Bambino tuffatore

SUBACQUEA INCINTA

BAMBINO SUBACQUEO

Futuro padre HENLEY GUGLIE decise che aveva bisogno di una migliore comprensione delle immersioni e della gravidanza SU UNA CROCIERA NEL MAR ROSSO, ho scoperto che io e Jade aspettavamo il nostro primo figlio. Sapevamo che Jade avrebbe dovuto sospendere le immersioni subacquee per nove mesi, ma col passare del tempo volevo comprendere meglio la ricerca dietro le immersioni e la gravidanza.

I rischi dell'immersione durante la gravidanza

A differenza di molte specie marine (ciao signor Cavalluccio Marino), la femmina fa tutto il lavoro pesante quando si tratta di una gravidanza umana, e noi maschi possiamo solo fare del nostro meglio per essere di supporto.

Oltre al carico fisico, si consiglia alle future mamme di rinunciare alle immersioni subacquee durante il periodo di gestazione: come la maggior parte degli uomini, sono eternamente debitore a Jade per avermi fatto carico di entrambi questi pesi!

La stragrande maggioranza dei subacquei oggi è consapevole che non dovresti immergerti se sei incinta e tutto il resto formazione le agenzie ora elencano la gravidanza come controindicazione alle immersioni subacquee che richiedono una consultazione medica.

I rischi per il feto sono gli stessi che consideriamo applicabili a noi stessi durante le immersioni: malattia da decompressione (MDD) e effetto di un'elevata pressione parziale dell'ossigeno.

Ciò che non è chiaro è la suscettibilità del feto a questi problemi.

Comprendere le incertezze

È possibile che se nella futura mamma si verificassero bolle eccessive, alcune di queste bolle passerebbero attraverso la placenta nel feto. La cosa spaventosa è che è possibile che si formino bolle dannose nell’utero senza che la madre mostri alcun segno di MDD. Non siamo inoltre sicuri di come reagirà un feto a dosi elevate di ossigeno sotto pressione, sia in una camera iperbarica che durante l’immersione.

A seconda dello stadio della gravidanza, si teme che una malattia subacquea possa avere gravi conseguenze come anomalie fisiche, danni cerebrali o addirittura la morte del feto.

Esperimenti sugli animali e loro risultati

Usare donne incinte per i test ovviamente non è un’idea eticamente valida, quindi la mancanza di dati è il più grande ostacolo per comprenderlo meglio problema. La placenta di pecora ha la somiglianza più vicina a quella di un essere umano e sono state condotte simulazioni di immersione iperbarica su pecore gravide.

Questi esperimenti hanno rivelato un'eccessiva formazione di bolle sia nella pecora che nel feto e, quando sottoposti a una serie di profili di immersione estremi, si è verificata la morte del feto. Sono stati effettuati anche test iperbarici su ratti gravidi, che hanno dimostrato che se i ratti contraevano la MDD, c'era una probabilità molto più alta di anomalie fisiche nel feto, anche se la MDD veniva trattata.

D'altra parte, quando non si verificava alcuna MDD, il feto aveva le stesse probabilità di nascere sano come nei casi in cui la madre non si era “immersa”.

Studi sull'uomo e le loro scoperte

GLI STUDI PIÙ RECENTI che coinvolgono esseri umani hanno utilizzato un formato di indagine retrospettiva. In un articolo del 2006 degli scienziati della camera iperbarica di Plymouth, la scoperta più chiara era che sempre più donne incinte si astenevano dalle immersioni.

0917 gravidanza giada chiedendo
Ti sei mai chiesto quale sia la ricerca dietro le immersioni e la gravidanza?

I loro dati indicavano anche che il tasso di aborti spontanei tra le donne che si erano immerse durante la gravidanza era lo stesso del tasso della popolazione generale del Regno Unito.

Nel 2014, una nuova ricerca raccomandava alle donne incinte di evitare di immergersi ma, se una donna insisteva, dovrebbe restare a una profondità massima di 18 metri, con un tempo di immersione massimo pari alla metà di quello calcolato dalle Tabelle della Marina degli Stati Uniti.

Raccomandazioni e linee guida attuali

Più recentemente, un articolo del 2016 ha fornito il sondaggio più ampio mai realizzato fino ad oggi, intervistando più di 2000 donne, 466 delle quali si sono immerse durante la gravidanza.

Come nella ricerca precedente, non è stata riscontrata alcuna differenza nei tassi di aborto spontaneo e di nascite premature tra le donne incinte che praticavano l'immersione e quelle che non praticavano l'attività subacquea. Tuttavia, tra le donne che si erano immerse, è stato riscontrato un tasso significativamente più elevato di malformazioni infantili, poiché i danni si erano verificati nel primo trimestre.

La raccomandazione più dura era tutto qui formazione le organizzazioni dovrebbero modificare i propri regolamenti per richiedere un test di gravidanza negativo prima di ogni sessione di immersione subacquea!

In sintesi, non esiste un insieme di prove solide che fornisca risposte coerenti e definitive al riguardo problema delle immersioni durante la gravidanza. Abbiamo, tuttavia, indicazioni che le malattie subacquee possano avere conseguenze tragiche per il feto.

Tenendo presente questa incertezza e lo scenario peggiore, è chiaro che le immersioni subacquee durante la gravidanza non valgono il rischio. Inoltre, nessun medico sano di mente ti autorizzerà!

Cosa fare in caso di immersione accidentale durante la gravidanza

SE SEI IMMERSO ACCIDENTALMENTE nelle prime fasi della gravidanza non sei la prima e con ogni probabilità il feto sta bene. Interrompere tutte le ulteriori immersioni, consultare il proprio medico e richiedere una scansione anatomica precoce per rassicurazione.

0917 snorkeling in gravidanza
Ti sei mai chiesto quale sia la ricerca dietro le immersioni e la gravidanza?

Se sei incinta e hai voglia di acqua, fare snorkeling mentre nuoti in superficie è l'opzione migliore.

Esplorare l'inesplorato: apnea e gravidanza

Per quanto riguarda l’apnea, ci sono ancora meno ricerche disponibili sulle immersioni in apnea e sulla gravidanza. È noto che i cercatori di perle Ama del Giappone continuano il loro lavoro anche durante le gravidanze, apparentemente senza effetti negativi. Tuttavia, sappiamo che le immersioni ripetute e profonde in apnea causeranno un carico di azoto e potrebbero portare alla formazione di bolle, che a loro volta potrebbero essere dannose per il feto.

L’apnea notturna fornisce un interessante parallelo fisiologico, con la ricerca condotta tra le donne incinte che suggerisce che trattenere il respiro può portare a esiti più avversi della gravidanza.

Raccomandazioni dopo il parto

Una volta nato il bambino, le raccomandazioni per riprendere l'attività subacquea sono più o meno le stesse di tutte le attività fisiche da moderate a faticose.

Dopo un parto vaginale, si consiglia di attendere almeno tre settimane e di assicurarsi che le perdite vaginali postpartum siano cessate prima dell'immersione completa.

Se hai avuto un taglio cesareo, è probabile che il recupero richieda più tempo e dovresti evitare tutti i sollevamenti pesanti mentre i punti guariscono, almeno dalle sei alle otto settimane.

Ognuno è diverso; queste sono solo linee guida. La decisione finale dovrebbe essere presa in consultazione con il medico.

Allattamento e immersioni

Per quanto riguarda l'allattamento dopo l'immersione, è assolutamente sicuro perché l'azoto non si accumula in quantità significative nel latte materno.

E quindi sembrerebbe che per una futura mamma subacquea, il primo grande sacrificio sia appendere (temporaneamente) il GAV al chiodo!

La nascita di Apolline Luna Spires

Jade ha dato alla luce una figlia, Apolline Luna Spires, a luglio.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x