Balene: minaccia di scioglimento dell’Artico ma promessa in Dominica

Balene grigie (Greg Schechter)
Balene grigie (Greg Schechter)

Le balene grigie hanno subito importanti oscillazioni demografiche a seguito del cambiamento delle condizioni artiche, ma solo ora gli scienziati hanno capito perché la popolazione del Pacifico settentrionale orientale si sta riducendo. 

Questa popolazione fu cacciata fino quasi all'estinzione prima della moratoria sulla caccia alle balene del 1986 e il suo recupero era stato visto come una storia di successo della conservazione, essendo avvenuto molto più velocemente di quello della maggior parte delle popolazioni di grandi balene. Attualmente conta circa 14,500 balene. 

Ogni estate le balene migrano 12,000 miglia a nord dalle acque messicane per nutrirsi nell'Artico. Gli scienziati ora credono che nei periodi in cui la popolazione cresceva, le balene dovevano competere più duramente per ridurre le risorse nelle loro zone di alimentazione, causando la morte dei più vulnerabili.

Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica degli Stati Uniti (NOAA) i ricercatori monitorano le balene grigie del Pacifico settentrionale orientale dagli anni '1960, rendendo la popolazione quella più studiata tra le grandi balene. La NOAA aveva dichiarato due insoliti “eventi di mortalità” tra le balene nel 1999 e nel 2019, quest’ultimo ancora in corso.

Violazione della balena grigia (pesca NOAA)
Violazione della balena grigia (pesca NOAA)

Ora un team del Marine Mammal Institute dell’Oregon State University (MMI) ha identificato una terza moria avvenuta negli anni '1980, in un periodo precedente alla registrazione regolare degli spiaggiamenti di balene.

Ciascuno dei tre eventi ha ridotto la popolazione fino al 25%, secondo il nuovo studio dell’MMI. Dopo le due morie degli anni ’80 e ’90 la popolazione si era rapidamente ripresa, ma solo perché in quelle occasioni le condizioni nell’Artico erano migliorate. 

Inizialmente la riduzione del ghiaccio marino estivo nell’Artico causata dai cambiamenti climatici aveva aumentato le opportunità di foraggiamento per le balene. Col passare del tempo, tuttavia, la biomassa delle loro prede anfipodi simili a gamberetti stava diminuendo. Gli anfipodi dipendono dalle alghe che cadono sul fondo dal ghiaccio marino, quindi sono suscettibili a qualsiasi riduzione della copertura di ghiaccio, mentre il loro habitat è influenzato anche dalle correnti più veloci che ne derivano.

Balene grigie che migrano verso sud tra le zone di alimentazione estiva nell'Artico e le lagune svernanti in Messico (NOAA Fisheries / SWFSC / MMTD)
Balene grigie che migrano a sud dall'Artico alle lagune svernanti in Messico (NOAA Fisheries / SWFSC / MMTD)

"Quando la disponibilità delle loro prede nell'Artico è bassa e le balene non possono raggiungere le aree di alimentazione a causa del ghiaccio marino, la popolazione di balene grigie subisce shock rapidi e gravi", afferma Joshua Stewart, assistente professore e autore principale dello studio. . 

“Si è scoperto che non sapevamo davvero come sarebbe una popolazione sana di misticeti quando non è pesantemente impoverita dagli impatti umani.

“La nostra ipotesi è stata generalmente che queste popolazioni in ripresa avrebbero colpito le loro capacità di carico ambientale e sarebbero rimaste più o meno stabili lì. Ma quello che stiamo vedendo è molto più un percorso accidentato in risposta a condizioni oceaniche altamente variabili e in rapido cambiamento”.

Josh Stewart
Giosuè Stewart

"Siamo in un territorio inesplorato ora", afferma Stewart. “I due eventi precedenti, pur essendo significativi e drammatici, sono durati solo un paio d’anni. L’evento di mortalità più recente è rallentato e ci sono segnali che le cose stanno cambiando, ma la popolazione ha continuato a diminuire. 

“Uno dei motivi per cui potrebbe trascinarsi è la componente del cambiamento climatico, che sta contribuendo a una tendenza a lungo termine di prede di qualità inferiore.

“Non direi che esiste il rischio di perdere le balene grigie a causa dei cambiamenti climatici, ma dobbiamo pensare in modo critico a cosa questi cambiamenti potrebbero significare in futuro. Un Oceano Artico che si è riscaldato in modo significativo potrebbe non essere in grado di sostenere 25,000 balene grigie come ha fatto nel recente passato”. I risultati sono pubblicato nella rivista Scienze.

La Dominica progetta una riserva di capodogli

Madre e cucciolo di capodoglio (Gabriel Barathieu)
Madre e cucciolo di capodoglio (Gabriel Barathieu)

L’isola caraibica di Dominica, dove le escursioni di osservazione delle balene sono state per lungo tempo il passatempo preferito dai subacquei in visita, ha dichiarato la sua intenzione di creare la prima riserva di capodogli al mondo.

Le navi di lunghezza superiore a 18 metri dovranno essere limitate a uno stretto corridoio all’interno di una zona protetta di 300 miglia quadrate a ovest dell’isola, e sarà consentita solo la pesca artigianale su piccola scala. Ai turisti sarà consentito interagire con le balene nell’acqua, ma solo in maniera limitata. 

L'iniziativa è stata annunciata dal primo ministro Roosevelt Skerrit il 13 novembre, anche se resta ancora da emanare la legislazione necessaria e da adottare misure di attuazione. 

Si ritiene che nell'area vivano circa 35-50 famiglie composte da un massimo di 250 capodogli e tendono a non viaggiare lontano. Lente a riprodursi, con le femmine che producono un singolo vitello ogni cinque-sette anni, le balene utilizzano l'area come luogo di alimentazione e di allevamento, ma gli urti con le navi e gli impigliamenti nelle reti hanno minacciato la popolazione.

Si sostiene che la mossa abbia anche un aspetto legato al cambiamento climatico perché, una volta che i capodogli tornano in superficie dopo aver consumato la preda dei calamari, le loro grandi quantità di feci ricche di sostanze nutritive incoraggiano la fioritura del plancton. Si dice che questi a loro volta intrappolano l'anidride carbonica, sequestrandola nelle profondità mentre il plancton muore.

Anche su Divernet: L’intestino della balena rivela il “tesoro” di 430 sterline che l’ha uccisa, Dalla balena all'uccello marino, viaggiano allo stesso modo, Tre grandi storie di balene, L’incontro troppo ravvicinato con la balena del subacqueo, Gli alianti rivelano le abitudini delle balene a colazione

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x