I sommozzatori di Dundee inchiodano l'ultimo atto di sfida dell'U-Boot

UC-71 (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)
UC-71 (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)

Dopo più di un secolo sul fondo del Mare del Nord, la verità sull'affondamento di un famigerato sottomarino della Prima Guerra Mondiale è emersa, grazie a un team di subacquei e modellatori di relitti 3D.

Sebbene il UC-71  entrato in azione solo nel novembre 1916, il sottomarino tedesco fu responsabile dell'affondamento di ben 61 navi mercantili alleate nel Mare del Nord nel corso di 19 pattugliamenti, utilizzando sia siluri che mine. 

Restavano tuttavia delle domande sulle circostanze dell'affondamento dell'U-Boot dopo la fine della guerra, con l'interesse ravvivato recentemente dalla pubblicazione del diario di un ingegnere che affermava: "Nessun inglese dovrebbe salire sulla barca. Questa era la volontà dell'equipaggio e l'hanno raggiunta". 

Due professori e subacquei dell'Università di Dundee, Chris Rowland, esperto di visualizzazione 3D di ambienti sottomarini Duncan del Jordanstone College of Art & Design, e l'esperta di design della comunicazione Kari Hyttinen, credono ora di poterlo confermare UC-71 è stato affondato.

Chris Rowland e Kari Hyttinen
Rowland e Hyttinen sulla barca per le immersioni (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)

"I portelli sono certamente aperti in tutto il sottomarino, il che corrobora l'affermazione che è stato affondato deliberatamente", afferma il professor Rowland. “È possibile, tuttavia, che i subacquei abbiano visitato il relitto prima che fosse protetto. In effetti, è molto probabile che i subacquei fossero addirittura all'interno del sottomarino, anche se ciò sarebbe eccezionalmente pericoloso.

"Ma, dato quello che sappiamo e dalle prove fisiche testimoniate quando eravamo laggiù e dalle nostre immagini, è probabile che la barca sia stata affondata deliberatamente."

Un'altra vista del relitto ben conservato (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)
Un'altra vista del relitto ben conservato (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)

Maltempo e onde alte

Alla fine della guerra, nel novembre 1918, UC-71 doveva essere consegnato agli Alleati, insieme ad altre navi della Marina tedesca.

Tuttavia, mentre si dirigeva dalla Germania alla Gran Bretagna il 20 febbraio 1919, il sottomarino affondò a una profondità di 22 metri al largo del piccolo arcipelago di Helgoland. Il capitano ha inviato un telegramma incolpando il maltempo e le onde alte per la perdita della nave.

Lavorare con l'archeologo subacqueo Florian Huber della società di immersioni scientifiche SottomariniRowland e Hyttinen hanno effettuato quattro immersioni di un'ora sul relitto sottomarino lungo 50 metri. 

I subacquei utilizzano luci ad alta intensità e l'attrezzatura fotografica più recente per mappare il sito del relitto (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)
I subacquei hanno utilizzato luci ad alta intensità e le più moderne attrezzature fotografiche per mappare il sito del relitto (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)

Utilizzando alambicchi sofisticati e video telecamere e apparecchiature di illuminazione ad alta intensità, hanno catturato immagini con “livelli di dettaglio senza precedenti” per consentire ricostruzioni fotogrammetriche.

Sebbene precedenti immersioni autorizzate avessero mappato il sito protetto e recuperato il taglia-reti dell'U-Boot, si diceva che le nuove immagini 3D fornissero molti più dettagli.

"Il fondale marino era piatto e senza troppo limo, il che ha reso il processo di cattura del relitto abbastanza semplice", afferma Rowland, che ha precedentemente esaminato il relitto della HMS Royal Oak. “In effetti, rispetto ad alcuni dei relitti vicino alle Orcadi, è stata una passeggiata nel parco.

L'elica dell'UC-71 (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)
UC-71(Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)

“Sembra che stiamo realizzando un ritratto e, anche se utilizziamo fotocamere sofisticate, non è molto diverso dall’utilizzo di un iPhone. Le persone che ci guardano dicono che sembra un nuoto sincronizzato sott'acqua, e suppongo che lo sia. 

“Cerchiamo di mantenere la stessa distanza e di viaggiare alle stesse velocità per garantire di avere un’immagine accurata della nave”.

Nessun atto di guerra

Per un relitto della Prima Guerra Mondiale, UC-71 è descritto come in uno stato di conservazione insolitamente buono. "Questo relitto è diverso da molti altri perché è stato affondato con un atto di sfida, non con un atto di guerra", afferma Rowland, "Anche se il conflitto potrebbe essere stato dichiarato finito , per coloro che hanno navigato su sottomarini come UC-71 c'era ancora un enorme senso di lealtà verso il proprio equipaggio, la propria barca e la propria nazione.

Portelli che avrebbero contenuto le armi dell'UC-71, come le mine (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)
Portelli che avrebbero contenuto UC-71armi, come le mine (Prof Chris Rowland / Prof Kari Hyttinen / Università di Dundee)

“Ho parlato con veterani della marina in passato e mi hanno chiesto perché abbiamo messo insieme queste immagini, in particolare sui relitti in cui sono morte delle persone. Per me la risposta non riguarda sempre le navi, ma chi era a bordo.

“Anche se nessuno è morto in questo affondamento, UC-71 è associato a una grande perdita di vite umane in mare. Catturando questo particolare relitto, siamo in grado di catturare un momento nel tempo che ci permette non solo di studiare questo singolo atto, ma serve anche a ricordarci di coloro le cui vite furono reclamate dalla nave durante le ostilità”.

Ora si prevede di utilizzare le immagini per produrre un modello 2D del relitto lungo 3 metri da posizionare accanto al diario del membro dell’equipaggio in un museo a Helgoland.

Anche su Divernet: Le nuove immagini dei subacquei illuminano le navi da guerra Scapa, Tour del relitto 10: Il UC-70, Tour del relitto 165: Il UC-42, Immersione a Scapa Flow

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Thomas M. Daley
Thomas M. Daley
4 mesi fa

I sottomarini sono una razza/tipo speciale di marinaio.

Jules
Jules
4 mesi fa

Sfondato? Un po' disonorevole da parte dei tedeschi. Grandi fotografie del relitto. Permette a tutti di vederlo indipendentemente dalla loro visione della storia.

SEGUICI SU

2
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x