Risolto: il mistero del carbone del naufragio di Barbanera

Barbanera: ma perché tutto quel carbone?
Barbanera: ma perché tutto quel carbone?

Che utilità avrebbe avuto una fregata pirata del XVIII secolo per il carbone, molto prima dell’era del vapore? Il motivo per cui ce n’è così tanto è sparso attorno all’ammiraglia di Barbanera, la La vendetta della regina Anna, erano sfuggiti a lungo ai sommozzatori archeologici che scavavano il relitto della Carolina del Nord, ma un'analisi approfondita di quei grumi ha ora offerto una soluzione semplice.

La vendetta della regina Anna iniziò la sua vita come nave mercantile britannica prima di essere catturata dai francesi per essere utilizzata come commerciante di schiavi. Dopo essere stata nuovamente catturata dai pirati nel 1717 fu ribattezzata dal loro leader Edward Teach, meglio conosciuto come Barbanera. Con un massimo di 400 membri dell'equipaggio navigò sulla nave per circa un anno lungo i Caraibi e la costa atlantica dell'America, accumulando molti tesori che devono ancora essere scoperti.

Leggi anche: I sub esplorano il cimitero dell'ospedale contro la febbre gialla

Il suo regno di terrore finì quando la nave colpì un banco di sabbia mentre cercava di entrare in quella che oggi è Beaufort Inlet nella Carolina del Nord. Il relitto fu scoperto solo nel 1996, e giaceva a soli 8.5 metri d'acqua a circa un miglio al largo di Atlantic Beach.

Da allora, circa la metà del sito è stata scavata e sono stati recuperati circa 300,000 oggetti, dai cannoni e altre armi ai granelli d'oro, al mercurio e alle perle commerciali di vetro, oltre a quelle centinaia di sconcertanti pezzi di carbone sparsi uniformemente nel sito.

L’estrazione del carbone doveva ancora essere avviata nel Nuovo Mondo 300 anni fa. Il carbone veniva talvolta utilizzato come combustibile per cucinare o per riscaldare le navi a vela, ma non è stata trovata alcuna prova di tale utilizzo La vendetta della regina Anna.

Campioni di carbone

È stato l'esperto di carbone statunitense Dr James Hower, che lavora presso l'Università del Kentucky, ad esaminare quattro campioni di carbone e, con colleghi della Carolina del Nord e del Kentucky, ha ora pubblicato un articolo sui loro risultati. 

“Avevamo innanzitutto bisogno di mettere insieme il quadro completo del La vendetta della regina Anna per discernere se il carbone apparteneva alla nave – cosa che molto probabilmente non era”, ha detto Hower, che è anche professore di ricerca presso il Centre for Applied Energy Research del Regno Unito. Nel Laboratorio di Petrologia Applicata del CAER ha classificato i campioni di carbone in base al contenuto di carbonio e all’energia termica prodotta.

Variavano ampiamente, dal carbone bituminoso a bassa volatilità (87-90% di carbonio), generalmente presente in Virginia e relativamente privo di fumo, alle antraciti e meta-antraciti (oltre il 90% di carbonio) della Pennsylvania ma non comunemente trovate in America nel XVIII secolo.

Entrambi i tipi furono estratti negli Appalachi ma non prima del XIX secolo, quindi al momento dell'affondamento tale carbone probabilmente proveniva solo dall'Irlanda o dal Portogallo.

Anche le palline da golf

"A quanto pare non abbiamo avuto bisogno di risalire alla fonte, perché la casualità del naufragio e del carbone è stata totalmente una coincidenza", ha detto Hower. "Molto probabilmente è stato scaricato dalle navi della Marina americana durante l'era della Guerra Civile."

Il relitto si trova vicino a Beaufort, nella Carolina del Nord, che fino al 1865 era stato un porto e una stazione di rifornimento di carbone per le navi durante la Guerra Civile, in particolare durante il blocco da parte dell'Unione del porto confederato di Wilmington. Tra il 1862 e il 1864, 421 navi effettuarono quasi 500 viaggi a Beaufort per caricare carbone.

Le insenature e i banchi di sabbia lungo gli Outer Banks della Carolina del Nord si sono spesso spostati nel corso degli anni a causa dell'azione delle onde, delle correnti di marea, delle tempeste tropicali e degli uragani, il che spiega perché oggetti anacronistici come manufatti in vetro e ceramica del XIX secolo, monete del XX secolo, sono state trovate bottiglie di soda e persino palline da golf La vendetta della regina Anna

Si scopre che il carbone della nave a vapore della Guerra Civile deve essere stato depositato sulla fregata di Barbanera allo stesso modo. “Questa ricerca dimostra che i nostri studi sul carbone non riguardano solo l’utilizzo”, ha affermato Hower. “Possiamo fare qualcosa che ci insegni la nostra storia, e non solo la storia mineraria.

“In un modo o nell’altro, qualcuno ha usato questo carbone. Non era Barbanera, ma era la Marina degli Stati Uniti." Lo studio è pubblicato nel Giornale internazionale di archeologia nautica.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x