Aland di prim'ordine

RELITTO DIVERA-LIST ÅLAND

La regione più piccola della Finlandia vanta un museo di relitti sottomarini che sicuramente affascinerà i sub grazie al livello di conservazione offerto dalle condizioni locali. Il subacqueo tecnico KIERAN HATTON riempie i suoi stivali

1217 aland notung testa del telegrafo
La testata del telegrafo sul Notung.

MOLTI ANNI FA, in una galassia molto lontana, quando non potevamo accedere istantaneamente alle informazioni a portata di mano a qualsiasi ora del giorno e della notte, ho letto un articolo sulle immersioni nel Baltico.

Qualche anno (tosse, 20...) dopo, mi ritrovo a guidare un gruppo di nove persone dal Regno Unito a immergermi in alcuni dei relitti dentro e intorno alle Isole Åland.

Le Åland si estendono dalla costa orientale della Finlandia verso la costa occidentale della Svezia, colmando il divario tra il Mar Baltico e il Golfo di Botnia. È una parte autonoma della Finlandia, ma la lingua locale è lo svedese e sarebbe giusto dire che la regione ha una certa storia.

Il Mar Baltico esercita un enorme fascino sugli appassionati di relitti. Le sue profondità immobili, oscure, salmastre e anossiche offrono un ambiente quasi perfetto per la conservazione delle navi affondate.

Le nostre immersioni alle Åland si svolgerebbero su un mix di relitti di guerra e velieri di un'epoca in cui le isole erano la capitale mondiale dei windjammer (barche a vela).

Durante la settimana le nostre immersioni principali della giornata si svolgeranno tra i 25 e i 65 metri di profondità. Avevamo tutti deciso di immergerci con i rebreather a circuito chiuso per la settimana, ma il centro immersioni è molto ben organizzato per le immersioni a circuito aperto e le immersioni potrebbero essere facilmente effettuate soffiando bolle.

Essendo arrivato sabato sera tardi, la domenica mattina è stata tutta dedicata alla colazione e alla preparazione del kit. Ci immergevamo solo una volta nel pomeriggio.

Il Plus è uno dei famosi windjammer delle Åland, un brigantino a vela a tre alberi costruito nel 1885 e naufragato nel 1933.

Gli armatori delle Åland si aggrapparono all'epoca della navigazione a vela più a lungo degli altri, acquistando velieri a buon mercato con l'avvento dell'era del vapore e facendoli navigare sulle famose rotte del grano dall'Australia meridionale fino a Lizard Point nel Regno Unito. Ciò continuò fino a subito dopo la seconda guerra mondiale!

I subacquei che hanno familiarità con Salcombe potrebbero riconoscere il nome Herzogin Cecilie: questo relitto era una nave delle Åland e gli alloggi recuperati ora costituiscono il fulcro del museo marittimo di Mariehamn, nelle Åland.

Inoltre aveva cercato di tornare a Mariehamn in tempo per Natale, ma senza piloti disponibili il comandante decise di effettuare il passaggio finale senza aiuto e fece naufragio quando era quasi a casa. La nave effettua una comoda immersione locale e una riparata se il tempo è inclemente. L'abbiamo immerso il primo e l'ultimo giorno.
Arrivando a poppa in 20 metri, la prima cosa che colpisce è il legname, tantissimo! Mi sono diretto velocemente verso prua a 35m, cercando la decorazione ornamentale sul bompresso.

Questo doveva essere per me il tema delle immersioni della settimana, dettaglio. Moltissimi dettagli: il livello di conservazione è fuori dal mondo.

I tre alberi del Plus rappresentavano un pericolo per la navigazione, quindi furono volati via diversi metri sopra il livello del ponte, anche se mentre nuotavamo lungo il ponte erano, a tutti gli effetti, ancora presenti e corretti, con gran parte delle manovre al loro posto.

Le assi potrebbero essere saltate fuori posto, ma alcune hanno ancora gli incastri a coda di rondine che le fanno sembrare come se potessero essere reinserite. Gli strumenti sono a posto in officina; Sono addirittura convinto che ci fosse ancora vernice sui muri.

Apparso su DIVER dicembre 2017

IL METEO DETTATO che dovevamo tornare al Plus l'ultima mattina prima di un pomeriggio di asciugatura del kit. Avevo faticato a immaginare cosa avrei fatto dopo aver fatto un'immersione così fantastica il primo giorno, ma dopo una settimana di immersioni e ora con il mio occhio baltico, si è rivelata ancora migliore la seconda volta.

1217 campana di Aland Balder
Subacqueo con la campana sul Balder.

La frase “Laggiù c’è il Baltico…” non trasmette esattamente una sensazione di calore, ma siamo rimasti tutti piacevolmente sorpresi dalle condizioni che abbiamo trovato.

Eravamo completamente preparati per condizioni molto fredde, ma la visita in agosto ha davvero aiutato con la temperatura dell'acqua.

La superficie fino a circa 12 m era di 14°C, poi da 35-40 m era di 8°C e 4-5°C sotto i 40 m. Quindi l'acqua più calda del previsto per la deco era un enorme vantaggio, ma il compromesso era che l'acqua era più verde di quanto avrebbe potuto essere, e la vis più simile a quella a cui siamo abituati a casa.

Arrivando in fondo alla linea di tiro a 50 metri per immergermi nel Balder, sapevo che venire nel Baltico era stata una buona idea. L'inquadratura era fissata all'albero di poppa caduto e immediatamente visibile era la balaustra che separava la zona di carico dalla zona dell'equipaggio, con i gradini della cabina sottostante al loro posto.

Il ponte di poppa è l'area caratteristica del Balder, con il timone principale ancora verticale e intatto, e la campana appoggiata sul ponte lì vicino. Gran parte della mia immersione l'ho consumata qui con la macchina fotografica, lasciandomi solo un po' di tempo per una nuotata veloce attorno alla zona alloggi di prua, dove si trovano ancora sedie, cavalletti, bottiglie e resti delle luci di navigazione.

Il tempo è scaduto troppo velocemente; anche se non così velocemente come tornare in porto a 54 nodi, la velocità più veloce che abbia mai visto su una barca per immersioni. E 'stata una grande giornata!

I relitti beneficiano dell'acqua anossica molto ferma, quasi fresca. Le creature che normalmente distruggerebbero il legno e l'ossigeno che incoraggerebbe la ruggine scarseggiano. Laddove il selvaggio Atlantico può far rotolare sul fondo del mare le caldaie di un transatlantico un tempo grandioso, questi relitti vengono lasciati in pace.

L'altro pericolo per i relitti è, ovviamente, rappresentato dai subacquei. Tutti i relitti delle Åland sono “solo aspetto”: non è prevista la rimozione dei manufatti, e questa non è una politica nuova.
Rispetto, ad esempio, a Portland, il numero dei subacquei è molto basso e i relitti non sono più stati recuperati da quanto si può ricordare. Il governo desidera proteggere il suo patrimonio e il suo turismo.

Notung è stata la prima volta per me: non mi ero mai immerso in qualcosa affondato da un'azione russa prima d'ora. Stava tornando da Turku durante la prima guerra mondiale quando fu sorpresa dai bombardieri russi. Attaccarono con bombe e siluri, uno dei quali colpì la poppa e l'affondò.

L'equipaggio decollò con le scialuppe di salvataggio e finì sotto il fuoco delle mitragliatrici, ma la leggenda narra che fuggirono attraverso il ghiaccio e la neve, nascondendosi quando necessario sotto teli bianchi.

Il vento era in una brutta direzione dal nostro porto di origine, quindi gli skipper Mattias e Fredrik hanno suggerito di tirare fuori le barche e vararle dall'altra parte dell'isola, dove avremmo potuto immergerci in condizioni più riparate. Vincitore!

Sarebbe giusto dire che il Notung mi ha fatto impazzire. Questo piroscafo, costruito nel 1882, è simile a centinaia di navi affondate nel Regno Unito, tranne per il fatto che il relitto sembra intatto come il giorno in cui affondò.

Si trova in un'area di scarsa visibilità – la stimerei a 1-5 metri, a seconda della parte della nave – ed è molto buia.

Il tempo trascorso nuotando intorno ai relitti di Truk si è rivelato prezioso qui, e sono riuscito a orientarmi rapidamente e dirigermi verso il ponte.

Che è come un museo, con bussola, timone e indicatore del timone al loro posto, la campana del ponte caduta sul ponte e il telegrafo (con tanto di quadrante) a lato.
Spostandoci a poppa dal ponte, con una certa difficoltà, potemmo vedere il fumaiolo verticale e il fischio a vapore al suo posto.

Subito davanti all'imbuto c'è la sala segnali, un'altra bussola e l'antenna sul tetto, e per guardare nella sala segnali basta aprire la porta.
Mi fai impazzire? Ho dovuto versarmi un gin calmante mentre scrivo questo!

MENTRE IL CENTRO NAVE la sezione è abbastanza rotta, l'archetto è perfettamente integro. La campana di prua si trova sul verricello dell'ancora, dove è caduta dal suo supporto.

Il bompresso punta con orgoglio e il nome è ancora scolpito sulla fiancata della nave (anche se ad alcuni di noi, ehm, questo non è sfuggito). La cabina di prua c'è ma è crollata.
La deco più lunga ci ha dato il tempo di assorbire i panorami che avevamo visto prima che le discussioni frenetiche ed entusiaste di ciò che avevamo visto ricominciassero in superficie.

• Finn Air vola da Londra Heathrow o Manchester a Helsinki e poi a Mariehamn, Åland.

Il volo regionale fa aumentare il prezzo del viaggio e i voli di ritorno erano nell'ordine di £ 500-550 a seconda del momento della prenotazione e della quantità di bagagli. Kevin ha interrotto il viaggio di ritorno per visitare Helsinki.

Il centro immersioni Baltic Scuba ha fornito bombole e Sofnolime e ha organizzato la sistemazione negli chalet vicini, balticscuba.com (avrai bisogno di Google Translate!).

Un budget realistico porta a porta per questo viaggio con i rebreather è di £ 2000-2500 – un viaggio di prima qualità in termini di costi, ma è un'immersione di prima classe!

HO PASSATO UN'ORA sul Notung con una profondità massima di 45m, ma non basta, non ho nemmeno scalfito la superficie. Mi è stato detto che in occasioni molto rare la visibilità scende fino a 10 metri, quindi varrebbe la pena ripetere l'immersione nella speranza di sperimentarlo.

Sono abbastanza fortunato con le immersioni che riesco a fare, e tendo a preoccuparmi se mi dicono che stiamo andando verso un relitto lungo solo 50 metri, e a quel punto ho pensato "resisti".

1217 stoviglie aland sverre
Stoviglie sulla Sverre.

Il tempo aveva dettato la direzione in cui dovevamo andare ed è iniziato tardi, ma che gioiello!

La Hindenburg lavorava come rimorchiatore rompighiaccio (fa piuttosto freddo da queste parti) e si occupava anche di protezione dalle mine. Naturalmente è stata una mina ad affondarla.

Ci era stato detto di fare attenzione all '"elmo che ci illumina", il che mi suonava come un invito. Come previsto, la sovrastruttura è ancora intatta e, come elemento centrale, il timone è davvero luminoso: la mancanza di vegetazione marina fa sì che l'ottone sembri ancora lucidato.

Seduto lì vicino c'è un orologio, una novità assoluta per me sott'acqua. L'Hindenburg vanta anche tre telegrafi, un armadietto per le lampade, un fischio a vapore e una sirena da nebbia.

I gradini che scendono verso la cabina di poppa hanno ancora i pannelli di legno al loro posto, illuminati dagli oblò presenti: fantastico! Potrei continuare, ma non ho la parola indennità.
Un'altra barca a vela affondata a causa di un errore di navigazione, l'Hindenburg riposa non lontano dal Balder.

Sverre è un po' più profondo a 58-70 m, immerso in acque cristalline ma nere. Il colpo è caduto nella zona della stiva (Sverre trasportava rottami metallici) e lì le fiancate della nave sono cadute verso l'esterno.

Siamo stati informati che c'erano due campane su questo relitto, una a poppa e una a prua, ma dirette verso poppa. Non mi sono mai veramente orientato e non sono riuscito a trovare il campanello. Con il tempo che passava velocemente, sono andato avanti.

PLUS

Barca a vela con scafo in ferro
COSTRUZIONE: 1885, Blohm & Voss, Amburgo, Germania
DIMENSIONE: 1251 tonnellate (tsl), 69 x 11 m
PERSO: 13 dicembre 1933

PRESTO

Barca a vela con scafo in legno
COSTRUZIONE: 1922, Lemland, Åland, Finlandia
DIMENSIONI: 45 x 11 mt
PERSO: 10 ottobre 1928

NOTUNG

Nave a vapore in acciaio
COSTRUZIONE: 1882, Sir Raylton Dixon & Co, Middlesbrough, Regno Unito
DIMENSIONE: 1278 tonnellate, 76 x 8 m
PERSO: 24 gennaio 1941

HINDENBURG

Rompighiaccio in acciaio a vapore
COSTRUZIONE: 1916, Oder Werke, Stettino, Germania (ora Stettino, Polonia)
DIMENSIONE: 670 tonnellate, 51 x 13 m
PERSO: 9 marzo 1918

SVERRE

Veliero a vapore con scafo composito (motore rimosso prima dell'affondamento)
COSTRUITO: 1872, Uusikaupunki, Finlandia
DIMENSIONI: 48 x 8 mt
PERSO: 7 novembre 1941

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x