Sorpresa delle tartarughe nelle piccole isole Gili in Indonesia

SPECIALE SUBACQUEO INDONESIA

NIGEL MARSH ha recentemente visitato le piccole isole Gili in Indonesia, al largo di Lombok, per scoprire se le immersioni si svolgevano come al solito dopo i terremoti che hanno scosso la regione l'anno scorso

Tartaruga verde in riposo al Versante Meno e (riquadro) un vagabondare polipo si arrampica su un altro.

HO IMMERGITO IN MOLTI SITI carico di tartarughe in Asia, ma non avevo mai visto così tanti green amichevoli e rilassati nello stesso sito. Queste tartarughe erano così rilassate con i subacquei che mi ignorarono

Ho scattato delle foto e una era così in coma che non si era accorta che una polipo stava scavalcando il suo guscio!

Sono rimasto davvero sorpreso nel vedere così tante amichevoli tartarughe nelle Isole Gili, un posto che è riuscito a sorprendermi ancora e ancora.

Circondate da barriere coralline, costellate di palme e caratterizzate da spiagge di sabbia bianca e acque cristalline, è facile capire perché le Isole Gili sono una destinazione popolare vacanza destinazione.

Situate al largo della costa nord-occidentale di Lombok in Indonesia, le tre isole – Gili Trawangan, Gili Meno e Gili Air – attirano sub, amanti dello snorkeling, amanti del sole e tantissimi viaggiatori con lo zaino in spalla.

In effetti, sulle Gilis scendono così tanti viaggiatori con lo zaino che si sono guadagnati la reputazione di isole delle feste. Tuttavia, hanno ricevuto un colpo ancora peggiore alla loro reputazione quando sono stati colpiti da una serie di terribili terremoti nei mesi di luglio e agosto 2018.

I terremoti hanno ucciso più di 100 persone nella zona di Lombok, lasciato migliaia di senzatetto e distrutto innumerevoli edifici.

Mentre alcuni resort hanno subito danni, la maggior parte si è ripresa rapidamente ed è ansiosa di accogliere nuovamente subacquei e altri turisti.

Per dimostrarlo, il Ministero del Turismo indonesiano ha invitato me e molti altri giornalisti a visitare le Isole Gili a novembre.

Ad essere onesti, le isole non sono mai state in cima alla mia lista dei posti da visitare in Indonesia. Il pensiero di un sacco di viaggiatori con lo zaino in spalla, di feste da ballo in piena espansione tutta la notte e di spiagge affollate semplicemente non mi allettava.

Avevo anche sentito resoconti contrastanti sulle immersioni, alcuni affermavano che la pesca con la dinamite aveva distrutto i coralli, mentre altri riferivano di un meraviglioso mix di siti e di un'impressionante vita marina.

Così ho accettato l’invito con alcune riserve e alcune domande a cui era necessario rispondere: le isole si erano riprese dai terremoti? Erano invasi da backpackers? E com'è stata veramente l'immersione?

CON LOMBOK situate appena ad est di Bali, la maggior parte dei visitatori delle Isole Gili arriva in barca. Il nostro gruppo ha scelto l'altra opzione: un volo da Bali a Mataram (la capitale di Lombok), poi un viaggio fino all'estremità settentrionale dell'isola e infine un veloce motoscafo fino a Gili Trawangan.

Arrivando dopo mezzanotte, fui sollevato nel non sentire alcuna musica da ballo martellante. In realtà era molto tranquillo mentre facevamo il check-in nel nostro alloggio, l'incantevole Laguna Gili Beach Resort. Esausto dopo una lunga giornata di viaggio, sono andato direttamente a letto.

La mattina dopo, alzandomi presto, mi sono guardato intorno per la prima volta nel resort per immersioni. Immerso in un grazioso giardino, dispone di ampie camere climatizzate in stile balinese, due piscine, un ristorante/bar e un centro immersioni ben attrezzato e strutturato.

L'unica cosa che separava il resort dalla spiaggia di sabbia bianca era una strada. A prima vista questo sembrava un posto inadeguato per avere una strada; poi mi resi conto che l'unico traffico era costituito da biciclette e cavalli e carrozze (conosciute localmente come cidomo). Non ci sono auto, camion o moto rumorosi sulle Isole Gili, e questa è stata la prima piacevole sorpresa.

Camminando su e giù per la strada principale ho trovato numerosi negozi di immersione, resort per immersioni e spiagge, compagnie turistiche e altre attività commerciali. La maggior parte sembrava essere aperta.

Non ho visto danni da terremoto finché non mi sono avventurato nelle strade secondarie, dove erano evidenti alcuni edifici crollati.

C'erano anche numerosi turisti. La spiaggia e le strade non erano affollate, ma le cose sembravano tornare alla normalità.

Ben presto abbiamo sistemato la nostra attrezzatura nel centro immersioni e siamo partiti per esplorare il letame locale. Durante le ricerche sulla mia guida Muck Diving avevo scoperto che esisteva un sito simile nelle Isole Gili chiamato Hann's Reef, ma ci stavamo dirigendo verso la terraferma adiacente per esplorare siti di cui non avevo mai sentito parlare.

Questo pesce rana gigante è stato trovato seduto sulle cime di ormeggio a Kecinan.
Questo pesce rana gigante è stato trovato seduto sulle cime di ormeggio a Kecinan.

Il primo, Kecinan, presentava un pendio di sabbia grigia punteggiato di cime di ormeggio. Zigzagando su e giù per una profondità compresa tra 9 e 24 metri, ci siamo presto ritrovati in mezzo a un assortimento di gamberetti, ghiozzi, pesci rasoio, pesci lima, pesci gamberetti, pesci palla, bavose e pesci leone.

Sembrava che ci fossero parecchi nudibranchi di Shaun, vita da pecora sulle alghe, ma ero più interessato alle creature del letame più grandi.

E la nostra guida Leon ha consegnato, con quattro pesci rana, una seppia, un dragone con le dita, un cavalluccio marino spinoso e una vespa cacatua.

La nostra seconda immersione nel fango era proprio dietro l'angolo a Seahorse Bay. Anche questo presentava un pendio di sabbia grigia, ma con molte più alghe, penne marine e anemoni. Anche se abbiamo trovato anguille, nudibranchi, murene, pesci leone, scorfani e gamberetti commensali, la caratteristica principale erano i cavallucci marini. Aggrappati alle alghe abbiamo contato una mezza dozzina di cavallucci marini piuttosto spinosi.

PIÙ TARDI CI IMMERGIAMO la barriera corallina del resort. Sebbene accessibile dalla riva, con la corrente corrente l'abbiamo fatto come un'immersione dalla barca in modo da poter andare alla deriva sulla barriera corallina in pendenza.

Le barriere coralline domestiche possono essere incostanti, e questo era un po' entrambe le cose. La maggior parte del pendio era costituita da detriti corallini, ma c'erano diverse zone sane da esplorare. Concentrandomi sulle piccole cose, ho presto trovato canocchie, nudibranchi, polipo, anguille a nastro e un pesce ago fantasma ornato nascosto in una stella di piume.

Il clou è stata la ricca collezione di piccoli pesci della barriera corallina: angelo, farfalla, pesce palla, labride, damigelle, pesce falco, pesce leone e una murena fiocco di neve.

Eravamo pronti per esplorare alcune barriere coralline e la prima era Deep Turbo, una serie di creste coralline al largo dell'estremità nord di Gili Trawangan.

Saltare dentro per trovare una visibilità vicina ai 30 metri è stata una meravigliosa sorpresa, dato che il nostro primo giorno non erano stati molto più di 13 metri.

Scendemmo in un canale pieno di anguille da giardino, poi nuotammo su un crinale decorato con coralli a frusta, gorgonie, coralli molli e spugne a botte.

Ho avvistato un grande labro Maori e in lontananza un piccolo squalo del reef. Nuotando da una cresta all'altra abbiamo visto coralli colorati e sani,

un macchiato di blu mask razza, un pesce palla stellato, un pesce pipistrello, un dentice, un pesce scoiattolo e molti pesci della barriera corallina.

Su un crinale si riposava una tartaruga verde. Ci ha ignorato mentre scappavamo, e nemmeno Leon sembrava impressionato, a differenza della maggior parte delle guide subacquee in Asia, che si emozionano quando ti trovano una tartaruga.

Ci è voluta una lunga nuotata a mezz'acqua per tornare alla barriera corallina che circonda Gili Trawangan. Quando l'abbiamo raggiunto, la visibilità è scesa a 9 metri e il corallo sano è stato sostituito da macerie.

Ma non aveva importanza, perché si potevano vedere una dozzina di tartarughe verdi. Non c’è da stupirsi che Leon non fosse interessato a un solo esemplare! Queste tartarughe stavano riposando e si stavano pulindo e non erano commosse dalla nostra presenza. Mi sono ricordato di aver letto da qualche parte che le Isole Gili affermavano di essere la “capitale mondiale delle tartarughe”. Avevo riso di quell'affermazione, ma vedendo così tante tartarughe in un punto potevo capire il vanto.

La nostra seconda immersione quella mattina al Turtle Heaven ha consolidato questa affermazione. Questa barriera corallina in pendenza al largo dell'estremità settentrionale di Gili Meno non aveva i coralli più belli o la migliore visibilità, ma era piena di tartarughe.

All'inizio siamo andati alla deriva lungo una barriera corallina in pendenza ricoperta di coralli di funghi e verso casa

ai piccoli pesci della barriera corallina. Ma arrivando su una cresta ricoperta di detriti di corallo e una dozzina di tartarughe verdi, ci siamo fermati per 30 minuti per un tempo molto ravvicinato con le tartarughe.

I verdi dormivano, si massaggiavano la pancia e ogni tanto si spintonavano per la posizione migliore. Alcuni si facevano pulire la pelle dai labridi più puliti e i loro gusci raschiati dalle alghe dai pesci chirurgo.

Laura Waters esplora il giardino di sculture sottomarine a Meno Slope.
Laura Waters esplora il giardino di sculture sottomarine a Meno Slope.

Alcuni di loro tornavano dopo aver preso una boccata d'aria e quasi ci spingevano fuori strada per raggiungere le posizioni principali.

La cosa più divertente che ho visto è stata la polipo arrampicarsi sul guscio di una tartaruga. Era difficile dire se il polipo stava cercando di vedere cosa stesse succedendo o tentando di allontanare la tartaruga dalla sua casa.

Altrove nel sito abbiamo trovato una tartaruga embricata che si nutriva, altrettanto indifferente ai subacquei, oltre a un pesce ago fantasma ornato e banchi di spigole, fucilieri e sgombri con la bocca in pasto.

La nostra immersione pomeridiana, sempre a Gili Meno, è stata molto diversa. Abbiamo iniziato a Meno Slope nelle acque basse, su un pendio di macerie profondo solo 4 metri dove è stato creato un giardino di sculture dall'artista Jason deCaires Taylor. Con 48 statue umane a grandezza naturale disposte in due cerchi, è piuttosto surreale nuotare attorno a forme umane di cemento decorate con alghe, spugne e altra vegetazione marina.

Questa esperienza è stata seguita da una deriva lungo la barriera corallina in pendenza, trovando coralli duri nelle acque poco profonde e coralli a frusta, gorgonie, spugne e coralli molli più colorati in profondità fino a 22 m. Due tartarughe accessibili sono state il momento clou dell'immersione.

VITA NOTTURNA, soprattutto nella zona in cui abbiamo soggiornato, l'ambiente si è rivelato piuttosto tranquillo, senza musica ad alto volume o feste danzanti. In effetti, il rumore più forte sull'isola era la chiamata alla preghiera della vicina moschea. Quell'immagine dell'isola delle feste stava avendo un vero successo.

Ci siamo goduti la vita notturna con un'immersione notturna sul pendio sabbioso e sui giardini di corallo di Hann's Reef. Abbiamo iniziato sulla sabbia e presto abbiamo trovato un cono di cono a caccia, diversi granchi scatola, incluso uno che stava mangiando un altro cono di cono, e numerosi piccoli gamberetti.

Scendendo a non più di 15 metri abbiamo trovato anche granchi, granchi a testa piatta, sogliole e un minuscolo e robusto pesce ago fantasma.

Ci aspettavamo di trovare una buona varietà di cefalopodi, ma una luna piena molto luminosa avrebbe potuto renderli un po' timidi.

Abbiamo visto un minuscolo calamaro bobtail e tra i coralli c'erano pesci addormentati, gamberetti saron, murene e un pesce ago fantasma ornato. Sono stato anche sorpreso di trovare un giovane rospo fasciato, una specie che avevo visto prima solo a Raja Ampat.

Il nostro ultimo giorno di immersioni in questo breve viaggio ci ha portato in un sito esclusivo, Shark Point. Il nostro brief di immersione menzionava squali, banchi di pesci e un relitto affondato, anche se in qualche modo ci siamo persi il relitto.

Invece abbiamo fatto una meravigliosa deriva su teste di corallo, creste e canaletti, dove sono rimasto stupito dai banchi di scoiattoli e pesci soldato, dentici e fucilieri.

C'erano anche un piccolo gruppo di carangidi e un grosso tonno. Gli unici squali che ho visto erano due squali pinna bianca del reef, anche se le guide affermavano che si vedevano spesso squali pinna nera e pinna argentata.

Abbiamo anche incontrato razze della laguna a macchie blu, pesci pipistrello, una varietà di pesci angelo e un'anguilla serpente fasciata in cerca di pasto. E una volta nelle acque basse abbiamo incontrato un'altra grande popolazione di tartarughe verdi ed embricate.

LA NOSTRA IMMERSIONE FINALE ci ha portato a un naufragio, al largo di Gili Meno e conosciuto come il Bounty Wreck. Ma come nella maggior parte delle nostre immersioni nelle Gilis, prima abbiamo fatto una deriva lungo un reef in pendenza, che ospita una sana popolazione di pesci di barriera e tartarughe. Diversi embricati si nutrivano di detriti di corallo e uno stava addirittura addentando salse marine che galleggiavano nella corrente.

Un sub esplora la parte inferiore del relitto Bounty.
Un sub esplora la parte inferiore del relitto Bounty.

Un grande bommie di corallo ci ha tenuti occupati per un po', poiché era ricoperto di splendidi coralli e brulicava di pesci esca. Finalmente siamo arrivati ​​al Bounty Wreck, una piattaforma galleggiante di 30 metri che ora giace capovolta a una profondità compresa tra 8 e 16 metri, ricoperta di coralli e sede di una moltitudine di pesci, con un grande banco di tamburini che si aggirano intorno alla prua.

È stato un ottimo modo per concludere tre splendidi giorni di immersioni alle Isole Gili.

Quel pomeriggio abbiamo fatto un giro in carrozza dall'altra parte dell'isola e ci siamo goduti un cocktail mentre guardavamo il sole tramontare su Bali.

Le località su questo lato sembravano aver subito maggiori danni dal terremoto, con due ancora chiuse per lavori di ristrutturazione.

Le Isole Gili mi hanno davvero sorpreso. Erano carini e tranquilli e presentavano una buona varietà di siti di immersione, un'impressionante vita marina e una delle popolazioni di tartarughe più amichevoli dell'Asia.

Sono stato felice di aver accettato l'invito e di aver trovato questo piccolo pacchetto a sorpresa.

FATTO

COME ARRIVARE> Vola dal Regno Unito a Bali, poi prendi una barca veloce o una combinazione di auto e barca se voli a Mataram, Lombok. Le barche da Bali partono da Padang Bai, Benoa, Serangan e Amed e la traversata può durare 90-120 minuti o più. Garuda e Lion Air offrono voli giornalieri di 30 minuti tra Bali e Lombok. Sono poi 90 minuti di auto seguiti da un giro in motoscafo di 10 minuti per le Isole Gili.

IMMERSIONI E ALLOGGIO> Laguna Gili Beach Resort, lagunagili-beachresort.com

Spiaggia della Laguna Gili
Spiaggia della Laguna Gili

QUANDO ANDIAMO> Tutto l'anno, ma le piogge a dicembre e gennaio possono ridurre la visibilità. La temperatura dell'acqua varia da 26-29°C.

I SOLDI> Rupia indonesiana.

PREZZI> Voli di andata e ritorno dal Regno Unito da circa £ 550. Sette notti in B&B sistemazione da £ 250 a persona (due in condivisione, prezzi di ottobre).

Informazioni sui VISITATORI> Viaggio in Indonesia

ALTRE CARATTERISTICHE DELLO SPECIALE INDONESIA DIVER – Maggio 2019

Vacanza Notizie Indonesia

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x