La medicina legale è diversa quando qualcuno muore in uno specchio d'acqua...

Squadra subacquea della polizia di New York (Rododendriti)
Squadra subacquea della polizia di New York (Rododendriti)

Innanzitutto c’è il problema di localizzare la persona, dicono PAOLA A MAGNI e EDDA GUARESCHI della Murdoch University e ROSSELLA PABA della James Cook University in Australia

Mentre l'iconico nastro "Scena del crimine - Non attraversare" può essere uno spettacolo familiare sulla terra, è una storia diversa quando si tratta di acqua.

Non essendo possibile isolare un intero lago o una fetta della vasta distesa dell'oceano, le indagini dentro, sotto o accanto all'acqua rappresentano una sfida unica. Questo lavoro non riguarda solo attività criminali sospette, ma anche operazioni di ricerca e recupero o incidenti.

Poiché il corpo umano non è attrezzato per sopravvivere in acqua, ogni anno si registrano molti decessi a causa di questo morte naturale or sospetto omicidio. I corpi possono essere trovati non solo nell'oceano, ma anche laghi, fiumi, pozzi, piscine ed cisterne.

A volte lo scenario è più complesso, come nel caso del 2021 in cui è stato scoperto un cadavere nascosto in un bidone con ruote sul fondo di una diga, o quando fu mozzato il piede della truffatrice Melissa Caddick trovato in una scarpa lavata su una spiaggia.

Gli investigatori chiamati su tali scene devono fare affidamento su tecniche e tecnologie specializzate per raccogliere prove e ricostruire ciò che è accaduto. A volte sono supportati da esperti nel campo di nicchia e multidisciplinare della “scienza forense acquatica”, come ad es il nostro gruppo di ricerca.

Le dimensioni di uno specchio d’acqua possono rendere difficile sapere da dove cominciare, ma ci sono sempre quattro domande principali a guidare il lavoro degli investigatori: chi sono le vittime? Come sono morti? Quando è avvenuta la morte? E dove è successo?

Trovare il corpo

A volte il primo problema è trovare la persona deceduta. A seconda dello specchio d'acqua e delle circostanze del caso, è possibile inviare squadre di subacquei per condurre una ricerca.

Poiché gli investigatori e i patologi di solito non sperimentano la scena reale e vedrà la vittima solo una volta recuperata, le immagini e i ricordi subacquei forniti dai subacquei diventano essenziali.

Tuttavia, la sicurezza dei subacquei viene sempre al primo posto. I subacquei possono operare solo per un certo periodo in uno scenario subacqueo. Ciò è determinato da fattori come la profondità, la temperatura dell’acqua, le correnti e le onde che influenzano la frequenza respiratoria dei subacquei e il consumo di aria dalla bombola.

Restringere l’area di ricerca è un primo passo fondamentale. Cani appositamente addestrati può rilevare l'odore dei resti umani sommersi dalla superficie, se non è troppo profonda. Anche la tecnologia può aiutare: satelliti e dati oceanografici può aiutare a localizzare oggetti fluttuanti e sonar può scansionare l'acqua per rilevare eventuali oggetti sul fondo, incluso un corpo.

I subacquei possono quindi prendere quello che è noto come a registrazione visiva della scena direttamente, oppure possono utilizzare veicoli telecomandati dotati di telecamere. È anche importante utilizzare una scala fotografica di riferimento: nell'acqua gli oggetti appaiono fino al 25% più vicini e fino al 33% più grandi rispetto alle loro dimensioni reali.

Nonostante i migliori sforzi, la profondità, la distanza dal bersaglio e la limpidezza dell'acqua possono influenzare la qualità delle immagini. Alcune aree sottomarine hanno visibilità zero, rendendo l'indagine di più impegnativo e potenzialmente pericoloso.

Subacquei della polizia in acqua (Markus Roider / Pixabay)
Sommozzatori della polizia (Markus Roider / Pixabay)

Identificazione e recupero della salma

A volte identificare la vittima è semplice, ad esempio nei casi con testimoni presenti. Tuttavia, i corpi possono essere irriconoscibili dopo un periodo trascorso sott'acqua. L'essere cause sommerse diversi cambiamenti a causa della temperatura, delle correnti e interazioni con gli animali e ostacoli.

Ad esempio, ambienti freddi e umidi come l’oceano fanno sì che il tessuto adiposo si trasformi in una sostanza cerosa (adipocera) in meno di 40 giorni. Anche la perdita degli arti è comune: gli investigatori potrebbero dover identificare un corpo basandosi solo su alcune parti. Se un corpo perde un piede, può essere trovato galleggiante, grazie al galleggiabilità offerta dalle scarpe.

Come nel caso di custodie su terreno asciutto, indumenti e oggetti personali come portafogli e gioielli può aiutare il processo di identificazione. Per evitare di perdere oggetti personali durante il recupero, sacchi per cadaveri anfibi sono stati sviluppati. Consentono la raccolta del corpo direttamente dall'acqua, trattenendo gli oggetti associati ma consentendo all'acqua di defluire.

Esercizio anfibio con il sacco per cadaveri

Annegato o già morto?

Una delle domande principali è se la morte sia avvenuta in acqua o altrove, con il corpo gettato successivamente. Ce ne sono circa 236,000 all'anno morti per annegamento in tutto il mondo.

Gli investigatori possono anche essere chiamati a studiare un corpo ritrovato in mare in seguito mesi scomparsi, o rimane lavato su una spiaggia.

L'annegamento è una delle diagnosi più difficili nella patologia forense. È basato su alcuni reperti sparsi, come liquido schiumoso nelle vie aeree, danni ai polmoni e liquido nel tratto gastrointestinale superiore.

Un altro strumento è il prova della diatomea – confronta le alghe microscopiche presenti nei tessuti del corpo con quelle presenti nell'acqua in cui è stato recuperato il corpo. Per corpi altamente decomposti, nuovi molecolare, intelligenza artificiale e "virtopsiaLe tecnologie (autopsia virtuale) si stanno sviluppando rapidamente.

A volte l'annegamento è il meccanismo della morte, ma potrebbero esserci state altre cause sottostanti, come un crampo, un infarto, farmaci o un incidente di qualche tipo. Ci vuole un'attenta interpretazione per discernerli.

Un subacqueo in muta sul fondo del mare che manipola strumenti
Rossella Paba conduce un'indagine di archeologia subacquea (Rossella Paba)

I vecchi strumenti e le nuove tecnologie aiutano

Rilievi fotogrammetrici sviluppato per mappare siti archeologici sommersi e droni sottomarini dotati di più sensori, luci speciali e tecnologie di imaging acustico per localizzare obiettivi sommersi, possono aiutare a creare un'immagine 3D dell'area sottomarina. Questo aiuta a distinguere oggetti di grandi dimensioni, come relitti e veicoli, corpi o le ossae pezzi di abbigliamento.

Dopo il recupero, i macro e i microrganismi possono fornire informazioni sul provenienza, le cause di morte e la tempo di immersione.

A differenza dei metodi standardizzati sulla terraferma, le procedure negli scenari criminali subacquei sono ancora in fase di sviluppo. Gli scienziati forensi stanno anche prendendo in prestito conoscenze, tecniche e strumenti da altri campi, come l’archeologia subacquea e la biologia marina, ma senza il nastro della scena del crimine.

Gli autori: Paola A.Magni, ricercatore aggiunto, Università dell'Australia Occidentale; Ricercatore presso l'Harry Butler Institute, docente senior di scienze forensi, Università di Murdoch; Edda Guareschi, Professore a contratto di Scienze Forensi, Università di Murdoch ed Rossella Papà, dottorando, Università di Cagliari, James Cook University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Anche su Divernet: Una squadra di sommozzatori privati ​​si unisce alla ricerca sul fiume Bulley

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x