Un’ondata di caldo marino senza precedenti colpisce il Regno Unito

Le praterie di fanerogame marine sono una parte importante dell’ambiente marino del Regno Unito (Lewis Jeffries / Project Seagrass)
Le praterie di fanerogame marine sono una parte importante dell’ambiente marino del Regno Unito (Lewis Jeffries / Project Seagrass)

E sottolinea l’urgenza di ripulire le coste e i fiumi del Regno Unito, affermano RICHARD UNSWORTH dell’Università di Swansea e BENJAMIN JONES della Florida International University

Leggi anche: MBE per i subacquei che sono diventati Sea-Changers

Migliaia di persone si sono recentemente riversate nei mari e nei fiumi del Regno Unito in a protesta nazionale “a remi”. per chiedere la fine dello sversamento delle acque reflue nei corsi d’acqua del paese. Gli attivisti erano in gran parte preoccupati per le conseguenze di questa sporcizia sulla salute umana e sulla natura.

Ma mentre i mari costieri del Regno Unito ribollono sotto ciò che è un ondata di caldo marino senza precedenti, questi appelli hanno una nuova urgenza. Al momento in cui scriviamo, alcune aree al largo delle coste dell’Inghilterra sono fino a 5°C più calde del solito.

Il degrado dei fiumi e delle coste del Regno Unito causato dall’inquinamento, unito all’impatto delle ondate di caldo marino, rappresenta una minaccia per il futuro di una specie vegetale costiera vitale chiamata fanerogame marine.

Le fanerogame marine sono piante che si sono adattate a vivere nell'oceano, formando vaste praterie che spesso si estendono per centinaia di ettari. Questi prati forniscono habitat per la fauna marina e vivai per specie commercialmente importanti come il merluzzo atlantico. Inoltre intrappolano il carbonio presente nella nostra atmosfera, contribuiscono a ridurre l’erosione costiera e addirittura a filtrarlo batteri nocivi provenienti dall'acqua di mare.

Ma, a differenza degli umani, le piante non possono controllare il calore corporeo. Pertanto, temperature più elevate dell’acqua di mare portano ad un aumento del tasso di respirazione (il processo utilizzato dagli esseri viventi per creare energia per vivere e crescere) e ad un maggiore bisogno di cibo.

Le fanerogame marine sono un habitat vitale (Lewis Jeffries / Project Seagrass)
Granseola nell'habitat delle fanerogame marine (Lewis Jeffries / Project Seagrass)

Un tasso di respirazione più elevato non è necessariamente un problema per le fanerogame marine se hanno molta luce per effettuare la fotosintesi in modo efficace. Il problema è che la luce è spesso limitata nei corsi d’acqua inquinati.

Fermare il flusso di inquinamento nei nostri fiumi non è più un lusso per un altro giorno, ma una necessità urgente. Non riuscire a ripulire i nostri sistemi idrici adesso comporterà la perdita di vita marina e acquatica, minando il funzionamento del nostro mondo naturale.

Crescita algale

Le fanerogame marine necessitano anche di un apporto di sostanze nutritive come nitrati e fosfati, senza i quali non sarebbero in grado di crescere. Nei corsi d'acqua del Regno Unito, lo scarico di liquami e rifiuti agricoli in fiumi e torrenti e uso eccessivo di fertilizzanti sul terreno contribuisce a livelli elevati di nutrienti. Tuttavia, questi maggiori livelli di nutrienti stimolano la crescita di vari tipi di alghe nell’acqua di mare, comprese quelle nell’acqua, sulle foglie delle alghe e sui sedimenti.

Questa competizione per i nutrienti mette le fanerogame marine in una posizione di svantaggio. Le fanerogame marine estraggono principalmente i nutrienti direttamente dal sedimento, mentre le alghe possono accedervi in ​​​​acqua in modo più efficace.

Con l’aumento delle concentrazioni di nutrienti, le popolazioni di alghe continuano ad aumentare e formano estese fioriture. La proliferazione delle alghe colora l'acqua di verde, copre le foglie delle fanerogame e soffoca l'habitat. Questo sovraccarico di alghe impedisce alle praterie marine di fotosintesi a un ritmo così rapido.

Durante un’ondata di caldo marino, le alghe sperimentano tassi di respirazione elevati, che aumentano il loro bisogno di luce. In acque limpide e sane, le fanerogame marine rispondono aumentando il loro tasso di fotosintesi per soddisfare il loro fabbisogno energetico aggiuntivo. Tuttavia, quando l’acqua viene sopraffatta da un’eccessiva crescita di alghe, le fanerogame marine faticano a tenere il passo e alla fine si deteriorano.

Ondata di caldo marino: fanerogame marine soffocate dalle alghe in una laguna nel Galles del Nord (Richard Unsworth_Project Seagrass, autore fornito)
Alghe marine soffocate dalle alghe in una laguna nel Galles del Nord (Richard Unsworth / Project Seagrass, fornito dall'autore)

L'erba marina sta soffocando

I corsi d’acqua e i mari costieri del Regno Unito sono tra i più inquinati d’Europa. Oltre il 75% dei fiumi e torrenti del paese contengono livelli di inquinanti organici che sono letali per la vita acquatica o che possono potenzialmente causare danni cronici.

Tuttavia, l’inquinamento da nutrienti colpisce le praterie marine ben oltre i confini del Regno Unito. Nel 2021, uno studio ha stimato che l’88% delle praterie di fanerogame marine in tutto il mondo sono esposte agli apporti di nutrienti provenienti dalle acque reflue.

Negli ultimi due anni abbiamo documentato la salute delle praterie di fanerogame marine in tutto il Regno Unito Progetto Seagrass (un ente di beneficenza per la conservazione marina dedicato a salvare le fanerogame marine del mondo) e Università di Swansea. Questa ricerca viene inizialmente aggiunta a un database pubblicato nel 2016.

Nonostante si trovi in Aree marine protette, la maggior parte delle praterie di fanerogame marine che abbiamo studiato sono in condizioni “cattive”. I livelli di azoto registrati in questi prati sono fino al 75% superiori alla media globale.

Analizzando le foglie delle alghe per i nutrienti, incluso l'azoto e un isotopo stabile dell'azoto chiamato 15N, possiamo identificare le fonti di questi nutrienti. In particolare, le acque reflue e i rifiuti zootecnici presentano livelli più elevati di 15N rispetto ad altre fonti di nutrienti. Questi risultati supportano il nostro sospetto che l’eccesso di azoto presente nelle fanerogame marine provenga principalmente dagli scarichi fognari e dai nutrienti che fuoriescono dai terreni agricoli.

Praterie di fanerogame marine sane possono ridurre l’inquinamento dell’acqua assorbendo sostanze nutritive e batteri nocivi (Benjamin Jones / Project Seagrass, fornito dall’autore)
Praterie di fanerogame marine sane possono ridurre l’inquinamento dell’acqua assorbendo sostanze nutritive e batteri nocivi (Benjamin Jones / Project Seagrass, fornito dall’autore)

Inquinamento costoso

È interessante notare che le praterie di fanerogame marine possono anche svolgere un ruolo cruciale nel controllo dell’inquinamento da nutrienti. La ricerca ha dimostrato il significativo valore finanziario delle praterie di fanerogame marine in termini di capacità di assorbire e immagazzinare sostanze nutritive.

Ad esempio, uno studio condotto in Svezia ha osservato che il perdita di 1,000 ettari di fanerogame marine in un periodo di 20 anni ha comportato il rilascio di 60,000 Mg di azoto nell'ambiente. Questo rilascio di azoto è stato più di tre volte il carico annuale di azoto trasportato dai fiumi verso la costa nord-occidentale della Svezia.

Il costo economico associato a questo rilascio di azoto è stato stimato in oltre 140 milioni di dollari (110 milioni di sterline). Questo calcolo tiene conto della spesa necessaria per raggiungere gli obiettivi di riduzione dell'azoto stabiliti dalla Direttiva quadro UE sulle acque, che comprende elementi quali i costi di costruzione di nuovi impianti di trattamento delle acque reflue.

La perdita di fanerogame marine dovuta a ondate di caldo marino più intense potrebbe esacerbare il continuo deterioramento delle acque europee. A nostro avviso, affrontare l’inquinamento idrico, in particolare quello dovuto ai fertilizzanti e alle acque reflue, è altrettanto urgente quanto affrontare la crisi climatica e della biodiversità.

Sebbene non possiamo prevedere con precisione l’intensità, la durata e la posizione delle gravi ondate di caldo marino, sembra che stiano diventando più frequenti man mano che il nostro sistema climatico collassa.

L’unica linea di difesa per il mondo naturale contro i rapidi cambiamenti climatici è rendere le specie e gli habitat più capaci di resistere e riprendersi da eventi estremi. Ciò richiederà un cambiamento fondamentale nelle pratiche inquinanti che attualmente soffocano gli ambienti acquatici.


Immagina una newsletter settimanale sul clima

Non hai tempo per leggere quanto vorresti sul cambiamento climatico?
Ricevi invece un riepilogo settimanale nella tua casella di posta. Ogni mercoledì, il redattore ambientale di The Conversation scrive Imagine, una breve email che va un po' più a fondo in un solo clima problema. Unisciti agli oltre 20,000 lettori che si sono iscritti finora.


Richard KF Unsworth è professore associato di biologia marina, Università di Swansea ed Benjamin LH Jones è responsabile della conservazione del Project Seagrass e associato post-dottorato, Florida International University. Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Anche su Divernet: La più grande prateria di fanerogame mai identificata in Cornovaglia, Il progetto Seagrass prende il via in CornovagliaProgetto Blues Meadows Seagrass in corsoLa pianta più grande del mondo rivelata a Shark Bay, Dovremmo lottare per proteggere le fanerogame marine del Regno Unito

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x