L’organizzazione benefica per la fauna selvatica definisce le compagnie di viaggio “sfruttatrici”.

Leone marino utilizzato per opportunità fotografiche al Sea World, Gold Coast. (Protezione Mondiale degli Animali/Jennifer Ford)
Leone marino utilizzato per opportunità fotografiche al Sea World, Gold Coast. (Protezione Mondiale degli Animali/Jennifer Ford)

L'organizzazione benefica britannica per la conservazione World Animal Protection ha nominato una serie di compagnie di viaggio generaliste che, secondo loro, hanno ignorato le richieste di smettere di sfruttare la fauna selvatica in cattività a scopo di lucro, comprese quelle che promuovono spettacoli di delfini e interazioni con delfini, leoni marini o coccodrilli che non hanno altra scelta se non quella di farlo. soddisfare. 

Leggi anche: I difensori dei cetacei intervengono dopo la morte solitaria di Lolita

Ha individuato TUI Musement, GetYourGuide, Trip.com, ActressTickets.com e Jet2holidays come colpevoli continui e sostiene che l'84% dei cittadini britannici ritiene che i tour operator non dovrebbero vendere attività che causano sofferenze agli animali selvatici, secondo la sua indagine. Un vero viaggiatore responsabile sondaggio. L'Università del Surrey è stata incaricata di condurre l'indagine in modo indipendente.

"I delfini utilizzati per l'intrattenimento vengono per lo più allevati in cattività (anche se alcuni vengono ancora catturati in natura) e tenuti in vasche sterili in una piccola frazione del loro territorio naturale, il che crea enorme disagio per questi meravigliosi animali", afferma WAP.

Laddove i subacquei e gli apneisti tendono a dare valore agli incontri non garantiti con animali selvatici, per i turisti non subacquei tale atteggiamento può essere troppo casuale.

Lo studio ha esaminato nove importanti compagnie di viaggio in merito al loro impegno per il benessere degli animali e un turismo rispettoso della fauna selvatica. “Viaggiare in modo responsabile significa non includere mai intrattenimento o esperienze in cattività con la fauna selvatica nel proprio itinerario e rifiutarsi di prenotarlo vacanza con compagnie di viaggio che pretendono di offrire viaggi responsabili e sostenibili, pur continuando a trarre profitto dallo sfruttamento degli animali selvatici”, afferma WAP.

1032443
Delfino in cattività condizionato a eseguire acrobazie per i turisti (Carol Slater Fotografia /Protezione Mondiale degli Animali)

L'organizzazione rileva nel suo rapporto che aziende come Airbnb e Booking.com hanno compiuto "passi significativi e positivi" a favore della fauna selvatica negli ultimi anni e ammette che Expedia è "migliorata in alcune aree", avendo smesso di vendere intrattenimento con delfini in cattività in 2021.  

"Vacanza-i produttori lo hanno chiarito; non vogliono che i tour operator vendano la sofferenza degli animali, ma la realtà è che la sofferenza viene ancora venduta con il pretesto di intrattenimento", afferma Katheryn Wise, responsabile della campagna WAP per la fauna selvatica, "Chi prenoti il ​​tuo vacanza con le questioni. TUI Musement, Jet2holidays, GetYourGuide, Trip.com e Actress Tickets.com continuano a sfruttare gli animali selvatici in cattività.

“World Animal Protection esorta i viaggiatori responsabili a unirsi a noi nello sfidare queste aziende a fare meglio per gli animali. I veri viaggiatori responsabili hanno il potere di agire e creare un cambiamento duraturo per gli animali selvatici rifiutandosi di sostenere le aziende che trattano ancora gli animali selvatici come merci da sfruttare a scopo di lucro”.

Delfino in cattività (Carol Slater Photography / World Animal Protection)
Delfino in cattività (Carol Slater Fotografia /Protezione Mondiale degli Animali)

L’organizzazione benefica sta inoltre esortando il governo del Regno Unito a scavalcare le compagnie di viaggio approvando il disegno di legge sugli animali (attività a basso benessere all’estero), la cui seconda lettura parlamentare è prevista per il 3 febbraio. "Questo importante disegno di legge intende fermare la vendita e la pubblicità all'estero di attività che comportano bassi standard di benessere per gli animali", si legge.

WAP afferma di avere più di 70 anni di esperienza nella campagna per “un mondo in cui gli animali vivono liberi dalla crudeltà e dalla sofferenza”. Funziona in 47 paesi e ha uffici in 12.   

Anche su Divernet: Delfini per Avatar: cosa stava pensando JC?, Malta Park incolpa i subacquei per la morte dei delfiniI delfini sorvegliano le navi da guerra russe dai subacqueiPerché oggi è la giornata mondiale dei delfini

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x