Barotrauma a Bonaire

dan_medical

DAN MEDICO

Segni rivelatori durante a formazione Ovviamente avrebbero potuto dare a un subacqueo un indizio vitale, ma non lo hanno fatto. Un anno dopo i suoi sintomi tornarono con violenza. Allora, cos'è una vescicola? Lana Sorrell spiega tutto.

Il subacqueo

Durante un recente viaggio a Bonaire con il suo club subacqueo, Rick (uno pseudonimo) stava completando la sua quarta immersione della giornata, che era la sua 14a immersione in una serie di tre giorni e la sua 145a immersione nella sua vita.

Certificato circa due anni prima, Rick aveva 38 anni ed era in buona salute, senza alcuna storia medica significativa ad eccezione di quella che da bambino aveva descritto come "asma dell'atleta".

L'incidente

Prima di iniziare la terza immersione della giornata, Rick aveva sentito un senso di oppressione al petto. Aveva attribuito la colpa al fatto di aver mangiato gli avanzi di pizza a pranzo e aveva anche detto che aveva bisogno di prendere un antiacido.

Il fastidio al torace si è risolto durante il viaggio in barca verso il sito di immersione, quindi ha proseguito l'immersione, scendendo ad una profondità massima di 14 metri.

Rick ha scattato molte fotografie durante l'immersione e occasionalmente si girava per vedere l'interno della barriera corallina.

Dopo essere emerso dall'immersione successiva, Rick è salito a bordo della barca e ha subito notato un cambiamento nella sua voce, mal di gola e crepitii sotto la pelle intorno al collo.

Un anno prima, quando Rick aveva completato la seconda immersione del suo brevetto di subacqueo su relitti, era emerso completamente esausto, con una sensazione di bruciore in gola.

Dopo essersi tolto l'equipaggiamento aveva notato un cambiamento nella sua voce e ciò che descrisse come acqua sotto la pelle intorno al collo. Altri subacquei del suo gruppo attribuirono i suoi sintomi a gas sgradevole o acqua nelle orecchie.

Quella sera Rick aveva preso un antidolorifico da banco e il Benadryl ed era andato a letto presto.

Tutti i sintomi erano scomparsi la mattina seguente e aveva completato le ultime due immersioni del corso senza problemi.

La diagnosi

Un medico dell'ospedale locale di Bonaire ha effettuato una valutazione neurologica completa di Rick e ha diagnosticato un barotrauma polmonare (lesione da pressione sui polmoni) ed un enfisema sottocutaneo (aria sotto la pelle).

La radiografia del torace non era eccezionale. Il medico non ha notato complicazioni a parte l'enfisema sottocutaneo del collo, che non ha influenzato le vie aeree, quindi ha somministrato ossigeno ad alto flusso e ha permesso a Rick di tornare al suo resort.

Una TAC effettuata il giorno successivo ha rivelato abbondante aria mediastinica intorno al cuore, ai polmoni e nel collo. Mostrava anche almeno due grandi “vesciche” (sacche d’aria cistiche) nella parte superiore dei polmoni di Rick. Ritornava in ospedale ogni giorno in modo che i medici potessero monitorare i suoi progressi.

A causa del rischio di pneumotorace durante il viaggio aereo, Rick è stato ricoverato in ospedale due giorni dopo l'incidente per respirare ossigeno al 100% per sei ore. Il medico ha adottato queste misure aggressive per accelerare la guarigione di Rick e permettergli di tornare a casa con il suo gruppo.

Una TAC di follow-up tre giorni dopo l'incidente (e un giorno prima della partenza prevista) ha mostrato le stesse vesciche di prima, ma molta meno aria extra-alveolare nel mediastino.

Dopo essersi consultato con specialisti polmonari sia a livello locale che negli Stati Uniti, il medico curante ha autorizzato Rick a tornare a casa con il suo gruppo.

Discussione

Il barotrauma polmonare si verifica generalmente alla fine di un'immersione, quando il gas intrappolato provoca l'espansione degli alveoli (sacche d'aria nei polmoni) durante la risalita e infine la rottura se la normale espirazione è compromessa dall'apnea o da un problema polmonare.

Il gas proveniente da un polmone rotto può fuoriuscire in uno o più dei quattro punti:

  1. L'area attorno al cuore (pneumomediastino, noto anche come enfisema mediastinico)
  2. Lo spazio pleurico tra i polmoni e la parete toracica (pneumotorace)
  3. Il flusso sanguigno (embolia gassosa arteriosa [AGE])
  4. Sotto la pelle attorno alla parte superiore del torace e del collo (enfisema sottocutaneo)

Il rischio di barotrauma polmonare è maggiore nelle persone che presentano vesciche nei polmoni. Le vesciche sono sacche d'aria anomale, simili a palloncini, il più delle volte causate da un'infiammazione, che distrugge le sottili pareti che separano gli alveoli.

Sebbene siano comuni nei fumatori, sono stati riscontrati anche nei non fumatori. Le vescicole svuotano l'aria lentamente a causa della loro parete sottile e non elastica. Durante l'espirazione durante la risalita, la pressione può aumentare, causando la rottura.

Le persone con vescicole sono anche a rischio di pneumotorace spontaneo (polmone collassato). Quelli con una storia di pneumotorace spontaneo vengono automaticamente squalificati dalle immersioni, a causa dell'alto rischio di barotrauma polmonare.

Esiste un consenso tra i medici subacquei sul fatto che, nonostante l’apparenza di polmoni normali attraverso test o imaging, qualcuno con una storia di pneumotorace spontaneo non dovrebbe immergersi in nessuna circostanza.

Il barotrauma polmonare di Rick si manifesta come pneumomediastino, il cui sintomo principale è un dolore retrosternale o oppressione al torace.

È probabile che questo fosse ciò che Rick sentiva prima della sua terza immersione. Occasionalmente un subacqueo potrebbe avvertire un dolore acuto alle spalle, alla schiena o al collo che può essere aggravato dalla respirazione profonda, dalla deglutizione, dal movimento del collo o del tronco, dalla tosse o dalla posizione distesa.

Sono comuni anche i cambiamenti di voce, come la voce di Paperino che risulta dalla respirazione di elio.

La sensazione di crepitio che Rick ha descritto sotto la pelle attorno al collo è nota come crepitazione sottocutanea (graffio o tintinnio). L'aria rimaneva intrappolata sotto la pelle quando fuoriusciva dalla cavità toracica e nei tessuti molli del collo.

L'apnea, la risalita rapida e alcune malattie polmonari possono causare barotraumi polmonari, il cui rischio è aumentato da malattie polmonari come l'asma (se non adeguatamente curate) a causa del rischio di broncospasmo e/o ostruzione delle vie aeree.

La cicatrizzazione o l'infiammazione polmonare causata dalla sarcoidosi o dalla fibrosi interstiziale impedisce il corretto scambio di gas e aumenta il rischio di barotrauma polmonare.

Inoltre, le persone che hanno precedentemente manifestato un pneumotorace spontaneo o un pneumomediastino corrono un rischio maggiore. In generale, si consiglia a chiunque abbia patologie polmonari che potrebbero aumentare il rischio di barotrauma polmonare di evitare le immersioni subacquee.

Per i soggetti con patologie polmonari sottostanti, il rischio di barotrauma polmonare aumenta con le risalite rapide, soprattutto condotte in prossimità della superficie, dove le variazioni di pressione relativa sono maggiori.

I medici subacquei raccomandano che chiunque abbia subito un barotrauma polmonare venga adeguatamente valutato prima di tornare a immergersi. Sfortunatamente, Rick non ha riconosciuto i suoi sintomi durante l'operazione formazione si è tuffato un anno prima per un enfisema sottocutaneo, quindi ha continuato a immergersi senza parlare con un medico.
Fortunatamente per lui, ha riconosciuto i suoi sintomi dopo il secondo episodio ed è stato adeguatamente trattato. Da allora è tornato a immergersi dopo due operazioni riuscite per correggere le vescicole.

CHIEDI AGLI ESPERTI DI DAN

Quando cercavo di fornire la respirazione artificiale in acqua a un subacqueo ferito, perché non potevo usare la mia riserva? regolatoreil pulsante di eliminazione? Mi sembra più facile che cercare di gestire una tasca mask.

Utilizzando il pulsante di spurgo di a regolatore la seconda fase è stata proposta molte volte, ma qualsiasi vantaggio che possa sembrare offrire non supera i potenziali rischi e complicazioni.

Se l' regolatore il boccaglio non sia già nella bocca del subacqueo che non risponde, provare a sostituirlo può essere difficile e dispendioso in termini di tempo. Senza una buona tenuta e un mezzo per occludere le narici del subacqueo, qualsiasi tentativo di ventilazione non avrà successo.

Anche se il boccaglio può essere posizionato con successo nella bocca del sub, c’è il rischio che spinga la lingua rilassata verso la parte posteriore della gola e blocchi le vie aeree.

Se il boccaglio rimanesse o fosse posizionato nella bocca del subacqueo senza bloccare le vie aeree, la sfida successiva sarebbe la somministrazione di aria.

I pulsanti di eliminazione non hanno una vera capacità normativa. Essi annullano di fatto la funzione del secondo stadio di ridurre il gas dalla pressione intermedia alla pressione ambiente, fornendo così gas a pressione intermedia direttamente dal primo stadio. Fornire gas respiratorio ai polmoni a una pressione troppo elevata potrebbe gonfiarli eccessivamente, causando potenzialmente gravi lesioni.

Se le vie aeree del subacqueo non vengono mantenute in una posizione aperta, il gas respiratorio erogato dal pulsante di spurgo potrebbe essere forzato nello stomaco, causando distensione gastrica. Ciò espone il subacqueo al rischio di rigurgito, che può compromettere ulteriormente le vie aeree e portare all'aspirazione.

Erogazione delle ventilazioni di soccorso utilizzando un dispositivo tascabilemask o un metodo simile fornisce un feedback tattile attraverso i cambiamenti della pressione necessaria per ventilare i polmoni, mentre l'erogazione delle ventilazioni di soccorso con la valvola di spurgo elimina questo importante feedback.

L'uso di una valvola di spurgo preclude inoltre la possibilità di integrare il gas con ossigeno al 100%.

Metodi di salvataggio attualmente insegnati da formazione le agenzie sono il risultato di anni di esperienza pratica. Le valvole di spurgo non sono mai state progettate per funzionare come attrezzature di salvataggio. Quando si ventila un subacqueo infortunato, affidarsi ai metodi consolidati.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x