I tesori del relitto includono una pistola di 525 anni

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I tesori del relitto includono una pistola di 525 anni

Gribshundem Brett Seymour

Nella foto: Brendan Foley.

Una delle prime armi da fuoco mai trovate su un relitto, oltre a barili rotti che si ritiene contengano tracce di birra danese di 500 anni e un boccale decorato con un'incisione a forma di corona, sono stati tutti rinvenuti durante un recente scavo del XV secolo svedese. nave da guerra Gribshünden.

Un team di 40 archeologi marini provenienti da 10 paesi ha effettuato tre settimane di immersioni sul relitto della nave baltica, l'ammiraglia del re Giovanni di Danimarca.

La nave affondò al largo di Ronnenby, nel sud-est della Svezia, nel 1495, mentre navigava verso la città di Kalmar per colloqui con le forze separatiste svedesi guidate da Sten Sture il Vecchio.

Si ritiene che l'arma da fuoco, denominata “cannone portatile”, appartenesse a uno dei soldati a bordo.

Le botti, contrassegnate con la lettera A, avevano dei fori tappati sui coperchi per facilitare il versamento, e il team ha prelevato campioni di sedimenti nella speranza di trovare prove di DNA di luppolo. La birra veniva comunemente trasportata durante i viaggi per mare, poiché era considerata più sicura da bere dell'acqua.

I sommozzatori hanno trovato anche monete, ossa di storione, parti di utensili e un anello con un'iscrizione enigmatica.

Le Gribshünden è considerato l'esempio meglio conservato al mondo del tipo di nave utilizzata da Cristoforo Colombo per le sue spedizioni nel Nuovo Mondo.

I resti della nave in legno di 35 metri furono trovati a una profondità di 10 metri da sommozzatori locali negli anni '1970 ma, ignari del significato del relitto, non informarono gli archeologi fino al 2000. La nave fu identificata come Gribshünden solo nel 2013.

22 settembre 2019

Precedenti ritrovamenti includevano supporti per armi da fuoco, cotte di maglia, vetri, argani e, nel 2015, la polena ben conservata del mitico "Griffen-Hound" da cui prende il nome la nave.

"Siamo riusciti a identificare diverse nuove chiavi per la costruzione della nave e ci stiamo avvicinando a risolvere l'enigma su come questo tipo di navi siano state effettivamente costruite", ha affermato Johan Rönnby dell'Università di Södertörn. “Aumenta la nostra conoscenza di un importante periodo di transizione del mondo, il tempo dei grandi esploratori”.

Lo scavo è stato supervisionato da archeologi delle università di Södertörn e Lund e del Museo Blekinge in Svezia e ha coinvolto ricercatori provenienti da Regno Unito, Stati Uniti, Italia e Danimarca.

"Speriamo di poter tornare per ulteriori indagini l'anno prossimo: ci sono così tanti segreti laggiù", ha detto Brendan Foley dell'Università di Lund.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x