I subacquei registrano lo squalo mentre ricresce la pinna dorsale

Lo squalo seta nel 2023 con la pinna guarita. I ganci su entrambi i lati della mascella mostrano che è stato catturato e rilasciato più volte (John Moore)
Lo squalo seta nel 2023 con la pinna guarita. I ganci su entrambi i lati della mascella mostrano che è stato catturato e rilasciato più volte (John Moore)

Le immagini subacquee "allora" e "adesso" scattate dai subacquei hanno confermato un drammatico caso di rigenerazione dei tessuti in uno squalo seta, la cui pinna dorsale era stata mutilata quasi un anno prima che tornasse a Giove, in Florida.

Nel luglio 2022, il fotografo subacqueo Josh Schellenberg aveva catturato le immagini dello squalo maschio adulto e aveva notato il ritaglio dalla forma insolita nella sua pinna dorsale. Il sub era a conoscenza di uno studio condotto nell'area dall'Università di Miami che aveva coinvolto la marcatura satellitare di diversi squali seta alcune settimane prima, quindi ha inviato le sue foto al team di ricerca sugli squali. 

"La rigenerazione dei tessuti e la guarigione delle ferite rimangono estremamente poco studiate negli elasmobranchi, poiché molte ferite vengono registrate attraverso osservazioni opportunistiche una tantum, con l'incapacità di monitorare gli individui a lungo termine", afferma la scienziata marina Chelsea Black, che aveva guidato l'etichettatura originale e il cui studio è stato ora pubblicato.

Chelsea Black ha guidato l'originale spedizione di tagging satellitare degli squali seta con un team dell'Università di Miami nel giugno 2022 (Tanner Mansell)
Chelsea Black (al centro) ha guidato una spedizione di tagging satellitare nel giugno 2022 (Tanner Mansell)

La forma ritagliata della pinna dorsale corrispondeva alle dimensioni dell'etichetta e la sua precisione e il suo disegno suggerivano che fosse stato utilizzato uno strumento affilato. Più di un quinto della pinna era stato rimosso.

"Gli squali seta vengono comunemente catturati dai pescatori ricreativi in ​​questa zona durante i mesi estivi, ma è illegale trattenerli, il che aumenta la probabilità che questo squalo possa essere stato catturato durante una battuta di pesca e che l'etichetta sia stata rimossa opportunisticamente", dice Black, ma perché qualcuno dovrebbe farlo? farlo non è chiaro. 

Il primo avvistamento dello squalo seta nel luglio 2022, con una ferita traumatica alla pinna dorsale in seguito alla rimozione di un'etichetta satellitare (Josh Schellenberg)
Primo avvistamento dello squalo seta nel luglio 2022, che mostra la ferita alla pinna dorsale (Josh Schellenberg)

Lo squalo non è stato più avvistato nel corso del 2022, avendo presumibilmente continuato la sua migrazione stagionale, ma lo scorso giugno era tornato su Giove. Un certo numero di subacquei lo fotografarono, tra cui Schellenberg e un certo John Moore, che trasmisero le loro immagini a Black. 

Sebbene la pinna dorsale del Silky ora sembrasse quasi intatta, poteva dire non solo dal numero dell'etichetta ma anche dalla colorazione dell'area riparata che si trattava dello stesso esemplare.

Lo stesso squalo avvistato nuovamente nel giugno 2023 con la pinna guarita (Josh Schellenberg)
Lo stesso squalo avvistato di nuovo nel giugno 2023 – con la pinna guarita (Josh Schellenberg)

"Ciò ha fornito un'opportunità unica per indagare su come lo squalo si è ripreso da una grande ferita attraverso prove fotografiche in un periodo noto - e calcolare i tassi di guarigione per la prima volta in questa specie", afferma Black. Undici mesi dopo la registrazione della lesione, la pinna appena modellata era già guarita all'87% delle sue dimensioni originali, comportando una rigenerazione dei tessuti del 10.7% dell'area della pinna.

Si è calcolato che la ferita iniziale si fosse chiusa completamente entro 42 giorni, in linea con i tassi di guarigione noti degli elasmobranchi.

Tale prova di una rapida rigenerazione dei tessuti era raramente disponibile prima. Era stata documentata solo una precedente rigenerazione della pinna dorsale, in uno squalo balena che aveva perso la parte superiore della pinna ma l'aveva ricresciuta completamente entro cinque anni. Recuperi impressionanti dalle lacerazioni sono stati osservati anche in varie specie di squali e nelle mante della barriera corallina. 

Base per la crescita

"C'era abbastanza pinna rimanente da fondere insieme, e questo potrebbe servire come base per la crescita continua che verrebbe a mancare in un'amputazione completa della pinna", dice Black. 

"È possibile che la ricrescita delle pinne di questo squalo setoso sia priva dei raggi cartilaginei e comprenda solo tessuto cicatrizzato e dentelli dermici", riconosce, aggiungendo poi che lo studio sottolinea l'importanza di ulteriori ricerche per capire come gli squali rispondono ai lesioni traumatiche di fronte alle crescenti sfide ambientali.

Il cambio della pinna dorsale dal 2022 al 2023. (Josh Schellenberg e John Moore)
Il cambiamento della pinna dorsale dal 2022 al 2023 (Josh Schellenberg e John Moore)

“Mentre questa lesione ha fornito il primo record di rigenerazione delle pinne negli squali seta, i dati raccolti dall’etichetta satellitare avrebbero potuto fornire dati per proteggere e conservare meglio un’intera specie”, sottolinea Black.

“Questo studio esemplifica il potere della collaborazione tra ricercatori e pubblico, compresi fotografi e subacquei, per ampliare la portata degli studi di ricerca e colmare il divario tra scienza e società”.

Black attualmente lavora come funzionario scientifico presso un ente che riutilizza le barche degli squali per il turismo, Progetto Hiu a Lombok, in Indonesia, e il suo studio sulla rigenerazione dei tessuti è stato pubblicato su Giornale di scienze marine.

Anche su Divernet: Testa di lumaca con vita propria, Non ho un corpo: perché le stelle marine sono solo teste striscianti, I subacquei catturano gli squali grigi del reef mentre sonnecchiano, Uno studio approfondito rivela profondità sorprendenti delle immersioni con gli squali, Squali: più vecchi degli alberi su YouTube

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x