Il tesoro del naufragio di San José è contestato...

Il cannone che identificò il San José (Ministero della Cultura colombiano)
Il cannone che identificò il San José (Ministero della Cultura colombiano)

… ma le sue ricchezze vanno oltre le monete e i gioielli, afferma ANN COATS dell’Università di Portsmouth

I San Jose era un galeone di proprietà del re Filippo V di Spagna (1683-1746) nel XVIII secolo. Nel 18 salpò da Portobelo nell'attuale Panama a Cartagena in Colombia.

La nave fu affondata - ancora carico di tesori tra cui 11 milioni di monete d'oro e d'argento, smeraldi e altri carichi preziosi - durante la battaglia di Barú (nota anche come Azione di Wager), parte della guerra di successione spagnola.

Questa guerra era tra Spagna e Francia da un lato, e la Gran Bretagna, il Sacro Romano Impero, la Repubblica olandese e altri alleati europei dall'altro.

La ricerca del San Jose e il suo tesoro, affondato a 600 metri di profondità, è ora diventato possibile grazie ai progressi nella tecnologia dei veicoli sottomarini gestiti a distanza. La nave è ora in procinto di essere tirato su dal fondo del mare. Ma chi ne ha diritto San Josesono le ricchezze?

La spedizione corsara britannica ingaggia la nave del tesoro San José, dipinta da Samuel Scott
Il corsaro britannico Spedizione si impegna con il San Jose, dipinto da Samuel Scott (Museo marittimo nazionale)

Nel 1979, la società di salvataggio americana Sea Search Armada stipulò un accordo esclusivo con la Colombia per dividere i proventi della San Jose 50:50. Avevano rilevato la Società Glocca Morra, che aveva scoperto quello che si pensava fosse il relitto dell' San Jose in 1982.

Nel 2007, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che la Colombia detiene i diritti su beni considerati “patrimonio culturale nazionale”. Tutto il resto verrebbe dimezzato tra Sea Search Armada e Colombia. Probabilmente dovrebbe esserlo la proprietà di ogni oggetto deciso da esperti indipendenti.

Tuttavia, nel 2015, il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, contestato la posizione Si sospettava che Sea Search Armada detenesse il San Jose relitto. Ha confermato che il San JoseLa vera posizione di è stata trovata dalla marina colombiana - con l'aiuto di consulenti di archeologia marittima britannica e della Woods Hole Oceanographic Institution statunitense - nelle acque colombiane.

Spagna e Perù lo hanno fatto ne rivendicò anche la proprietà, Dal momento che San Jose era una nave spagnola che trasportava ricchezza creata dai lavoratori indigeni peruviani ridotti in schiavitù. I discendenti degli indigeni boliviani Qhara Qhara e dei lavoratori africani ridotti in schiavitù nella Nuova Granada, costretti a estrarre metalli preziosi, hanno ha anche presentato reclamo.

La Spagna colonizzò la Colombia, il Perù e la Bolivia dopo che Cristoforo Colombo raggiunse l'America nel 1492. Il 1494 Trattato di Tordesillas divise il nuovo territorio tra Spagna e Portogallo. Ciò ha comportato la distruzione della cultura indigena, il sequestro dei beni naturali e lo sfruttamento degli abitanti e della schiavitù delle popolazioni africane.

pezzi da otto sul naufragio di San José
Monete d'oro sul San Jose relitto (Marina colombiana)

Parte di San JoseLa ricchezza di dovrebbe quindi essere sicuramente riservata alla creazione di un'eredità culturale che possa bilanciare positivamente quel passato dannoso.

Ricerca per scoprire come San Jose è stato costruito dai suoi costruttori navali spagnoli e scopri l'equipaggio e le comunità locali in Colombia e Bolivia è fattibile.

I documenti sopravvivono negli archivi della Casa de Contratación de las Indias (Casa commerciale delle Indie), negli Archivi nazionali di Spagna e Lima e negli archivi dei cantieri navali spagnoli. La storia orale potrebbe rivelare storie popolari della comunità e ricordi tramandati.

L'esperienza di recupero, conservazione e interpretazione della nave Tudor Mary Rose, affondata nel 1545 e riemersa dai fondali nel 1982, è un superbo esempio di cosa si potrebbe fare con la San Jose. L'analisi scientifica del relitto e dei resti potrebbe determinare da dove provenisse l'equipaggio. Come con l' Mary Rose, la nuova tecnologia potrebbe essere utilizzata per portare quelle storie a un nuovo pubblico.

La perdita e l'eredità di San José

In un film eccellente analizzando il contesto della San JoseDopo la perdita della nave ed esplorando i suoi resti sottomarini, l'archeologo nautico professor Ricardo Borrero sostiene che il "vero valore della nave è il suo valore storico e il suo potenziale di fornire molte informazioni se poniamo le domande giuste".

Anche Juan David Correa, ministro della Cultura colombiano, insiste sul fatto che il valore del relitto è patrimoniale e non monetario, affermando “la storia è il tesoro”.

Riprese video del San Jose sito del relitto (Marina colombiana)

Nel 2024 archeologo colombiano Carlos Reina Martinez ha detto che l'Istituto Colombiano di Archeologia e Storia sta cercando di scoprire com'era la vita delle 600 persone a bordo della nave. San Jose quando affondò.

Desiderano anche studiare la vita quotidiana, i carichi, l'artiglieria e le merci dell'era coloniale in America. La Colombia investirà 4.5 milioni di dollari (3.5 milioni di sterline) per recuperare la nave e il suo contenuto e conservarli.

L’indagine colombiana proposta si ispira al progetto del Consiglio di ricerca sulle arti e le discipline umanistiche dell’Università di Portsmouth Acque impervie, di cui faccio parte.

pentole
Navi di stoccaggio (Marina colombiana)

La nostra ricerca sull'HMS britannico Looe, naufragata nel 1705, ha rivelato che i suoi convogli semestrali di Terranova erano vitali per gli obiettivi globali britannici durante la guerra di successione spagnola.

Unpath'd Waters cerca di collegare collezioni storiche disperse per portare nuove storie a un nuovo pubblico. Ispirato dal nostro lavoro, dal recupero e dal restauro del San Jose potrebbe anche collegare le sue numerose storie: i costruttori navali spagnoli, gli artigiani, i 600 passeggeri e l'equipaggio e i loro discendenti.

Ma le loro voci saranno ascoltate? Ci vorrà uno sforzo concertato da parte dei team di tutto il mondo, non una lotta per il potere, per garantire che lo siano.

CAPPOTTI DI ANN è Professore Associato di Storia Marittima presso l'Università Università di Portsmouth

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Anche su Divernet: La Colombia intensificherà il recupero delle navi del tesoro, La Colombia ha davvero smarrito il “Santo Graal dei naufragi”?, Pezzi da otto e tazze da tè San Jose relitto

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x