Bombe a Bikini

subacqueo liveaboardBombe a Bikini

Per il bene dell’umanità e per porre fine a tutte le guerre mondiali, questa era la premessa: JESPER KJØLLER ripercorre l’orribile e terrificante eredità dell’Operazione Crossroads degli Stati Uniti

1218Bikini24

Gli oggetti di scena del Principe Eugenio.

Immagina di bussare alla porta. Un uomo amichevole alla tua porta cerca di convincerti a fare le valigie e ad andartene di casa. Non solo tu e la tua famiglia, ma tutta la tua comunità. È per il bene dell’umanità e metterà fine a tutte le guerre mondiali, afferma.

Saresti d'accordo? Accetteresti l'offerta di essere trasferito lontano dall'unico posto che hai mai conosciuto? E saresti felice di scoprire che il trasferimento, tutt’altro che temporaneo, durerebbe diverse generazioni?

E che probabilmente moriresti di una morte lenta e raccapricciante se mai tornassi a casa?

Questo è esattamente quello che accadde nel febbraio 1946, quando il governatore militare statunitense Ben H Wyatt convinse il capo locale Re Juda a convincere il suo popolo a evacuare la loro piccola isola nell'atollo di Bikini.

La popolazione di 167 persone fu trasferita in anguste baracche su un'isola remota e iniziarono i preparativi per un programma di test nucleari. L'operazione Crossroads era iniziata!

L'atollo di Bikini è stato scelto come area di prova principalmente per la sua lontananza, motivo per cui dobbiamo sopportare un viaggio lungo e talvolta impegnativo per arrivarci oggi. Dopo quasi tre giorni, ci sentiamo come se avessimo viaggiato dalla parte opposta del globo, e in effetti siamo quasi sulla linea del cambio di data: 12 fusi orari dal meridiano di Greenwich.

Bikini si trova appena a nord dell'Equatore nell'Oceano Pacifico, a metà strada tra l'Australia e le Hawaii, ed è composto da 23 isole, di cui solo due erano
sempre abitabile.

Dopo altre tre fermate, l'Island Hopper della United Airlines da Guam ci porta finalmente alla base dell'esercito americano nell'atollo di Kwajalein. Segue un breve giro gratuito su un traghetto militare verso la piccola isola civile densamente popolata di Ebeye. Ci prendiamo cura del jet lag per una giornata nell'incantevole e rustico Hotel Ebeye, l'unico in città, prima di salire a bordo Maestro di Truk.

1218Bikini1
Il ponte della Saratoga.

Prima di iniziare la nostra crociera di 24 ore verso nord, avremo tempo per un'immersione sull'incrociatore pesante Principe Eugenio. The German vessel was impounded by Allied forces after WW2, and German and Japanese target ships were included in the nuclear tests to investigate any meaningful differences in enemy shipbuilding methods in respect of damage from atomic weapons.

Principe Eugenio è sopravvissuto a entrambe le esplosioni dell'Operazione Crossroads con solo lievi danni strutturali, ma ha ricevuto una grande dose di ricadute radioattive.

Nello stesso anno fu rimorchiata nell'atollo di Kwajalein per la decontaminazione e lo scarico delle munizioni, ma le perdite che aveva subito non potevano essere riparate a causa della radioattività, così nel dicembre 1946 si capovolse nelle acque poco profonde della laguna.

Come con la maggior parte delle navi da guerra pesantemente corazzate Principe Eugenio giace capovolto, ma il relitto rimane un'immersione epica e le sue dimensioni ci preparano per ciò che ci aspetta.

La principale attrazione fotografica sono le tre gigantesche eliche, una delle quali sporge dall'acqua.

Apparso su DIVER dicembre 2018

Sopra: timone Nagato e torretta su Saratoga.
Sopra: la USS Saratoga e il casco da sub della Marina statunitense che si trova all'interno della Saratoga.

Appare l'atollo di Bikini all'orizzonte nel tardo pomeriggio successivo. Ci siamo divertiti nell'Oceano Pacifico insolitamente calmo e arriviamo qualche ora prima del previsto, quindi possiamo fare una rapida immersione di orientamento sulla USS Saratoga. Probabilmente il più grande relitto tuffabile del mondo, è tra le pochissime portaerei accessibili ai subacquei.

Nuotando verso la linea di discesa a Truk Master a prua guardo in basso e mi rendo conto che quello che vedo sotto non è il fondo, ma il ponte di volo della portaerei da 270 metri!

Scendiamo sul ponte a circa 30 m per orientarci. L'intero ponte di volo è ricoperto da assi di teak, scelte perché solide e facili da riparare.

Nonostante lo strato di alghe e coralli è ancora possibile distinguere qua e là le singole assi.

Per dare ai piloti più spazio possibile per i decolli e gli atterraggi, le portaerei dispongono di un ponte alto e stretto posto su un lato. Saratoga aveva quattro set di cannoni a doppia canna MK55 da 9 pollici calibro 8, due puntati in avanti e due a poppa, ma solo una delle torrette era rimasta prima dell'esplosione e da allora la ciminiera è crollata.

La sovrastruttura, tuttavia, è sorprendentemente intatta. Troviamo stanze per mappe, radar, codifica e radio, tutte molto piccole e anguste.

Nuotiamo nella timoniera. Non ha finestre, solo strette feritoie, presumibilmente per proteggere gli agenti nella loro posizione alta ed esposta. Davanti alla timoneria c'è una plancia di navigazione esterna, da dove avrebbero una migliore visuale della nave e dei suoi dintorni durante le manovre.

Nuotiamo verso la upline per iniziare la nostra decompressione. Essendo rimasti relativamente superficiali, abbiamo accumulato più di 30 minuti di deco. All'improvviso il mio amico indica dietro di me e mi giro.

Uno squalo tigre ci sta controllando e rimane per un po'. Successivamente sentiamo che è uno spettacolo comune sul Sara – la ciliegina sulla nostra torta.

Studiamo attentamente una selezione di progetti e schemi del relitto tra le immersioni per assicurarci di visitare luoghi interessanti nel modo più efficiente. Una portaerei è una città galleggiante e, quando è pienamente operativa, la USS Saratoga ospitava circa 2800 membri dell'equipaggio.

Gli scomparti contrassegnati includono una panetteria, un barbiere, un dentista, una lavanderia, un'infermeria, un fabbro, una stanza per sbucciare le patate, un macellaio e un armadietto per le immersioni. Roba emozionante!

Potresti facilmente andare a Bikini e immergerti solo nella USS Saratoga per una settimana. In effetti, se questo fosse l'unico relitto, varrebbe comunque la pena del viaggio. Abbiamo fatto cinque lunghe immersioni sull'enorme nave e sentivo ancora che avevamo solo scalfito la superficie.

1218Bikini3
Un sub sulla prua della Saratoga.

In teoria ci sono diversi chilometri di passaggi da esplorare, anche se non tutti i livelli sono accessibili o sicuri da penetrare. Ma dall'enorme ascensore anteriore dell'aereo sono possibili diversi percorsi. Una porta invita, ma al di là sembra molto limacciosa e nebbiosa, quindi utilizziamo una bobina di sicurezza e la leghiamo prima.

Dopo aver nuotato oltre le prime due stanze, la visibilità si apre. Ora possiamo vedere la linea di penetrazione permanente che conduce ulteriormente all'interno del relitto, apparentemente posata dal personale dell'ormai defunto centro immersioni di Bikini Island.

Attacchiamo la nostra linea di sicurezza alla linea principale. Tutto è molto arrugginito e il pavimento è ricoperto da uno spesso strato di sedimento finissimo. Un movimento della mano imprudente o fuori posto pinna-il calcio distruggerà la visibilità.

Qui le bolle di scarico a circuito aperto sposterebbero una pioggia di particelle arrugginite dal tetto.

Stiamo usando i rebreather JJ, ma è comunque necessario regolare la galleggiabilità di tanto in tanto, e anche un piccolo flusso di bolle da un mask provoca la percolazione.

The trick is to move very slowly and deliberately. I’m hindered by my big camera system, and for every doorway or bulkhead we pass, I have to fold the strobe arms and cautiously push the camera in front of me while taking extra care not to scratch the dome.

Dopo solo pochi minuti troviamo il primo uovo di Pasqua. Sul pavimento c'è un casco da sub Mark V della Marina americana in ottime condizioni. Il design originale era del 1916, ma il casco da 30 kg era ancora in uso a metà degli anni '1980. La presenza residua di questo prezioso oggetto da collezione la dice lunga sul numero limitato di subacquei che hanno visitato Bikini.

Dalle mappe sappiamo che dopo aver nuotato scendendo una rampa di scale dobbiamo svoltare bruscamente a destra per raggiungere la nostra destinazione. Il mio compagno di immersioni a Bikini, il famoso esploratore di relitti Richard Lundgren, nuota davanti a me nello stretto passaggio e improvvisamente scompare in una porta a sinistra.

E' questo? L'ha trovato?

1218 Prova bikini1

CROCEVIA DELL'OPERAZIONE
_Operazione Crossroads era il nome in codice per i test statunitensi sulle armi nucleari condotti sull'atollo di Bikini nel luglio 1946: le prime detonazioni di ordigni nucleari dopo Hiroshima e Nagasaki l'anno precedente.
_President Truman ordered his generals “to determine the effect of atomic bombs on American warships” but many historians agree that the Americans’ hidden agenda was to flex their nuclear muscles to deter the emerging Eastern Bloc superpower.
_In preparazione al programma di test furono installate 242 navi militari, 156 aerei, 25,000 dispositivi radioattivi e migliaia di ratti, capre e maiali sperimentali. L'operazione ha coinvolto 42,000 militari e civili.
_La serie Crossroads fu il primo di molti test nucleari condotti nelle Isole Marshall e il primo ad essere annunciato pubblicamente in anticipo e osservato da un pubblico invitato, inclusa una grande presenza di stampa, che sosteneva la teoria dell'agenda nascosta.
_La flotta bersaglio fu colpita con due set di armi nucleari del tipo a implosione al plutonio del tipo sganciato sul Giappone, ciascuna con una resa di 23 kilotoni di TNT. Il primo test, nome in codice Able, fu lanciato da un B-29 Superfortress il 1 luglio ma esplose a 158 metri sopra la flotta, causando meno danni del previsto poiché mancò il suo punto di mira di 649 metri.
_The second test, Baker, was detonated 27m under water on 25 July, and radioactive sea-spray caused extensive contamination. A third deepwater test named Charlie planned for 1947 was cancelled, primarily because of the US Navy’s inability to decontaminate the target ships after Baker.

Sì, l'abbiamo trovato – la sala operatoria odontoiatrica. Tutto è intatto: tre poltrone da dentista complete di trapani, vaschette per il risciacquo, tubi e luci. Ci muoviamo con molta attenzione all'interno del piccolo vano per evitare di distruggere l'ambiente delicato o di sollevare eventuale limo.

1218Bikini5
Sul ponte della Nagato.

Sulla via del ritorno avvistiamo altre gemme nascoste, come telefoni a muro, estintori e cartelli dell'infermeria. Bottiglie di Coca-Cola vecchia scuola sono sparse ovunque.

In many rooms and corridors we see filing cabinets. In the pre-digitale age the Navy had a lot of paperwork to store.
On a later dive we find the dive-locker, complete with umbilical hoses and hanging drysuits,  and explore crew lounges with sofas and coffee-tables.

Presumibilmente nessuno ha ancora esplorato la sala macchine. Verso la fine della nostra ultima immersione sul Saratoga troviamo una possibile via d'ingresso, ma abbiamo esaurito il tempo, quindi andiamo via Sara con un senso di lavoro incompiuto.

Tutte le navi da guerra della laguna hanno avuto un ruolo importante nella storia della Seconda Guerra Mondiale in tutto il mondo, ma quella con il pedigree storico più impressionante deve essere la corazzata giapponese HIJMS Nagato.

It was from this floating fortress that Admiral Isoroku Yamamoto directed the attack on Pearl Harbor on 7 December, 1941. Nagato fu sequestrata dagli americani dopo la resa giapponese, e sospetto che l'opportunità di vendicare Pearl Harbor abbia avuto un ruolo nella decisione di includerla nell'operazione Crossroads. Nuclearizza il Nagato!

Come con Principe Eugenio, l'invertito di Nagato i punti salienti sono le enormi eliche, quattro, e i suoi cannoni gemelli da 16 pollici, che all'epoca erano i più grandi del mondo.

La sovrastruttura in stile pagoda è in parte schiacciata sotto il peso dello scafo, ma è possibile infilarsi nella plancia e fingere di essere l'ammiraglio Yamamoto ascoltando la famosa parola in codice radiofonica Tora! Tora! Tora!, che si dice sia stato il segnale per iniziare l'attacco a Pearl Harbor.

Yamamoto era contrario all'attacco alla base americana alle Hawaii perché temeva che avrebbe portato gli americani in guerra. La sua presunta profezia post-sciopero, "Temo che tutto ciò che abbiamo fatto sia stato risvegliare un gigante addormentato e riempirlo di una terribile risolutezza", si è rivelata essere le ultime parole famose...

Cannone ed eliche sulla Nagato (sopra).

Il responsabile Maestro di Truk l'equipaggio consiglia di ridurre un po' le attività subacquee intensive a metà viaggio per scaricare il gas, quindi invece di un'immersione pomeridiana esploriamo l'isola di Bikini. Una passeggiata di un paio di chilometri ci porta al piccolo insediamento che fino a 10 anni fa ospitava il Bikini Atoll Divers, aperto nel giugno 1996 e gestito dal Bikini Atoll Council.

Il piano era quello di fornire una base economica per un possibile futuro reinsediamento dell'isola, ma nel 2008 il consiglio ha dovuto chiudere l'attività, a causa dei problemi di affidabilità delle compagnie aeree locali combinati con l'impennata dei costi energetici e il declino economico mondiale che ha colpito anche il turismo subacqueo. .

Il personale delle immersioni rimase bloccato sull'isola per un mese quando l'aereo che avrebbe dovuto evacuarli si ruppe.

The area has an unnerving post-apocalyptic atmosphere, and it’s clear that everyone left in a hurry when a boat finally showed up. The last dive-briefing can still be seen on the whiteboard in the dive-centre, and in another building dive-gear, spare parts, compressors, service-room, rinse-tanks and everything else remains as it was abandoned – spooky.

Le dimensioni, la storia e i dettagli del Saratoga e la Nagato rendiamo questi relitti i gioielli della corona - non solo su scala Bikini, ma in qualsiasi parte del mondo - ma cogliamo anche l'occasione di immergerci in una manciata di relitti di cacciatorpediniere, corazzate e sottomarini dell'Operazione Crossroads. Il mio preferito in assoluto tra le navi “più piccole” (tutto è piccolo rispetto a Saratoga ed Nagato) è il cacciatorpediniere USS Lamsson.

Scendiamo lungo la linea di ormeggio con una piacevole sorpresa, perché Lamsson si trova in posizione verticale sul fondo sabbioso e la visibilità è la migliore che abbiamo visto finora in Bikini. La Lamson era armata fino ai denti quando fu affondata ed è piena di artiglieria, cannoni, cannoni da ponte e mine, bombe di profondità e siluri.

The mid-section is just a big twisted and mangled area. Beside the wreck on the sand at 50m I spot a sleeping whitetip reef shark and approach it cautiously from one side while Richard positions himself on the other side.

With my 15mm fisheye lens everything looks small from a distance, but the silence of our rebreathers is a giant advantage, and I manage to move very close before the shark wakes up and swims away irritably.

Ho avuto la fortuna di immergermi in alcuni dei relitti più iconici del mondo, come ad esempio Umbria, Thistlegorm, britannico e i relitti della Truk Lagoon, ma l'esperienza di Bikini è unica nel suo genere. È molto significativo poter documentare la storia di questo luogo, non solo i resoconti di guerra di tutti i relitti, ma anche l’impatto sulla natura e sulla popolazione delle decisioni dell’amministrazione Truman.

1218 Bikini truk master e1543574129826

TRUK MASTER ED ESPERIMENTO CRITICO
_Truk Master trascorre ogni anno da luglio a ottobre a Bikini. Master Liveaboards è stato l'unico operatore regolare di immersioni programmate lì da quando il centro immersioni è stato abbandonato.
_The vessel’s four decks provide ample space for relaxation, dive-equipment and camera preparation, and it caters for tec-divers on open and closed circuit. It carries twin oxygen-makers, an ample supply of helium, twin-sets, rebreather- and deco-tanks and scooters for rental.
_È una grande sfida gestire un'operazione di crociera quando tutto deve essere spedito da molto lontano, ma l'equipaggio di Truk Master lo fa sembrare molto semplice e quasi dimentichi quanto sei lontano dalla civiltà.
_Per tutto il 2019, 2020 e 2021 l'esploratore di relitti Aron Arngrímsson ospiterà una serie di viaggi in stile spedizione con Truk Master esclusivamente per subacquei tecnici CCR: viaggi Dirty Dozen a Truk e viaggi Critical Experiment a Bikini - email info@thedirtydozen.org

L'esilio del popolo di Bikini è in corso, perché le radiazioni impediscono ancora il sostentamento permanente della vita lì, e i relitti stessi sono una bomba a orologeria.

Molti sono stati riforniti all'80% della capacità e quel carburante alla fine fuoriuscirà quando i relitti si disintegreranno. Questo potenziale disastro ambientale di Exxon Valdez la grandezza non è una questione di se ma di quando.

L'immersione è relativamente facile, con corrente debole o assente. La maggior parte dei relitti si trova al di fuori dei limiti ricreativi e i subacquei con rebreather e capacità di decompressione possono esplorarne molti di più potendo andare più in profondità e rimanerci più a lungo.

La visibilità varia da relitto a relitto e stagionalmente, ma di solito è abbastanza buona. Ben 3 mm muta is sufficient, though most technical divers will use drysuits as we did, and wear gloves and a hood for protection, especially when doing penetrations.

La maggior parte dei relitti si trova a 50 metri, e di solito abbiamo fatto immersioni di 60 minuti con 60 minuti di deco, ma le soste sono molto piacevoli, con una solida barra di decompressione come supporto su quelle finali. La lunga autonomia di un rebreather limita il numero di immersioni giornaliere a un'immersione mattutina e pomeridiana. Maestro di Truk impone un intervallo di superficie minimo obbligatorio e ragionevole di quattro ore tra le immersioni tecniche.

Se sei un serio subacqueo di relitti, organizza un viaggio a Bikini, qualunque cosa serva. Con le spedizioni Critical Experiment di Aron Arngrímsson in collaborazione con il Maestro di Truk, non è mai stato così divertente esplorare la flotta nucleare di Bikini. Preparati ad aspettare il tuo turno!

FATTO

COME ARRIVARE> United Airlines opera due rotte per Kwajalein, una da Guam e una da Honolulu. Dal Regno Unito Honolulu è l’opzione più breve, ma sia quella che Guam richiedono l’autorizzazione ESTA statunitense. Kwajalein è una base dell'esercito americano, quindi è richiesta una lettera di sponsor da parte del tour operator.

IMMERSIONI E ALLOGGIO> Truk Master (vedi pannello sopra), masterliveaboards.com

QUANDO ANDIAMO> La stagione secca è dicembre-aprile; la stagione delle piogge da maggio a novembre. Il tempo cambia continuamente, ma anche se può piovere molto, spesso è solo per brevi periodi. Il clima è stabile, caldo e umido, con temperature sia dell'acqua che dell'aria di 29-30°C tutto l'anno.

I SOLDI> Dollaro Americano.

SALUTE> Non esiste alcuna possibilità di terapia ricompressiva nelle Isole Marshall. Gravi problemi DCI richiedono l'evacuazione a Guam o Honolulu, quindi assicurati che la tua assicurazione subacquea copra l'evacuazione di emergenza.

PREZZI> Ci sono pochi posti disponibili adesso per i prossimi anni quindi è difficile dare un prezzo esatto, ma per un itinerario di 10 notti nel 2021 calcolate sulle £8500-10,000 compresi i voli! Parla con il blu, o due, blueotwo.com

Informazioni sui VISITATORI> visitmarshallislands.org

Sopra: subacqueo sul cacciatorpediniere Lamson. Al centro: uno squalo pinna bianca addormentato accanto al Lamson. Sotto: immersione in uno dei relitti “più piccoli”: la ruota ausiliaria della USS  Carlisle.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x