Le foche dagli anelli identificate come nuova specie

Foca dagli anelli Kangia (Istituto delle risorse naturali della Groenlandia)
Foca dagli anelli Kangia (Istituto delle risorse naturali della Groenlandia)

Una nuova specie di foca dagli anelli chiamata Kangia è stata descritta nella Groenlandia occidentale, secondo uno studio collaborativo internazionale condotto dalla Finlandia Università di Helsinki.

Le foche sono state trovate vive nel fiordo ghiacciato di Ilulissat, sito patrimonio mondiale dell'UNESCO. L’ecosistema marino artico rimane tra le poche acque scientificamente inesplorate, afferma il gruppo di ricerca, preoccupato che attualmente si stia riscaldando a ritmi ben superiori alla media globale.

Le foche di Ilulissat sembrano diverse dalle altre foche dagli anelli, dice il team multidisciplinare, essendo molto più grandi e con una colorazione e un disegno del mantello molto particolari. Li chiamano i cacciatori locali, che da generazioni conoscevano la loro peculiarità Kangiat (quelli di Kangia).

Le foche sono state ora sottoposte al sequenziamento del genoma e alla “tagging” telemetrico, nonché a indagini aeree che hanno rivelato che solo poche migliaia di animali rimangono all’interno del fiordo ghiacciato, vivendo ad alta densità. Altre foche dagli anelli dell'Artico tendono ad esistere in popolazioni più numerose e ad essere più mobili, foraggiando stagionalmente per migliaia di chilometri.

Il fiordo ghiacciato di Ilulissat ospita la foca dagli anelli Kangia (Jens Bludau)
Fiordo ghiacciato di Ilulissat (Jens Bludau)

L’analisi genomica, condotta da Ari Löytynoja dell’Istituto di biotecnologia dell’università, ha indicato che le foche Kangia erano state isolate da altre specie di foche dagli anelli per più di 100,000 anni.

“Durante quel periodo, alcuni geni e regioni genomiche delle foche dagli anelli del Kangia si sono evoluti e hanno conferito alle foche la colorazione unica del mantello, dimensioni corporee più grandi e adattamenti al loro speciale habitat nei fiordi”, afferma Löytynoja.

“Sebbene gli adattamenti si adattino alla minore concentrazione di sale nel fiordo ghiacciato, non è chiaro come e dove le foche Kangia siano state isolate e abbiano acquisito le loro caratteristiche biologiche uniche”.

Poiché Ilulissat è solo uno dei tanti fiordi artici, la scoperta delle foche dagli anelli del Kangia potrebbe essere semplicemente “la punta dell’iceberg”, afferma il team. Tuttavia, a causa della natura “nascosta” dell’ecosistema artico, i modi migliori per gestire e conservare la fauna selvatica e le risorse naturali rimangono incerti.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Ecologia molecolare.

Anche su Divernet: LARGA e un paio di pinne rosa, "La mia immersione nell'Artico con il principe Carlo", I subacquei trovano il primo pesce fluo artico, Immergersi tra gli iceberg della Groenlandia

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x