Le cozze hanno incendiato un relitto di 150 anni, ma ne hanno nascosto l’identità

Prua del relitto incrostato di cozze del Lago Huron (Inspired Planet)
Prua del relitto incrostato di cozze del Lago Huron (Inspired Planet)

"Onestamente ci aspettavamo di trovare un mucchio di rocce", dicono i documentaristi canadesi che hanno scoperto il relitto dell' Africa, un piroscafo da carico scomparso con il suo equipaggio di 11 persone nel Lago Huron nel 1895.

Il team di marito e moglie Yvonne Drebert e Zach Melnick della Inspired Planet Productions hanno appena rivelato la scoperta fatta a una profondità di 85 metri a giugno, al largo della penisola di Bruce in Ontario, Canada. Erano rimasti sorpresi anche nell'apprendere che la baia in cui vivevano aveva preso il nome dal Africaha perso il capitano. 

"Abbiamo ricevuto una segnalazione secondo cui gli scienziati che stavano effettuando un'indagine sui pesci in mare aperto avevano notato un'anomalia nella lettura del sonar, fondamentalmente un'insolita protuberanza su un fondale altrimenti piatto", afferma Melnick. La coppia è specializzata in videografia subacquea utilizzando un ROV Boxfish Luna dotato di un sistema di telecamere ad alta risoluzione e a bassissima luminosità.

Yvonne Drebert e Zach Melnick con il loro ROV Boxfish Luna dopo aver trovato il relitto (Inspired Planet)
Yvonne Drebert e Zach Melnick con il loro ROV Boxfish Luna dopo aver trovato il relitto (Inspired Planet)

"Abbiamo impacchettato il nostro robot, preso alcuni amici e il loro cane e siamo partiti per quello che pensavamo sarebbe stato un divertente giro in barca del sabato", afferma Drebert. Il ROV era stato lanciato in acque agitate senza grandi aspettative. “Eravamo giù da pochi minuti quando una struttura enorme è emersa dalle profondità: era un naufragio. Non potevamo crederci. 

Veduta della prua (Inspired Planet)
Veduta della prua (Inspired Planet)
Davanti alla cabina (Inspired Planet)
Davanti alla cabina (Inspired Planet)
La poppa (Pianeta Ispirato)
La poppa (Pianeta Ispirato)
Ampia vista nell'acqua del lago ripulita dalle cozze (Inspired Planet)
Ampia vista nell'acqua del lago ripulita dalle cozze (Inspired Planet)

Tutto troppo chiaro

Negli ultimi due anni la coppia ha lavorato ad un lungometraggio documentario intitolato Tutto troppo chiaro: sotto la superficie dei Grandi Laghi, sui “quadrilioni” di cozze quagga che ora ricoprono i laghi. Attraverso il loro filtraggio estremo hanno aumentato la visibilità subacquea e hanno dato il titolo al film.

I quagga hanno superato i loro cugini, le cozze zebrate, da quando sono arrivati ​​nei Grandi Laghi negli anni '1990, e stanno "riprogettando l'ecosistema dei Grandi Laghi su una scala mai vista dai tempi dei ghiacciai", secondo la coppia.

Le cozze Quagga hanno proliferato nel Lago Huron (Inspired Planet)
Le cozze Quagga hanno proliferato nel Lago Huron (Inspired Planet)

"Ci sono così tanti quagga che filtrano i Grandi Laghi che i laghi sono fino a tre volte più limpidi di quanto lo fossero prima delle cozze", afferma Drebert. 

È stata questa limpidezza dell'acqua che ha permesso al team di vedere chiaramente il relitto verticale, profondo 85 metri, senza luci aggiuntive. D'altro canto, le incrostazioni causate dalle cozze invasive hanno escluso ogni speranza di identificare la nave semplicemente leggendone il nome sulla poppa. 

La prua incrostata dell'Africa (Pianeta Inspirato)
L'arco incrostato del Africa (Pianeta ispirato)
Verricello di poppa (Inspired Planet)
Verricello di poppa (Inspired Planet)

L'Ontario ha rilasciato una licenza archeologica ai registi che ha permesso loro di tornare a filmare, ispezionare e misurare il relitto, con lo storico marittimo locale Patrick Folkes e l'archeologa Scarlett Janusas chiamati per aiutarli a identificarlo. 

Affondato in una tempesta di neve

45m Africa con una larghezza di 8 metri fu costruita nel 1873 per trasportare sia passeggeri che merci ma, dopo essere stata bruciata fino alla linea di galleggiamento nel 1886, fu ricostruita come chiatta a vapore solo per merci. 

La mattina del 4 ottobre 1895, il Africa lasciò Ashtabula, Ohio, negli Stati Uniti, trainando un'altra chiatta, la Severn. Entrambe le navi erano cariche di carbone diretto a Owen Sound in Ontario. 

La fune di traino si è rotta durante una tempesta di neve di inizio stagione e il Severn si incagliò e si frantumò, nota per essere stata una delle tante navi naufragate nelle secche occidentali della penisola di Bruce. Il suo equipaggio è stato salvato, ma il Africa non fu mai più visto. 

Le dimensioni misurate durante la seconda immersione con il ROV e il carbone visto nel campo di detriti del relitto sono stati sufficienti per confermare l’identità del relitto. 

Un raro punto in cui i legni sono stati lasciati esposti (Inspired Planet)
Un raro punto in cui i legni sono stati lasciati esposti (Inspired Planet)
Carbone rovesciato a prua (Inspired Planet)
Carbone rovesciato a prua (Inspired Planet)

E Melnick e Drebert furono sorpresi di scoprire che l'ubicazione della loro casa a Larsen Cove, sulla penisola di Bruce, era stata chiamata così in onore del Africail capitano Hans P. Larsen. In effetti il Severn erano affondati a poche centinaia di metri da dove vivono.  

“Prima di scoprire il Africa, il nostro lavoro si è concentrato sugli impatti ecologici delle cozze, che hanno devastato la pesca intorno ai laghi”, afferma Melnick.

“Non avevamo considerato l’effetto che avrebbero potuto avere sul nostro patrimonio culturale, ma le cozze hanno davvero cambiato tutto nelle acque profonde dei Grandi Laghi”. Produzioni planetarie ispirate' Tutto troppo chiaro sarà proiettato l'anno prossimo.

Anche su Divernet: Trinidad brilla anche tra i relitti dei Grandi Laghi, Le doppie scoperte della sub Tamara onorano i nativi americaniL'archeologo statale muore durante un'immersione di riscaldamentoRimorchiatore satellitare scoperto a 90 metri nel Lago SuperioreIl sogno dei subacquei tecnici: una goletta con l'albero alzato di 150 anni

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x