Come le uova finte potrebbero aumentare la sopravvivenza delle tartarughe

Senso della tartaruga
Piccoli di tartaruga marina si dirigono verso il mare (US Fish & Wildlife Service)

Un team statunitense ha sviluppato un’idea brillante che potrebbe risparmiare la vita a innumerevoli tartarughe marine che altrimenti non raggiungerebbero mai la maturità.

La neuroscienziata dello sviluppo Erin Clabough, professoressa di psicologia dell'Università della Virginia, ha visto per caso un nido di tartarughe recintato dal National Park Service su una spiaggia sull'isola di Hatteras, nella Carolina del Nord. Ha detto a un passante che sarebbe stato utile sapere esattamente quando le tartarughe si sarebbero schiuse - e si è scoperto che si trattava di Eric Kaplan, fondatore di Centro oceanico dell'isola di Hatteras e già impegnato nel tentativo di risolvere quel problema.

Le tartarughe femmine vengono a riva alcune volte ogni estate per deporre le uova. Sepolti sotto la sabbia, incubano per diverse settimane prima che i piccoli emergano, di solito come un enorme gruppo di fratelli, e si dirigano verso il mare.

Tartaruga verde – una delle fortunate che è arrivata alla maturità
Tartaruga verde – una delle fortunate che è arrivata alla maturità

Tutte e sei le specie di tartarughe marine trovate negli Stati Uniti sono protette a livello federale, ma per raggiungere l'acqua i piccoli devono evitare i detriti della spiaggia, gli uccelli predatori e i granchi, e sono facilmente disorientati dall'inquinamento luminoso delle abitazioni. Gli esseri umani possono salvaguardare il passaggio delle tartarughe solo se sanno quando emergeranno – e prevederlo con precisione non è mai stato facile.

Le ipotesi si basano sul tempo trascorso da quando è stato deposto un nido, con i volontari che devono essere disponibili per monitorare quel nido durante finestre temporali che potrebbero durare due settimane. Ad aumentare la difficoltà c’è il fatto che si pensa che le tartarughe utilizzino i segnali di temperatura per cronometrare la loro emergenza sotto copertura notturna.

Clabough e Kaplan hanno unito le forze con gli ingegneri in pensione David Hermeyer e Samuel Wantman, l'inventore Thomas Zimmerman e lo studente di veterinaria Joshua Chamberlin per ideare quello che descrivono come un "modo nuovo ed economico per monitorare l'attività dei nidi di tartaruga da remoto". 

Il loro monitor TurtleSense è costituito da un accelerometro, utilizzato per misurare le vibrazioni, collegato a un microprocessore su un minuscolo circuito e incorporato in una palla di plastica delle dimensioni di un uovo di tartaruga. Posizionato sotto le uova superiori in un nido, il sensore rileva qualsiasi attività di movimento o vibrazione che indichi l'emergenza. 

L’uovo del sensore ha le dimensioni di una pallina da ping-pong (Thomas Zimmerman)
L’uovo del sensore ha le dimensioni di una pallina da ping-pong (Thomas Zimmerman)

I monitori sono stati testati durante le stagioni di nidificazione 2013-18 vicino al punto più settentrionale della costa orientale degli Stati Uniti, dove gli esemplari depongono le uova, spesso su spiagge affollate. Sono stati sepolti in 74 nidi la mattina dopo la deposizione delle uova, con cavi di 4 metri che li collegavano a una piccola torre di comunicazione. Questo trasmetteva i dati di movimento alle torri dei telefoni cellulari in modo che il team potesse monitorare l'attività del nido da remoto.

La scheda delle comunicazioni: tutte le istruzioni sono open source (Samuel Wantman)
La scheda delle comunicazioni: le istruzioni di produzione sono open source (Samuel Wantman)

"La nostra ricerca indica che le vibrazioni o il movimento possono svolgere un ruolo importante nella comunicazione tra fratelli e tartarughe marine e nei tempi dell'emergenza, anche se non comprendiamo completamente come ciò avvenga", afferma Clabough. “Quando la temperatura è giusta e l’attività motoria cessa, crediamo che questo rilassamento finale possa segnalare alle piccole tartarughe che tutti i loro fratelli si sono schiusi ed è ora di lasciare il nido”.

I test TurtleSense suggeriscono che le tartarughe si schiudono a ondate, si calmano e poi si muovono insieme, apparentemente in sincronia. I dati ottenuti hanno permesso di prevedere quando un nido di tartarughe effettuerà il tentativo di fuga.

"Una volta iniziata la schiusa, stimiamo che i piccoli emergeranno dal nido in media 3.7 giorni dopo", afferma Clabough. "Una volta terminata la schiusa, possiamo rivedere questa data di previsione, restringendo la finestra."

Le tartarughe nei nidi profondi in genere emergono due notti dopo il completamento della schiusa, anche se nei nidi meno profondi possono emergere entro una notte. Il sistema rileva i nidi sterili in cui l'attività di schiusa è assente, consentendo agli osservatori di concentrarsi altrove e può aiutare a tempizzare le misure protettive come spegnere le luci vicino all'acqua, afferma Claybough.

Le istruzioni per realizzare sensori e torri di comunicazione sono open source e disponibili online at Nerd senza frontiere, mentre lo studio degli sviluppatori è appena stato pubblicato su Plos One.

Anche su Divernet: La tartaruga che sostiene il mondo, La navigazione delle tartarughe è “relativamente rozza”, La vita cerca le tartarughe in via di estinzione, Tartarughe Di Raja Ampat

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x