I subacquei dell'uragano sono morti - e un altro incidente a bordo di una crociera

Uragano in fiamme (Fawzy Tameir)
Uragano in fiamme (Fawzy Tameir)

I tre subacquei britannici rimasti dispersi quando l'incendio si è diffuso rapidamente attraverso la nave da crociera del Mar Rosso uragano ieri (11 giugno) sono stati dichiarati morti. 

I tre avevano deciso di non prendere parte ad un'immersione mattutina a Elphinstone Reef, quindi mentre gli altri 12 subacquei britannici del gruppo venivano informati sul ponte intorno alle 6.30:XNUMX, ben posizionati per evacuare la nave quando scoppiò l'incendio , gli altri erano ancora sottocoperta, probabilmente nelle loro cabine.

In un aggiornamento sulle conseguenze dell'incendio, il tour operator Scuba Travel, che ha rappresentato il vincitore del premio uragano nel Regno Unito dal 2001, afferma che il Foreign & Commonwealth Office (FCO) ha ora contattato le famiglie dei subacquei deceduti, i cui nomi devono ancora essere nominati.

“La gravità dell’incendio ha fatto sì che i 12 subacquei siano stati immediatamente evacuati con un gommone su un’altra imbarcazione vicina e anche i 14 membri dell’equipaggio, compreso il capitano e due guide subacquee, dopo aver tentato di raggiungere gli ospiti dispersi, hanno dovuto abbandonare la nave e sono stati salvati dal RIB", afferma Scuba Travel.

“È con grande rammarico che noi, come tour operator, con il cuore pesante, dobbiamo accettare tre dei nostri stimati ospiti subacquei. che non aveva partecipato al briefing sull'immersione, la mattina presto dell'11 giugno, perì nel tragico incidente. Le nostre più sincere e sentite condoglianze vanno alle loro famiglie e ai loro amici in questo momento molto triste”.

Dopo l'incendio

Gli altri 12 ospiti sono stati portati a terra a Marsa Shagra, dove hanno ricevuto tutte le cure mediche necessarie e hanno rilasciato dichiarazioni alla polizia locale. Senza effetti personali, sono stati trasferiti in un hotel a Hurghada dove un rappresentante di Scuba Travel li ha assistiti nell'acquisto di vestiti, effetti personali e, ove possibile, telefoni cellulari.

Si dice che l'FCO e il consolato del Cairo stiano facendo tutto il possibile per organizzare documenti di viaggio di emergenza per gli ospiti che desiderano tornare nel Regno Unito, e le autorità locali e la polizia avrebbero indagato sulle cause dell'incendio. uragano doveva essere rimorchiato in porto una volta sufficientemente raffreddato per entrare.

Scuba Travel lo ha sottolineato nei suoi 22 anni di associazione con uragano il record di sicurezza della crociera era stato "eccellente". La sua popolarità tra i subacquei britannici è stata sottolineata da questo tuffatore i lettori della rivista l'avevano votata Liveaboard of the Year per tutti e quattro gli anni precedenti la pandemia di Covid.

AGGIORNAMENTO: Le tre vittime dell'incendio sono state nominate Christina Quinn, 58 anni, amministratore delegato del St Luke's Hospice, Plymouth, dopo una lunga carriera nel servizio sanitario nazionale; Stephen Hill; e Paolo Darling.

New Dream colpisce la barriera corallina

Sulla scia del uragano tragedia, è emerso che un altro grave incidente su un'imbarcazione da safari si era verificato nella stessa parte del Mar Rosso solo quattro giorni prima.

La crociera Nuovo sogno, precedentemente Orion, della Mirage Marine Fleet con sede a Hurghada, stava viaggiando di notte quando colpì una barriera corallina, spaccandone lo scafo, imbarcando acqua e immergendosi fino al livello del ponte superiore.

Secondo quanto riferito, la nave da crociera di 38 metri aveva portato a bordo a Marsa Alam uno di un gruppo di 26 subacquei polacchi con sospetta malattia da decompressione, sebbene si trovassero ancora tre ore a sud del porto quando l'incidente si è verificato intorno all'una di notte. 

La crociera da crociera New Dream
Il nuovo sogno (flotta Mirage Marine)

Non è chiaro se le autorità del Mar Rosso fossero state informate delle condizioni del subacqueo o, successivamente, della collisione con la barriera corallina, ma non ci sono segnalazioni di una chiamata di soccorso effettuata.

Senza tempo per raccogliere i propri effetti personali, i subacquei insieme a otto membri dell'equipaggio e due guide sono saliti sui due tender della crociera, aspettando circa quattro ore vicino alla Nuovo sogno affinché gli aiuti arrivino.

Sono stati recuperati alle prime luci dell'alba dai soccorritori di un'altra nave da crociera subacquea chiamata Godere. Si stava preparando a portare i suoi ospiti per un'immersione mattutina quando il suo equipaggio ha avvistato il Nuovo sogno luci degli sfollati.

Non sono stati segnalati feriti gravi tra le persone soccorse, inclusa la persona con sospetta MDD Godere li riportò a Marsa Alam. "Stiamo ancora aspettando che le autorità finiscano le indagini, in modo da poter avere una versione completa del rapporto sull'incidente", ha detto la Camera egiziana delle immersioni e degli sport acquatici (CDWS). Divernet.

Azione legale su Carlton Queen

Negli ultimi due mesi è stata una primavera triste per le crociere subacquee nel Mar Rosso. Passeggeri che in molti casi hanno avuto la fortuna di fuggire dalla nave da crociera capovolta del Mar Rosso Carlton Queen, in un incidente descritto in dettaglio on Divernet il mese scorso, stanno pianificando di intraprendere un'azione legale contro i proprietari per aver trasportato ospiti paganti su una nave che ritengono non idonea alla navigazione.

La barca era alla sua seconda uscita da quando erano stati effettuati i lavori per ampliarla e, secondo quanto riferito, era inclinata anche prima della partenza. Lo ha detto Carlton Fleet Divernet: “Stiamo collaborando con le autorità egiziane per determinare la causa dell’incidente e invitiamo tutti gli interessati ad attendere il risultato delle indagini in modo da poter determinare i passi successivi”.

La Carlton Queen (Carlton Fleet Mar Rosso)
La Carlton Queen (Carlton Fleet Mar Rosso)

Ma su un Pagina GoFundMe organizzato dagli ospiti tedeschi Dominic e Zoe Josephine Schmitt, affermano che durante l'incidente avevano lottato con le attrezzature di sicurezza e i protocolli a bordo. “C'erano zattere di salvataggio che non funzionavano o andavano subito alla deriva con la corrente, razzi che non sparavano, un equipaggio non addestrato e un capitano che fu uno dei primi a lasciare la barca, preoccupato esclusivamente di salvarsi la vita, ” sostengono.

"Circa sei subacquei sono rimasti intrappolati nel relitto che affondava per circa 30 minuti, altri sono caduti dalla barca durante l'incidente e alcuni sono rimasti paralizzati per lo shock." Affermano inoltre che gli ospiti sono stati lasciati soli ad affrontare le conseguenze dell'incidente e affermano di essere stati, senza successo, "minacciati, mentiti e costretti a fornire false informazioni alle autorità" da parte dei rappresentanti dell'operatore.

La raccolta fondi serve a coprire i costi di sostituzione dell'attrezzatura per i professionisti subacquei del loro gruppo di ospiti che avevano perso la propria; finanziare cure mediche non coperte da assicurazione; ma anche “per ottenere il supporto legale dobbiamo ritenere responsabili gli organizzatori e assicurarci che nessuno debba mai sperimentare ciò che abbiamo passato e ciò che col senno di poi si sarebbe potuto evitare”. I subacquei hanno raccolto finora circa 5,000 dei 15,000 euro richiesti.

Anche su Divernet: Incendio a bordo dell'uragano: 3 subacquei britannici dispersi, La crociera sul Mar Rosso affonda ad Abu Nuhas

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x