LA STRADA DA AVANTI CON I PFO

DAN MEDICO

LA STRADA DA AVANTI CON I PFO

A MONTREAL NEL 2015, la Undersea and Hyperbaric Medical Society (UHMS) e DAN hanno accolto i professionisti più esperti ad un workshop sul consenso sul forame ovale e sull'idoneità all'immersione. Gli argomenti discussi riguardavano come diagnosticare un PFO, come ridurre i rischi coinvolti e, naturalmente, come il PFO si relaziona ai subacquei.

1118 DAN2

Circa il 25% dei subacquei, in comune con la popolazione generale, ha un PFO, ma il rischio di MDD è piuttosto basso.

Può verificarsi un PFO solo dopo la nascita, se il forame ovale non si chiude correttamente. Ciò accade a circa un quarto della popolazione, anche se la maggior parte delle persone non se ne rende conto.

Il forame ovale è un buco nel muro tra gli atri destro e sinistro del cuore. La dimensione del foro e la quantità di sangue che scorre varia. In alcune persone il flusso sanguigno non si ferma mai, mentre in altre scorre solo in seguito ad attività faticose come il sollevamento pesi, ma potrebbe verificarsi anche dopo aver pareggiato con la manovra di Valsalva, dopo aver tossito o defecato.

Il tipo di PFO più pericoloso per i subacquei è il PFO con RLS, che è uno shunt spontaneo da destra a sinistra.

Ciò potrebbe provocare un’embolia paradossa, che si verifica quando un coagulo (trombo) passa da una vena sistemica a un’arteria sistemica e provoca un ictus.

Dopo un'immersione, nel sangue sono presenti emboli gassosi venosi (VGE), quindi il rischio è maggiore. I sintomi di un'embolia paradossa causata da VGE sono solitamente quelli associati alla malattia da decompressione sia neurologica che cutanea (MDD).

È apparso in DIVER novembre 2018

Il rischio di MDD per i subacquei ricreativi con un PFO è piuttosto basso, ma una delle domande a cui il workshop ha cercato di rispondere era come identificare i subacquei a rischio e cosa fare al riguardo se lo sono.

Le linee guida stabiliscono che i subacquei che hanno avuto più di un episodio di MDD con manifestazioni cerebrali, spinali, vestibolo-cocleari o cutanee dovrebbero essere testati per un PFO da esperti del settore.

I subacquei a rischio di MDD con un PFO hanno tre opzioni per ridurre tale rischio.

Il primo è smettere di immergersi, il secondo è immergersi in modo conservativo ed evitare sforzi eccessivi dopo l'immersione, e il terzo è chiudere il PFO, anche se questo non garantisce che non si verifichi mai più una MDD.

Dopo la chiusura del PFO, il tempo minimo necessario al subacqueo per interrompere l'immersione è di almeno tre mesi.

Gli esami dovrebbero confermare che il foro si è completamente chiuso, e inoltre il paziente deve aver smesso di assumere farmaci antipiastrinici.

È importante tenere presente che la MDD è causata principalmente da un'esposizione significativa all'immersione (profondità, tempo e velocità di risalita). Chiunque pratichi immersioni estreme è a rischio di MDD, anche se non ha un PFO.

DAN Europa è un'organizzazione mondiale senza scopo di lucro che fornisce consulenza medica di emergenza e assistenza per lesioni subacquee. Promuove inoltre la sicurezza subacquea attraverso la ricerca, l'educazione, prodotti e servizi

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x