Immersioni ed epilessia

DAN MEDICO

Per chiunque sia maggiormente a rischio di convulsioni, avventurarsi sott'acqua potrebbe sembrare temerario, ma ci sono alcune circostanze in cui l'immersione può essere possibile. Il dottor Louis van Heerden ci illustra le ultime riflessioni scientifiche

SUBACQUEI CHE SOFFRONO DI EPILESSIA devono considerare tutti i fattori della loro condizione prima di immergersi, perché una crisi epilettica durante l'immersione può avere gravi conseguenze per loro.

I termini “epilessia” e “convulsioni” (o convulsioni) tendono ad essere usati in modo intercambiabile. Le convulsioni sono manifestazioni parossistiche (imprevedibili e incontrollabili) delle proprietà elettriche della corteccia cerebrale.

In altre parole, sono la scarica elettrica involontaria e incontrollata dell'attività neuronale di una parte o dell'intero cervello.

L’epilessia è una condizione medica caratterizzata da convulsioni ricorrenti e non provocate. La classificazione e le manifestazioni dipenderanno dall'area del cervello coinvolta.

COSA PUÒ CONTRIBUIRE?

Potrebbe essere abbastanza sorprendente apprendere che le convulsioni sono una manifestazione molto comune e non specifica di lesioni e malattie neurologiche.

Per come lo intendiamo noi, la funzione principale del cervello è trasmettere impulsi elettrici. Ricerche recenti hanno suggerito che la probabilità di sperimentare almeno un attacco epilettico nella propria vita è di circa il 9% e che la probabilità di ricevere una diagnosi di epilessia nel corso della propria vita è di circa il 3%. La prevalenza dell'epilessia attiva, tuttavia, è solo dello 0.8% circa.

Le crisi epilettiche possono avere molte cause, tra cui una predisposizione genetica, un trauma cranico, un ictus, tumori al cervello e astinenza da alcol e/o droghe.

Sembra che alcune condizioni possano abbassare la soglia delle crisi epilettiche, e l’esposizione in acqua conta certamente come quella più importante quando inseriamo nell’equazione le immersioni.

La deprivazione sensoriale, l'iperventilazione, la narcosi da azoto, l'acidosi (da ritenzione di anidride carbonica), l'ansia e l'ipossia (per qualsiasi motivo) possono tutti contribuire ad abbassare la soglia delle convulsioni in circostanze normali. Tutti questi possono verificarsi più facilmente in profondità.

Altri fattori includono stanchezza, stress psicologico, abuso di sostanze, luci tremolanti, malattie e alcune carenze nutrizionali. La combinazione anche di uno solo di questi fattori con l’esposizione in acqua espone una persona epilettica a un rischio maggiore durante le immersioni.

In primo luogo, aumenta il rischio di convulsioni sott'acqua. In secondo luogo, aumenta la quasi inevitabilità di un esito fatale sotto forma di annegamento.

COME FUNZIONA?

Diamo uno sguardo più da vicino all’anatomia (struttura) e alla fisiologia (funzionamento) dell’epilessia. A grandi linee possono essere classificate come crisi focali, in cui la scarica elettrica dei neuroni (cellule cerebrali) coinvolge solo una parte o un'area specifica del cervello, o come crisi generalizzate, in cui è coinvolto l'intero cervello.

L'area strutturale del cervello coinvolta, in parte o nel suo insieme, è chiamata corteccia cerebrale. Anatomicamente, costituisce la superficie del cervello (il cervello “grande”).

Il “picco epilettiforme interictale focale” o onda acuta è il segno neurofisiologico clinico delle crisi ad esordio focale. Il correlato neurofisiologico cellulare a questo è chiamato spostamento della depolarizzazione parossistica (PDS).

Questo processo comporta la depolarizzazione (un cambiamento del potenziale di riposo o “corrente”) dei neuroni attraverso i canali del potassio calcio-dipendenti. seguito da una prominente iperpolarizzazione.

Se ci sono più di diversi milioni di questi neuroni che scaricano, gli elettrodi attaccati al cuoio capelluto possono registrare l'attività elettrica attraverso un elettroencefalogramma (EEG).

I meccanismi che possono coesistere in diverse combinazioni per causare crisi epilettiche ad esordio focale sono la diminuzione dell’inibizione o l’aumento dell’eccitazione dei neuroni.

I meccanismi che portano alla ridotta inibizione dei neuroni sono l’inibizione difettosa dell’acido gamma-aminobutirrico (GABA) A e B, l’attivazione difettosa dei neuroni GABA e il buffering intracellulare difettoso del calcio.

I meccanismi che portano ad una maggiore eccitazione dei neuroni sono una maggiore attivazione dei recettori dell'acido N-metil-D-aspartico (NMDA); aumento della sincronia tra neuroni dovuta alle interazioni efaptiche (passaggio di un impulso elettrico da un neurone al successivo); e aumento della sincronia e/o dell'attivazione a causa di collaterali eccitatori ricorrenti.

Le crisi ad esordio focale possono evolvere in crisi generalizzate. Ognuna di queste variabili prese singolarmente costituisce una controindicazione all'immersione, per cui si può apprezzare la gravità della situazione quando vengono combinate.

COSA POSSONO FARE I SUBACQUEI?

Sebbene il rischio non possa essere quantificato, la maggior parte dei professionisti medici rimane riluttante a dichiarare idonei all’immersione i subacquei ricreativi con convulsioni non diagnosticate o con diagnosi di epilessia.

Ciò è dovuto alla possibilità di un esito fatale qualora si verificasse il rischio.

Credo che un individuo affetto da epilessia dovrebbe incanalare la propria energia avventurosa in attività a terra che possano offrire altrettanto euforia e soddisfazione quanto le immersioni.

Tuttavia, potrebbero esserci delle eccezioni. Si tratta di convulsioni causate dalla stimolazione del vago (svenimento dovuto a una via di deflusso del nervo), ipotensione posizionale (bassa pressione sanguigna), bassi livelli di zucchero nel sangue, droghe ricreative e convulsioni febbrili prima dei cinque anni (senza convulsioni successive).

I dati disponibili ci dicono che il 30% delle persone che soffrono di epilessia avrà crisi epilettiche o convulsioni nonostante i farmaci.

Ci dice anche che circa il 50% dei bambini affetti da epilessia giovanile non avrà recidive in età adulta e non avrà alcun aumento del rischio rispetto alla popolazione generale (sebbene alcune autorità sostengano che vi sia un aumento del rischio inferiore all’1%).

Statisticamente le possibilità di subire un altro attacco diminuiscono esponenzialmente con il tempo e raggiungono un livello di rischio quasi normale dopo cinque anni (il che non tiene in considerazione lo stress aggiuntivo dell'immersione).

Sappiamo anche dai dati disponibili che il 30% dei bambini e il 65% degli adulti manifestano attacchi epilettici o convulsioni nei primi due anni dopo la sospensione dei farmaci antiepilettici.

Alcune autorità subacquee ora consentono alle persone con epilessia di immergersi dopo cinque anni senza convulsioni dopo aver sospeso i farmaci. Altri professionisti medici ritengono che due anni senza convulsioni dopo la sospensione dei farmaci possano essere un rischio accettabile per questi individui, con le condizioni di una limitazione della profondità a 15 metri, acqua calda e pulita e nessuna miscela respiratoria nitrox.

Sebbene l’incidenza della morte improvvisa inaspettata nell’epilessia (SUDEP) sia bassa (circa 2.3 volte superiore rispetto alla popolazione generale), la maggior parte di questi decessi sono dovuti a disturbi della coscienza.

Alla fine dovrebbero decidere i subacquei che soffrono di epilessia. Se desiderano continuare ad immergersi dopo aver considerato tutte le informazioni fornite, dovrebbero accettare il rischio maggiore, così come i loro compagni di immersione.

VUOI UNA SECONDA OPINIONE?

La sicurezza durante le immersioni dovrebbe sempre rimanere la tua priorità, e questo vale anche quando si considera una condizione come l'epilessia e i suoi farmaci.

Ricorda che sei responsabile anche della sicurezza di chi si immerge con te. La hotline DAN Europe è sempre disponibile con un aiuto specializzato.

CHIEDI AGLI ESPERTI DI DAN

Sono un'immersione istruttore e sono al sesto mese di gravidanza. Posso effettuare sessioni in acque confinate? La piscina è profonda 1.5 metri. Dopo il parto quanto tempo devo aspettare prima di tornare a immergermi?

1018 dan gravidanza
Immersioni ed epilessia 2

Recenti conoscenze suggeriscono di sospendere le immersioni nel momento in cui si accerta la gravidanza.

Quando ciò accade, sconsigliamo l'immersione ad una donna incinta, sia perché può essere pericolosa per il feto (formazione di bolle, tossicità dei gas), sia per alterazioni fisiologiche della madre, che possono compromettere alcune funzioni essenziali per la sicurezza dell'immersione (pericolo legato al reflusso acido, ridotto volume di riserva inspiratoria, problemi di compensazione causati dallo stato edematoso delle mucose).

Ti consigliamo di riprendere le immersioni solo in perfette condizioni psico-fisiche, comunque non prima di 4-6 settimane in caso di parto naturale e non prima di 6-10 settimane in caso di parto cesareo.

DAN Europe è un'organizzazione mondiale senza scopo di lucro che fornisce consulenza medica di emergenza e assistenza per lesioni subacquee. Promuove inoltre la sicurezza subacquea attraverso la ricerca, l'educazione, prodotti e servizi

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x