Naufragi dimenticati: i fantasmi di Gallipoli

subacqueo con targa sul relitto Majestic
Subacqueo con una targa che all'epoca non riuscì a identificare l'HMS Majestic (@troydive)

Le sue prime immersioni su ogni affondato dell'amara campagna di Gallipoli della Prima Guerra Mondiale furono veri e propri viaggi di scoperta, e possono esserlo anche per te: il subacqueo turco MAHMUT SUNER ha messo insieme per Divernet una guida ai relitti intorno alla penisola che consiglia sia per scopi ricreativi che tecnici. subacquei

In una tranquilla mattinata dell'Egeo, il pescatore Nami lasciò la sua piccola barca da pesca e partimmo, diretti al relitto della Prima Guerra Mondiale dell'HMS Majestic

Era una vecchia e stanca Dreadnought della Royal Navy, costruita nel 1906. Questa sarebbe stata la mia prima immersione su una grande nave, e mi rattristò il fatto che 49 marinai fossero morti quando Majestic andato giù.

Per i primi metri dell'immersione la visibilità non era molto buona e l'acqua era fresca. A 20 metri la visibilità è improvvisamente migliorata. Una sagoma scura stava diventando sempre più grande sotto di me ad ogni respiro che facevo. 

HMS Majestic (archivio Suner)
HMS Majestic (archivio Suner)
Veduta dell'affondamento dell'HMS Majestic del deadnought (archivio suner)
Affondamento della Dreadnought (archivio Suner)

Sono atterrato sulla nave, ma non sapevo in quale parte mi trovavo. Ero l'unico subacqueo lì in quel momento ed era una sensazione di solitudine. Il relitto era immenso ed ero sicuro che si trattasse davvero dell'HMS Majestic

Non è stato facile individuare la zona in cui era stata silurata dall'U-Boot U-21, ma il mazzo era un disastro. Potremmo identificare un vano per torretta da 5 pollici, molte munizioni, fucili Enfield, molte baionette, chiavi inglesi da utilizzare nel vano artiglieria e proiettili veri sparsi ovunque. 

Un subacqueo entra nel relitto dell'HMS Majestic (Engin Aygun)
Un subacqueo entra nel relitto dell'HMS Majestic (Engin Aygun)

Gli oblò erano appoggiati sulla sabbia a dritta. Il relitto poggiava su una chiglia uniforme e a centro nave scoprimmo parte del ponte del capitano e della torre di osservazione. 

Durante la salita ho visto molte bottiglie e piatti di medicinali parzialmente sepolti nella sabbia. Questo relitto era una capsula del tempo del 1915, proveniente da una guerra di coraggiosi. 

Azione mal concepita

Mappa di Gallipoli
Mappa di Gallipoli

La campagna della Prima Guerra Mondiale per forzare il passaggio attraverso lo stretto dei Dardanelli in Turchia aveva lo scopo di consentire agli alleati di sostenere la Russia – il tradizionale nemico dei turchi – nella sua lotta contro la Germania.

La Royal Navy ha intrapreso un'azione mal concepita. I suoi cannoni superavano le batterie terrestri turche nelle strette dello stretto, ma la sua potente flotta di 63 corazzate di classe Dreadnought, chiamate così per la loro presunta invulnerabilità e supportate da altre 180 navi, non si dimostrò all'altezza delle azioni di un solitario piccolo posamine turco. IL Nusrat.

HMS Ocean, HMS irresistibile, HMS Golia, la corazzata francese Bouvet e altri cinque incrociatori furono affondati nel giro di poche ore. Le forti correnti e la strozzatura geografica formata dai Dardanelli aiutarono anche a predisporre la flotta britannica per un facile attacco da parte degli U-Boot tedeschi.

Altrettanto mal concepito fu il corpo di spedizione terrestre di soldati britannici, dell'Anzac e di altri soldati dell'Impero, inviato dal generale Sir Ian Hamilton per catturare la penisola di Gallipoli dai turchi. 

L’eccessiva fiducia di questa forza era evidente quando, atterrando a Suvla Bay, si fermò per un tè e una partita di cricket. L’esercito turco – soldati che difendevano le loro case e senza un posto dove ritirarsi – ha avuto il tempo di organizzarsi e conquistare le alture dai pochi neozelandesi abbastanza sfortunati da essere stati inviati a difenderlo.

Senza quel cruciale ritardo di quattro ore, il risultato avrebbe potuto essere diverso. In tutto morirono 250,000 uomini per parte, mille al giorno. Una campagna che doveva durare solo 11 giorni si concluse inevitabilmente con una ritirata, ma solo otto mesi dopo l'inizio.

È stato un disastro militare. Winston Churchill, allora Primo Lord dell'Ammiragliato, riferì che i fantasmi di Gallipoli lo avrebbero perseguitato per il resto della sua vita.

Tre gruppi di relitti

Veduta di Ariel del Memoriale dei martiri di Canakkale (Fehmi Senok)
Veduta di Ariel del Memoriale dei martiri di Canakkale (Fehmi Senok)

Oggi è un luogo del tutto più pacifico, protetto come Parco Nazionale Turco. Gran parte del turismo è incentrato sui memoriali della Prima Guerra Mondiale, con 1 cimiteri di guerra degli Alleati situati nella penisola di Gallipoli. 

Per i subacquei, l'ovvia attrazione sono le numerose navi e imbarcazioni naufragate tra l'aprile 1915 e il gennaio 1916. Diverse centinaia affondarono nelle acque costiere tra Anzac Cove e Suvla Bay, sul lato occidentale della penisola, e sono state scoperte le posizioni di 216 data.

I sommozzatori trovano chiatte usate per trasportare merci e soldati feriti sulle navi ospedale (Murat Senturk)
I sommozzatori trovano chiatte usate per trasportare merci e soldati feriti sulle navi ospedale (Murat Senturk)

Possiamo dividere i relitti di questa campagna in tre gruppi, a seconda della loro posizione e profondità. Nel primo gruppo vanno annoverati i relitti bellici che giacciono a nord-est nello stretto del Bosforo, insieme alla nave da guerra francese Bouvet e le navi da guerra britanniche irresistibile ed Ocean, affondato nella battaglia del 18 marzo 1915. 

L'arrivo dei sottomarini tedeschi nella regione portò alla scoperta del secondo gruppo di relitti, che giacevano nella baia di Saros nel Mar Egeo.

Il terzo e ultimo gruppo è costituito dalle navi e dai sottomarini vittime dei sottomarini alleati che erano riusciti a raggiungere il Mar di Marmara attraversando silenziosamente i Dardanelli in acque più profonde.

La selezione di relitti accessibili delineata di seguito si trova su entrambi i lati della penisola di Gallipoli:

Accendini

Gli accendini erano imbarcazioni in lamiera utilizzate dagli inglesi nella prima guerra mondiale per sbarcare la fanteria e trasportare provviste. Molti furono affondati durante le tempeste e gli spari, e molti rimangono a profondità raggiungibili. Ci sono due esemplari a Cala Morto a 1 metri e distanti solo pochi metri l'uno dall'altro. Uno aveva una caldaia a vapore, che giace sulla sabbia nelle vicinanze, ed entrambi attirano banchi di pesci e razze.

HMT Lundy

Veduta dall'arco del montante Lundy (Murat Senturk)
Veduta dall'arco del montante Lundy (Murat Senturk)

L'ex peschereccio Lundy si trova a 28 metri di profondità nella baia di Suvla e il relitto rimane in buone condizioni nonostante la sua età. Nave appoggio durante la campagna di Gallipoli, fu affondata da un siluro nel 1915 e oggi ospita un carico di polpi, aragoste, gronghi, scorfani e piccoli pesci di branco, che si possono trovare tra i rifornimenti bellici e le munizioni a bordo.

Il verricello di Lundy a prua
Il verricello di Lundy a prua
Ancora di prua di dritta sul Lundy (Ferhan Coşkun)
Ancora di prua di dritta sul Lundy (Ferhan Coşkun)
Mazzo della sezione centrale del Lundy (@troydive)
Mazzo della sezione centrale del Lundy (@troydive)
Sezione di poppa di Lundy (Mahmut Suner)
Sezione di poppa di Lundy (Mahmut Suner)

Gran parte del relitto è ora incrostato di spugne, con all'interno banchi di saraghi e ghiozzi. Purtroppo la campana e la bussola sono state rubate.

HMS Louis

Non lontano dal Lundy, vicino al promontorio di Buyuk Kemikli, si trova il relitto di un cacciatorpediniere famoso soprattutto per le sue caldaie a vapore corazzate. La posizione del relitto vicino alla riva e la profondità massima di 15 metri lo rendono un'immersione eccellente, anche per subacquei relativamente inesperti, e offre alcune bellissime possibilità fotografiche.

Le caldaie danneggiate dell’HMS Louis (@troydive)
Le caldaie danneggiate dell’HMS Louis (@troydive)
Subacquei sulle caldaie Louis - Caldaie a vapore tipo Yarrow (@troydive)
Subacquei sulle caldaie Louis – Caldaie a vapore tipo Yarrow (@troydive)
Ampia visuale del subacqueo sulla HMS Louis dove sembra che sia stata tagliata per essere rottamata (@troydive)
Ampia visuale del subacqueo sulla HMS Louis dove sembra che sia stata tagliata per essere rottamata (@troydive)

HMS Majestic

Quando si vide la Royal Navy ritirarsi al sicuro in mare aperto, il morale delle forze di terra fu gravemente danneggiato. HMS Majestic, una delle più antiche Dreadnought, fu rimandata a pattugliare la costa come sacrificio alla convenienza politica, ma fu presto affondata da U-21 nel maggio 1915, con la perdita di 49 uomini. Il relitto giace nella Cala Morto, con la poppa sulla sabbia a 29 metri e la prua a 18 metri di profondità. 

Volante con timone di poppa sull'HMS Majestic (Ferhan Coskun)
Volante con timone di poppa sull'HMS Majestic (Ferhan Coskun)
La sezione di poppa dell'HMS Majestic, con torretta da 5 pollici e proiettili (Mahmut Suner)
La sezione di poppa dell'HMS Majestic, con torretta da 5 pollici e proiettili (Mahmut Suner)

I pesci in branco, tra cui orate e dentici, hanno fatto del naufragio la loro casa. Alcune sezioni furono smantellate negli anni '1960, ma rimangono molte cose che interessano il subacqueo in visita, tra cui un cannone incrostato di cirripedi e un nido di corvo a circa 10 metri di distanza.

HMS Trionfo

HMS Triumph a galla (archivio Suner)
HMS Triumph a galla (archivio Suner)
Ponte inferiore dell'HMS Triumph (Engin Aygun)
Ponte inferiore dell'HMS Triumph (Engin Aygun)

Questa nave da guerra di 133 metri era una delle tre, con l'HMS Albione e HMS Cornovaglia, che diede inizio al bombardamento delle roccaforti turche. Il 25 maggio 1915 fu colpita da un siluro U-21 su un percorso di 370 m.

Trionfo affondò al largo di Kabatepe in meno di mezz'ora, ma fu sufficiente perché quasi tutto l'equipaggio venisse salvato dall'HMS Chelmer. Il relitto giace capovolto a 72 metri. Con una visibilità di 15-20 m, questa è una fantastica immersione tecnica che offre molte opportunità fotografiche interessanti.

Cartagine

Ampia vista del relitto di Chartage con i subacquei
I subacquei a gas misto scoprono il relitto di Chartage (@troydive)

Il piroscafo da trasporto francese lungo 121 metri Cartagine è stato anche affondato U-21, con la perdita di 75 marinai, mentre trasportavano rifornimenti militari.

Aveva trascorso diversi anni redditizi percorrendo le rotte commerciali, e la sua posizione rimase un mistero per molti anni fino a quando il ricercatore di relitti Selcuk Kolay la trovò al largo di Seddul Bahir, un secolo dopo il suo affondamento, nel 2015. Il suo team tecnico è stato in grado di effettuare un'identificazione positiva su la loro prima immersione. 

La parte più superficiale del relitto si trova a 55 metri, ma continua fino a 85 metri di profondità. Le correnti possono essere forti e la visibilità è variabile, anche se generalmente 10-20 metri. Questi resti sono straordinariamente ben conservati e riposano nella sabbia decorata da molte spugne colorate e altra vita marina.

HMS E-14

Per molto tempo la posizione di questo sottomarino britannico rimase un mistero, ma alla fine il relitto fu ritrovato da un pescatore di Canakkale, ad una profondità di 21 metri, parzialmente coperto dalle sabbie mobili di Kumkale. Il sottomarino lungo 60 metri e pesante 635 tonnellate fu affondato più tardi durante la guerra, il 18 gennaio 1918, e tutti i 25 marinai morirono.

Correnti continue

A causa dell'intenso traffico navale nei Dardanelli, in molte parti dello stretto vigono restrizioni alla navigazione e alle immersioni subacquee. Le correnti continue nella regione possono talvolta raggiungere i 4-5 nodi, e talvolta può essere necessario combattere tre correnti diverse per raggiungere il fondo. 

Molti relitti significativi si trovano a profondità superiori a 50 metri, riservate ai subacquei tecnici. Tuttavia, con il permesso delle agenzie responsabili, è possibile immergersi su alcuni di questi relitti più profondi.

I subacquei in visita ai relitti dovrebbero dedicare un po' di tempo a visitare il Parco Nazionale Storico della Penisola di Gallipoli per vedere le spiagge dello sbarco, i memoriali della Prima Guerra Mondiale e i cimiteri ben tenuti della campagna Anzac.

Folla alla cerimonia dell'Anzac Day sulla scogliera (Bulent Ersoz)
Folla alla cerimonia dell'Anzac Day sulla scogliera (Bulent Ersoz)

ARRIVARCI: Il modo migliore è volare a Istanbul, se il tuo operatore subacqueo può organizzare il prelievo all'aeroporto e il trasferimento a Eceabat. Sono circa 3.5 ore di divertimento alla guida e assicurati di fermarti a Tekirdag per un veloce speciale Tekirdag polpetta e birra. Oppure puoi volare da Istanbul a Canakkale e attraversare lo stretto fino a Eceabat in traghetto, o sul nuovo ponte che collega l'Asia Minore all'Europa. La tua barca per le immersioni sarà a Kabatepe, a soli 20 minuti di distanza. 

ALLOGGIO: Ci sono hotel carini adatti a gruppi o famiglie a Eceabat o nella zona di Kabatepe. Ci sono anche B&B a Eceabat con splendide viste sullo stretto. IL Kum Hotel a Kabatepe si rivolge a molti subacquei, o provaci Casa affollata ad Eceabat. Potresti anche scegliere di soggiornare a Canakkale City, che offre numerosi diversivi dopo le immersioni.

CENARE: La cucina turca è in gran parte l'eredità della cucina ottomana, una fusione e raffinatezza della cucina mediterranea ricca di verdure, erbe e pesce. Consiglio vivamente meze, la selezione di piccoli piatti serviti come antipasti.

IMMERSIONE: La stagione inizia a maggio, anche se il periodo migliore per essere nella regione è settembre. Se ti piacciono le immersioni tecniche, assicurati di contattare il tuo centro immersioni con largo anticipo per organizzare permessi e logistica. Barca per immersioni Troy, gestito da Burhanettin Aktansoy, organizza spedizioni per subacquei tecnici, mentre per subacquei ricreativi che desiderano immergersi nei relitti più accessibili Centro immersioni Byem li visita quotidianamente.

Mahmut Suner esce dall'acqua
Mahmut Suner esce dall'acqua

Esperto di immersioni turche, scrittore, fotografo documentarista e ambientalista Mahmut Suner è l'editore di tritone immersione rivista e autore di 10 libri, incluso il completo gratuito digitale guida subacquea Meraviglie sottomarine della Turchia

Anche su Divernet: I parchi sottomarini aumentano l’attrattiva subacquea della Turchia

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x