Il segreto è svelato: il sito di immersione nel Regno Unito ora è “DEEP Campus”

Scena del fondale marino DEEP (impressione dell'artista / DEEP)
Scena del fondale marino DEEP (impressione dell'artista / DEEP)

Circolavano voci sull'identità di un misterioso nuovo proprietario dopo che il popolare sito di immersione nell'entroterra del Gloucestershire NDAC ha chiuso all'inizio dell'anno scorso. Ora il segreto è svelato: l’ex cava di calcare viene riconvertita in una struttura di ricerca e sviluppo sottomarina chiamata DEEP Campus, sviluppando un nuovo modo “radicalmente più efficace” di esistere sotto gli oceani del mondo.

"Quello che vogliono fare è trasformare la cava in un campus scientifico sottomarino che secondo loro darà lavoro a 100 persone", ha dichiarato un consigliere locale. detto al momento, come riportato su Divernet. "Non ci hanno detto il nome della loro azienda, ci è stato solo detto che si trattava di una struttura di ingegneria profonda." 

La società di tecnologia ed esplorazione oceanica ora chiamata DEEP Research Labs è stata fondata a Bristol nel maggio 2021 e ha ora rivelato che da allora ha lavorato per realizzare la sua visione di “rendere gli esseri umani acquatici”.

Entro il 2027 si prevede che avrà creato un sistema modulare di habitat umani sottomarini semipermanenti e afferma di aver già dedicato 70,000 ore all’ingegneria nella fase di sviluppo e nelle prime fasi di produzione.

Il segreto è svelato: DEEP Sentinel Interior (Impressione dell'artista / DEEP)
Vista interna di DEEP Sentinel (impressione dell'artista / DEEP)

Le precedenti strutture sottomarine erano temporanee e/o fisse, afferma l'azienda, mentre gli habitat sottomarini DEEP Sentinel previsti sono "modulari, scalabili, autonomi, recuperabili, riconfigurabili e ridistribuibili" e non richiedono che la nave madre costosa venga lasciata sul posto la superficie.

I singoli moduli Sentinel misurano 17.5 x 6 metri di diametro, hanno accesso alla piscina lunare e possono ospitare un equipaggio di sei persone con qualsiasi attrezzatura necessaria pur essendo “abbastanza comodi perché chiunque possa viverci”.

Ogni modulo può essere interconnesso su una griglia a base triangolare e configurato in base alle esigenze di qualsiasi particolare progetto subacqueo, con una standardizzazione intesa a renderne semplice la manutenzione e la riparazione.

Laboratorio soppalco DEEP Sentinel (Impressione d'artista / DEEP)
Laboratorio soppalco DEEP Sentinel (Impressione dell'artista / DEEP)

Le installazioni DEEP Sentinel hanno lo scopo di consentire agli scienziati di vivere sott'acqua in saturazione a profondità fino a 200 metri per un massimo di 28 giorni alla volta, mentre una gamma complementare di sottomarini copre l'intera gamma delle profondità oceaniche. Le escursioni possono essere effettuate fuori dagli habitat dai subacquei utilizzando rebreather o sistemi ombelicali.

Sentinel è progettato per fornire un accesso esteso alla maggior parte delle piattaforme continentali del mondo e all’intera zona epipelagica, il cui limite inferiore è il punto più profondo in cui la luce solare penetra nell’oceano – e che si stima contenga il 90% della vita marina.

Secondo DEEP, essere in grado di esplorare l’intera estensione di questa parte dell’oceano anziché limitarsi a “eseguire incursioni” dalla superficie rappresenta un cambiamento radicale nel modo in cui gli scienziati possono osservare, monitorare e comprendere gli oceani.

DEEP Sentinel galley (Impressione dell'artista / DEEP)
DEEP Sentinel galley (Impressione dell'artista / DEEP)

posizione campus

Parte del sistema DEEP sarà anche una gamma di sommergibili e altre attrezzature per l'immersione e la ricerca scientifica, supportate da prestazioni tecniche e umane formazione e programmi di qualificazione presso quello che diventerà il “DEEP Institute”. DEEP afferma che sta lavorando a stretto contatto con la società di classificazione della tecnologia subacquea DNV per stabilire congiuntamente “serie di regole dove, attualmente, non ne esistono”. 

Il DEEP Campus di Tidenham diventerà “una parte fondamentale dell’ecosistema regionale nel sud-ovest dell’Inghilterra, ospitando esercizi di sviluppo essenziali per DEEP e partner regionali, nazionali e internazionali”, afferma l’azienda.

La località è stata scelta come “base iniziale” di DEEP a causa del “gruppo unico di competenze rilevanti in ingegneria marina, immersioni, iperbariche e sommergibili e collegamenti con il più ampio settore della subacquea commerciale e tecnica del Regno Unito”.

Il sito del DEEP Campus, precedentemente NDAC (Peter Randall-Cook)
Il sito del DEEP Campus, precedentemente NDAC (Peter Randall-Cook)

Sfruttando le caratteristiche naturali della cava, il DEEP Campus sarà una struttura ad acqua controllata lunga 600 metri, larga 100 metri e profonda 80 metri per formazione, test e ricerche che dovrebbero essere aperti nelle prossime settimane, anche se non pienamente operativi prima del 2027.

Una volta completato, si prevede che il sito includerà officine e uffici, un garage sottomarino, un centro visitatori, alloggi e un tunnel di collegamento con un hotel nel vicino villaggio di Tintern, mentre l'area allagata conterrà zone controllate, che registreranno e monitoreranno l'autonomia dei veicoli e la piscina profonda.

Si dice che il team esistente di DEEP comprenda più di 100 esperti in ingegneria marina, architettura navale, scienza dei materiali e immersioni specializzate. Nel progetto sono coinvolti rappresentanti dei tecnici, della polizia, delle forze subacquee e delle forze speciali, nonché partecipanti al programma di salvataggio dei sottomarini della NATO. 

Fuori dal campo visivo

“Lontano dagli occhi e lontano dalla mente: non avere una migliore comprensione degli oceani non è più un’opzione”, ha affermato il presidente di DEEP Americas Sean Wolpert all’evento di lancio a Bristol. “DEEP sta uscendo dalla modalità invisibile ora, poiché dobbiamo accompagnare gli altri in questo viaggio. 

“Stiamo già parlando con potenziali partner internazionali e altri con una visione a lungo termine dei bisogni del pianeta, che riconoscono che il vantaggio per l’umanità nel preservare e gestire gli oceani è ora troppo grande per essere ignorato. 

Sistema completo DEEP (Impressione dell'artista / DEEP)
Sistema completo DEEP (impressione dell'artista / DEEP)

“Guardando ai temi legati alla nuova economia emergente dell’oceano/blu, sentiamo parlare di opportunità e soluzioni nella ricerca farmaceutica, nella cattura del carbonio, nei farmaci innovativi. Si tratta di come possiamo cooperare e iniziare a lavorare con gli oceani per le generazioni a venire. DEEP offre ai partner un modo per raggiungere questo obiettivo finora impossibile.”

Si prevede che università e altri gruppi di ricerca, professionisti dei media ed esploratori diventino partner, afferma l'azienda, e anche l'esplorazione spaziale è considerata un campo promettente.

"Abbiamo effettuato investimenti significativi in ​​processi di produzione avanzati e costruiremo uno degli impianti di fabbricazione leader a livello mondiale con metodi di produzione innovativi, che ridurranno gli sprechi, miglioreranno l'efficienza energetica, offriranno design su misura e ridurranno i tempi di produzione", ha promesso il presidente dei servizi globali Mike Shackleford . 

Camera da letto DEEP (Impressione dell'artista / DEEP)
Camera da letto DEEP (Impressione dell'artista / DEEP)

“Le strutture di DEEP ospitano già le nostre capacità di prototipazione e pre-produzione, nonché infrastrutture avanzate di test sui materiali che non si trovano altrove nel Regno Unito, e questo è solo l’inizio”. 

Divernet ha chiesto informazioni sulle fonti di finanziamento per il progetto, ma un rappresentante gli ha detto: "Non possiamo rilasciare facilmente i dati in questo momento a causa della riservatezza e della sensibilità commerciale, ma offriremo alcune indicazioni su questo argomento non appena saremo in grado di farlo COSÌ."

“Dobbiamo preservare gli oceani”, ha affermato il presidente di DEEP EMEA Steve Etherton. “Per fare ciò dobbiamo capirli… eppure questo ecosistema che sostiene la vita rimane sorprendentemente sconosciuto. 

“Attraverso la nostra tecnologia innovativa, DEEP consentirà agli scienziati di operare in profondità per lunghi periodi di tempo e speriamo, in qualche modo, contribuirà alla nostra comprensione di questo ambiente vivificante”. I subacquei interessati all'iniziativa sono invitati a seguirne l'avanzamento tramite IN PROFONDITÀ'S "Rete Acquan".

Anche su Divernet: Il sito di immersione nell'entroterra profondo NDAC chiude, Rimpicciolito ma dormendo meglio, il dottor Deep Sea riemerge, Cousteau più vicino alla “stazione spaziale sottomarina”

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Andrea Whittle
Andrea Whittle
7 mesi fa

Ottime notizie per l'occupazione locale.

Giada
Giada
7 mesi fa

Un rapimento nella vita reale?

Alex Doppio
Alex Doppio
7 mesi fa

Caro Steve, sembra un progetto molto interessante ed entusiasmante e dalle illustrazioni qualcosa che sembra davvero adatto al 2023! Naturalmente non è affatto una cosa nuova visto che Cousteau e i suoi esperimenti di vita sottomarina Conshelf sono stati fatti e rispolverati nel 1963! Nel 1969 sono stato coinvolto nell'insegnamento dell'immersione all'autore di Living Underwater. Farooq Hussain ha prodotto il libro pubblicato nel 1970 come suo studio principale presso l'Architects Association di Londra. Si trattava di una valutazione del design e della funzione degli esperimenti di vita sottomarina che erano stati condotti, comprese le prime abitazioni per il progetto American Man in the Sea che aveva molti degli obiettivi fissati dalla società che pianificava di costruire il DEEP Campus. . Farooq, che divenne un buon amico, era sempre deluso dal fallimento dei progetti e la sua visione dei progetti futuri era altrettanto pessimistica. Mi chiedo se i promotori di questo progetto abbiano davvero fatto il possibile per verificare quanto siano realizzabili tali piani. Forse al giorno d'oggi, con nuovi materiali e tecnologie, molti dei primi problemi saranno risolti e ci sarà una continua richiesta da parte dei settori scientifico e industriale di trarre vantaggio da tale struttura.

David
David
7 mesi fa

Spero che l'azienda fallisca. Quello era uno dei migliori centri di immersione nell'entroterra del Regno Unito, di cui non ne abbiamo molti.

SEGUICI SU

4
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x