Perché le telecamere non trasformano i subacquei in vandali!

vandali
Paguro

I fotografi subacquei a volte vengono accusati di danneggiare i fragili ecosistemi sottomarini, ma è possibile che portare con sé una macchina fotografica trasformi effettivamente i subacquei in osservatori più sensibili? ROSS MCLAREN correva per i suoi amati siti di immersione scozzesi come un pipistrello uscito dall'inferno: ci è voluta la cattura di immagini per calmarlo 

Nel corso dei sei anni in cui ho praticato immersioni subacquee, il mio approccio all’esplorazione subacquea si è evoluto. 

All'inizio ero guidato dal desiderio di sperimentare un lato del nostro pianeta che così pochi hanno la possibilità di vedere in prima persona. Ma negli ultimi anni mi sono concentrato maggiormente sul tentativo di mostrare agli altri ciò che ci piace laggiù, dando alla gente uno sguardo su un lato della Scozia che troppo spesso passa inosservato. 

Spero che questa evoluzione mi abbia aiutato a diventare un subacqueo migliore e ad essere più consapevole del mio impatto sull'ambiente. Ha persino svelato un lato del nostro mondo sottomarino che spesso avevo trascurato in precedenza. 

Dovrei chiarire fin dall'inizio che sono ben lungi dall'essere il subacqueo perfetto. Sì, di tanto in tanto mi inginocchio ancora sul fondo; le mie pinne posteriori lasciano molto a desiderare; e per quanto riguarda la mia razionalizzazione, diciamo solo che il nostro ultimo albero di Natale aveva meno pendenti - beh, almeno finché i gatti non ci sono arrivati. E quando si tratta di essere un fotografo subacqueo, non sono assolutamente un esperto! 

Ma sta scattando foto e video filmati che hanno cambiato il mio stile di immersione e la grande differenza è la velocità con cui sfreccio. 

passera di mare
Passera di mare
anemone elegante
Anemone elegante

Quando ho iniziato a immergermi, ero come un pipistrello uscito dall'inferno. Non appena intravedevo un'aragosta sotto una roccia, andavo a quella successiva per vedere cosa si nascondeva lì. 

La mia era la mentalità secondo cui “se andiamo un po’ oltre forse troveremo qualcos’altro”. In realtà, e come ho scoperto una volta iniziato a rallentare, stavo trascurando troppo. 

Ero così concentrato nel trovare e osservare le “grandi cose” – aragoste, gronghi, polpi e così via, tutti davvero belli da vedere – che mi stavo perdendo tutte le piccole cose! 

Fino a quando non ho iniziato a scattare foto non avevo mai notato un nudibranco a meno che non fosse su Instagram. Correndo freneticamente in giro, sono riuscito a trascurarli completamente o, il più delle volte, mi è mancata la pazienza di andarli a cercare. 

Anche adesso non sono le creature più facili da trovare, anche se ho scoperto che sono un po’ come gli autobus: una volta che ne trovo uno, i carichi tendono ad arrivare contemporaneamente. È quasi come se i tuoi occhi si sintonizzassero su di loro. 

nudibranch
Nudibranchi: “Un po’ come gli autobus”
penna marina
Penna marina fosforescente

Non si tratta solo dei minuscoli abitanti marini, ma anche di quelli mimetizzati, come i polpi. Prima di portare con me la macchina fotografica, ne avevo visto solo uno nelle acque scozzesi, e questo perché era seduto proprio davanti alla mia faccia. Rallentare mi ha dato la possibilità di intravedere qualche altro scorcio di questi incredibili animali. Un altro livello di vita si è aperto al mio diletto.  

Una fotografia cattura l’istantanea di una scena, una piccola parte di un’immagine molto più grande, e questo è particolarmente vero in fotografia subacquea. Lo spettatore (e spesso il fotografo) è consapevole solo di ciò che era in bella vista nel momento in cui è stato premuto il pulsante. 

Ciò che noi, spettatori e fotografi, non vediamo è la vita che potrebbe essere sotto, dietro, sopra e di lato alla fotocamera. All'inizio, e forse ancora a volte, sono stato così colpevole di avere una visione tunnel. 

grongo
Grongo

Mi concentravo esclusivamente sul soggetto e ottenevo lo scatto perfetto, senza accorgermi della vita che disturbavo inginocchiandomi sul fondo del mare o addirittura allontanandomi con la mia fini mentre mi mettevo in posizione. Sono ancora lontano dall’essere perfetto, ma mi piace pensare che la mia consapevolezza periferica e il mio assetto siano migliorati un bel po’ da allora.

Non c'è sensazione peggiore che voltarsi dopo aver preso un foto vedere una nuvola di limo o, peggio, pezzetti di anemoni o altra vita marina fluttuare via, e sapere che eri responsabile. 

Potrebbe significare che devo prendermi un paio di secondi in più per riposizionarmi, sistemarmi e trovare il giusto equilibrio tra lo scatto e il non disturbare nulla, ma, ovviamente, ne vale la pena.  

immersione

Ross McLaren si immerge principalmente nei numerosi siti facilmente raggiungibili da Glasgow. Produce e presenta video sugli aspetti delle immersioni subacquee scozzesi sulla BBC Scotland online piattaforma BBC il sociale. Anche da Ross su DivernetViaggio nervoso dall'auto al manuale, Immergersi con un neonato, The Long Game ed La stella scozzese gira

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x