquei, ma per le immagini fisse, no grazie.
Le novità più recenti sul 3D sott'acqua fotografia era circa quattro anni fa. Ci era stato detto tutti che era il futuro. Adesso è tutto molto tranquillo. Prima erano gli anni Novanta
quando Les Kemp ha prodotto alcuni spettacoli AV davvero piacevoli utilizzando una Nikonos stereoscopica.
In entrambe le occasioni la grande delusione è stata rappresentata dai limiti dei sistemi. Il grandangolo è il re sott'acqua e più ampio è l'obiettivo, più drammatica è l'immagine.
Il super grandangolo e il 3D semplicemente non vanno d'accordo sulla terra o sott'acqua, e ciò significa che le immagini che funzionano in 3D non sono le immagini grandangolari più drammatiche.
Ma anche se non mi piacciono le foto 3D sott’acqua, che necessitano di schermi speciali, proiettori e occhiali complicati per essere visualizzate, penso che ci sia molto da raccogliere dal processo di pensiero che guida i fotografi lungo questa strada.
Il fatto è che la maggior parte delle immagini appaiono migliori quanto maggiore è il senso di profondità che ritraggono.

DA UN TECNICO prospettiva, costruiamo foto grandangolari in due strati. Quasi sempre abbiniamo un primo piano illuminato con il flash ad uno sfondo illuminato solo dalla luce ambientale.
Tuttavia, da un punto di vista artistico non vogliamo produrre immagini vincolate a soli due strati. Dovremmo puntare a immagini grandangolari con la massima sensazione di profondità possibile.
Per trovare ispirazione in quest'area, dai un'occhiata al lavoro dei pittori paesaggisti classici, come gli inglesi JMW Turner e John Constable.
Entrambi erano maestri nel trasformare una tela piatta in un'immagine profonda. È uno dei tanti motivi per cui il loro lavoro è così avvincente.
Nella fotografia grandangolare solitamente utilizziamo gli elementi dello sfondo per creare questa sensazione di profondità. Questo è più semplice che utilizzare gli elementi in primo piano, che dobbiamo mantenere ragionevolmente paralleli alla fotocamera per illuminarli uniformemente con i nostri flash.
Per me, la chiave è sviluppare una mentalità consapevole che un bel soggetto non è sufficiente per una straordinaria immagine grandangolare. Dobbiamo essere costantemente alla ricerca di quegli elementi di fondo per completare le nostre composizioni.
In genere, non importa quale sia lo sfondo, è averlo lì che conferisce il foto con profondità.
Elementi come il profilo di un affioramento della barriera corallina o contorni specifici di gorgonie, alghe, banchi di pesci, sommozzatori distanti, barche per immersioni, struttura della superficie, raggi di sole e altro ancora: tutti danno profondità.
Gli elementi multipli sono fantastici, poiché più livelli aggiungiamo (entro limiti ragionevoli), più lo spettatore deve esplorare.
Quando fotografo uno scenario, spesso cerco prima uno sfondo, come un bommie o una sporgenza, e poi cerco un soggetto in primo piano attorno alla sua base. Un buon sfondo è spesso più difficile da trovare rispetto a un primo piano, quindi vale la pena cercarlo. Inoltre, una volta trovato lo sfondo, di solito possiamo riprendere diversi soggetti in primo piano su di esso.

LA PROFONDITÀ NON LO È importante solo nelle immagini grandangolari, possiamo incorporarlo anche nelle foto macro. Quando i fotografi naturalisti sulla terraferma scattano con un teleobiettivo, trasmettono una sensazione di profondità con una profondità di campo ridotta.
Il trucco sta nel mantenere il soggetto nitido e inquadrarlo su uno sfondo sfocato per creare la sensazione.
Alcuni fotografi si spingono ancora oltre includendo anche un primo piano sfocato.
Queste sono idee che possiamo adottare sott'acqua, ma sono leggermente più difficili da realizzare perché dobbiamo ancora illuminare tutto in modo uniforme con il flash. Se non stiamo attenti, il primo piano sarà troppo luminoso e lo sfondo troppo scuro.
La soluzione è illuminare l'intera scena con un'illuminazione morbida e uniforme, il che significa utilizzare due flash, utilizzare diffusori e utilizzarli nelle posizioni stroboscopiche alle 10 e alle 2.
Dovremmo impostare i flash su potenze basse, in modo da poter aprire l'apertura e creare una profondità di campo ragionevolmente ridotta.
Quanto aperto? Dipende dalle dimensioni del soggetto che stiamo riprendendo. Più piccolo è il soggetto, meno è necessario aprire il diaframma.

LA PROFONDITÀ PUÒ ANCHE essere inserito in primi piani grandangolari, questa volta sfruttando la prospettiva ripida dell'obiettivo, piuttosto che una profondità di campo ridotta. Quando abbiamo un soggetto grandangolare che si estende lontano dall'obiettivo, questo può davvero attirare l'occhio dello spettatore attraverso l'immagine.
La sfida di questi primi piani non è comporli, ma illuminarli. La soluzione è creare una zona di illuminazione davanti alla telecamera, utilizzando una tecnica chiamata strobo Rabbit Ears.
Ciò produce un'esposizione uniforme della luce stroboscopica da vicino alla fotocamera, penetrando più profondamente nella scena.
Creiamo questa luce sollevando i nostri flash in alto sopra l'alloggiamento e posizionandoli alla larghezza delle spalle.
Inizia puntandoli in avanti e poi inclinali lentamente verso il basso, scattando foto finché la luce che producono non riempie l'intera composizione, riempiendo solo gli angoli inferiori della cornice.
Finiranno con un'angolazione di circa 20°, ma varierà a seconda della lunghezza dei bracci del flash e della distanza tra la fotocamera e il soggetto.

CONSIGLIO PER INIZIARE
Un'immagine grandangolare di successo può essere illuminata su due strati, ma dovremmo sforzarci di creare quella che dovrebbe sembrare una scena completamente tridimensionale.
Inizia cercando sempre di combinare i primi piani con uno sfondo, non accontentarti di riprendere solo un bellissimo soggetto in primo piano.

PUNTA A METÀ ACQUA
Gli sfondi sono spesso più difficili da trovare, motivo per cui molti siti di immersione sono famosi per il grandangolo: Boo Windows a Raja Ampat, St Johns Wood in Egitto, Babylon nelle Isole Cayman, foreste di alghe e moli. Questi siti sono amati non per i loro primi piani, ma per gli sfondi pittoreschi.

SUGGERIMENTO AVANZATO
La profondità è solo uno dei fattori che rendono potenti le composizioni fotografiche. Sfido i fotografi nei miei workshop a concentrarsi su questo aspetto per un paio di giorni, in modo che diventi parte del loro approccio compositivo, ma poi a considerare altri fattori.
Come ogni guida alla composizione, non deve mai essere l'unica cosa a cui pensare.

Apparso su DIVER giugno 2016

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x