Il superpotere aiuta i delfini a individuare le prede sepolte

I delfini percepiscono i campi elettrici (Zoo di Norimberga / Dr. Tim Huttner)
I delfini percepiscono i campi elettrici (Zoo di Norimberga / Dr. Tim Huttner)

È stato osservato che i delfini tursiopi si nutrono di crateri, immergendosi in profondità nei fondali sabbiosi per recuperare prede nascoste.

Ora si pensa che, mentre usano la loro familiare capacità di ecolocalizzazione per individuare creature commestibili sepolte fino a 30 metri di profondità sotto la sabbia, una volta che il loro rostro e i loro occhi sono sepolti nei sedimenti, passano a usare un'abilità precedentemente sconosciuta per rilevare debolezze elettriche. campi. Ciò consente loro di concentrarsi con una precisione impressionante sulla loro preda invisibile. 

Entrambi tursiopi (Tursiops truncatus) e delfini della Guyana (Sotalia guianensis) sono ora noti per utilizzare a questo scopo una linea di fossette sensibili sui loro rostri che avrebbero tenuto i baffi quando erano appena nati. I baffi cadono man mano che crescono, lasciando dietro di sé le “fosse vibrissali” che fungono da sensori.

I ricercatori dell'Università di Rostock hanno lavorato con i delfini tursiopi Dolly e Donna in cattività allo zoo di Norimberga per scoprire esattamente quanto fossero sensibili questi elettrorecettori. 

DC / AC

Tutte le creature marine generano deboli correnti elettriche dirette (CC), così come impulsi alternati (CA) quando muovono parti del corpo, come le branchie durante la respirazione. I due delfini sono stati addestrati ad appoggiare i loro rostri contro una barra di metallo con elettrodi nell'acqua, e gradualmente hanno imparato a nuotare lontano da essa entro cinque secondi dal rilevamento di un campo elettrico, per guadagnare ricompense. 

La forza del campo si è ridotta progressivamente nel tempo. Entrambi i delfini si sono dimostrati accurati al 90% nel rilevare campi DC inferiori a 125 microvolt per centimetro. Il tasso di rilevamento di Dolly si è ridotto al 50% solo quando il segnale è sceso a 5.4 microvolt, mentre Donna ha continuato a rilevare segnali fino a 3 microvolt con una precisione dell’80%. Solo a 2 microvolt il suo tasso di successo è sceso al 3%.

Con le correnti CA, Dolly e Donna sono state in grado di captare segnali deboli rispettivamente di 28.9 e 11.7 microvolt. 

Quando i campi elettrici erano più deboli, Dolly è stata vista muovere il rostro come se cercasse la corrente, il che corrisponde a un comportamento comunemente osservato durante l'alimentazione dei crateri.

Sono necessari ulteriori esperimenti per dimostrare oltre ogni dubbio che i delfini usano i loro elettrorecettori per procurarsi il cibo e per aiutarsi a navigare sfruttando il campo magnetico terrestre.

Dr Tim Hüttner, biologo e assistente di ricerca presso l' zoo, è stato autore principale dello studio insieme al prof. Guido Dehnhardt, titolare della cattedra di ecologia sensoriale e cognitiva all'università. La loro ricerca è pubblicata in Journal of Experimental Biology.

Anche su Divernet: I delfini alzano la voce contro il frastuono umano, Come una balena melone è diventata un delfino tursiope, Delfini per Avatar: Cosa stava pensando JC?Il parco di Malta accusa i subacquei della morte dei delfiniI delfini sorvegliano le navi da guerra russe dai subacquei

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x