Rilasciati i nuovi video 3D del naufragio di Dunkerque

Relitto del cacciatorpediniere HMS Keith, che mostra la sezione dello scafo spostata dal 2019 - vedi sotto. (DRASSM, multibeam elaborato da A Rochat (DRASSM) e M James (MSDS Marine / Historic England)
Relitto del cacciatorpediniere HMS Keith, che mostra la sezione dello scafo spostata dal 2019 - guarda il video qui sotto. (DRASSM, multibeam elaborato da A Rochat (DRASSM) e M James (MSDS Marine / Historic England)

Le immagini video 3D di un'indagine su 27 relitti nelle acque francesi legati all'evacuazione di Dunkerque del 1940 sono state rilasciate da Historic England (HE) nella sua prima collaborazione con l'agenzia francese per il patrimonio marino DRASSM.

Sono inclusi tre relitti recentemente scoperti che sembrano corrispondere alle perdite registrate 83 anni fa.

L’indagine è stata condotta per fornire informazioni di base per le indagini subacquee pluriennali che inizieranno in collaborazione con i subacquei locali nel 2024. Tutti i risultati dovranno essere resi disponibili al pubblico attraverso i musei e online man mano che le indagini progrediscono. IL lancio del progetto è stato segnalato Divernet su 20 settembre.

L'evacuazione della Seconda Guerra Mondiale, denominata Operazione Dynamo, ebbe luogo nell'arco di nove giorni dal 2 maggio al 26 giugno 4 e vide più di 1940 soldati alleati che erano stati circondati dall'esercito tedesco nel nord della Francia salvati e riportati attraverso la Manica nel Regno Unito. 

Furono coinvolte più di 1,000 navi militari, da trasporto, da pesca, di servizio e da diporto sotto bandiera britannica, francese, belga, olandese, polacca, danese, norvegese e svedese, ma più di 305 di esse andarono perdute.

Squadra di relitti dell'Operazione Dynamo 2023 Dunkerque a bordo dell'André Malraux (Christophe Gutierrez)
La squadra dell'Operazione Dynamo 2023 a bordo della André Malraux (Christophe Gutierrez)

La nuova ricognizione, effettuata tra il 25 settembre e l'8 ottobre, mostra la posizione, le caratteristiche e le condizioni di ciascun relitto "in notevole dettaglio", afferma HE.

DRASMO Gli archeologi Cécile Sauvage e Claire Destanque hanno guidato le operazioni, utilizzando un ecoscandaglio multiraggio della loro nave da ricerca André Malraux, capitanato da Fabien Géreux. Il geofisico britannico Mark James di MSDS Marine si è unito al geofisico DRASSM Alexis Rochat.  

Dodici dei 27 relitti non erano stati precedentemente individuati e quattro non sono stati trovati, si ritiene siano stati distrutti o ricoperti di sabbia.

L'identità di due relitti: i dragamine ausiliari francesi Denis papino ed Mussillon, affondato dagli attacchi aerei del 1° giugno - erano stati precedentemente confusi e corretti. Diciannove relitti sono stati identificati positivamente attraverso le loro dimensioni e caratteristiche distintive. 

Denis Papin (DRASSM)
Il dragamine ausiliario francese Denis papino (DRASSM)
I Denis papino (DRASSM, multibeam elaborato da A Rochat (DRASSM) e M James (MSDS Marine / Historic England))
I Mussillon (DRASSM, multibeam elaborato da A Rochat (DRASSM) e M James (MSDS Marine / Historic England))

Tre degli altri 19 segni studiati sembravano corrispondere alla posizione e alle caratteristiche delle navi perse durante l'operazione Dynamo. Le gru per scialuppe di salvataggio, insieme ad altri dettagli e dimensioni, ne hanno confermato una come la Normannia, requisita come portatruppe e affondata da un aereo il 30 maggio.

I Normannia (DRASSM, multibeam elaborato da A Rochat (DRASSM) e M James (MSDS Marine / Historic England))
La Normannia (DRASSM)
I Normannia (DRASSM)

Si è notato che molti dei relitti erano in condizioni relativamente buone, nel caso del cacciatorpediniere HMS Keith, il confronto con le precedenti immagini di rilevamento effettuate dal porto di Dunkerque nel 2016 e nel 2019 ha rivelato che parte dello scafo era crollato negli ultimi anni.

Rilievo multiraggio del 2019 del cacciatorpediniere HMS Keith (© GPMD 2019, multiraggio elaborato da Th. Willaert / GPMD)
Indagine multiraggio del 2019 del cacciatorpediniere HMS Keith (© GPMD 2019, multibeam elaborato da Th. Willaert / GPMD)
HMS Keith nel 2023 (© DRASSM, multibeam elaborato da A Rochat (DRASSM) & M James (MSDS Marine / Historic England))

"È molto commovente vedere emergere nuovi dettagli da 30 naufragi collegati all'operazione Dynamo per la prima volta dagli eventi di Dunkerque durante la seconda guerra mondiale", ha affermato l'amministratore delegato di HE Duncan Wilson. “I risultati ci forniscono una visione straordinaria del nostro patrimonio comune che si trova ancora sotto le acque al largo di Dunkerque”.

Anche su Divernet: Il progetto sui relitti di Dunkerque prevede immersioni per il 2024, Un sub trova il relitto di Dunkerque con una storia toccante

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x