Subacqueo risucchiato nella diga: l'operatore si sistema

Veduta della diga del lago Oliver (OSHA / Butler Kahn)
Veduta della diga del lago Oliver (OSHA / Butler Kahn)

È stata raggiunta una soluzione extragiudiziale nel caso di un sub americano morto dopo che il suo braccio era stato risucchiato in un tubo sottomarino ad alta pressione su una diga idroelettrica della Georgia tre anni fa.

Nonostante il gestore della diga avesse assicurato che tutto il necessario per il lavoro del subacqueo era stato spento, una valvola della tubazione era rimasta aperta.

Alex Reed Paxton, 31 anni, un subacqueo commerciale con più di 10 anni di esperienza, stava verificando sospetti danni a una catena presso la diga del lago Oliver il 27 ottobre 2020. 

L'apertura attraverso la quale Paxton discese prima che il suo braccio venisse risucchiato in un tubo (OSHA / Butler Kahn)
L'apertura attraverso la quale è disceso Paxton (OSHA / Butler Kahn)
Guardando dall'interno della diga dove Paxton si è tuffato (OSHA / Butler Kahn)
Guardando dall'alto verso l'interno della diga (OSHA / Butler Kahn)

Il tubo risucchiava il braccio sinistro di Paxton con una forza così grande che non era più in grado di gonfiare il torace con la riserva d'aria. Avrebbe perso conoscenza e sarebbe morto di “asfissia meccanica” in pochi minuti.

Il corpo del subacqueo non poteva essere rilasciato finché i dipendenti della diga non fossero riusciti a localizzare e chiudere la valvola, operazione che ha richiesto circa 30 minuti.

Riprese della telecamera dal casco di Alex Paxton

La diga del lago Oliver alimenta quattro turbine idroelettriche per regolare il flusso del fiume Chattahoochee vicino alla città di Columbus. Il rapporto originale sulla morte di Paxton da parte dell’OSHA (Occupational Safety & Health Administration) degli Stati Uniti era stato pesantemente oscurato, perché il proprietario-gestore della diga, Georgia Power, aveva affermato la necessità di riservatezza a causa del pericolo di sabotaggio delle infrastrutture critiche.

Tuttavia, quando i genitori di Paxton decisero di intentare un'azione civile contro Georgia Power per la morte del figlio, emersero nuove prove mentre i dipendenti della diga venivano interrogati dal team legale.

Violazione LOTO

"Prima di consentire a chiunque di tuffarsi nell'acqua all'interno della diga, la Georgia Power avrebbe dovuto chiudere tutte le valvole in modo che l'acqua non passasse attraverso la diga", ha dichiarato Jeb Butler di Maggiordomo Kahn, lo studio legale incaricato di rappresentare i genitori di Paxton. “Georgia Power non ha fatto questo – invece, Georgia Power ha lasciato una valvola aperta”.

L'operatore aveva ammesso di aver violato le proprie procedure di "lockout-tagout" o LOTO, in base alle quali "tutte le potenziali fonti di energia pericolosa dovrebbero essere chiuse, bloccate ed etichettate", ha affermato Butler. 

Prima dell'immersione, l'operatore aveva tenuto una riunione di sicurezza durante la quale il suo staff informava il team di immersione che tutte le procedure LOTO erano state completate, mostrando loro la documentazione scritta a tal fine.

"C'erano due valvole nell'area di immersione che, se lasciate aperte, potevano creare una 'pressione differenziale' che poteva mettere in pericolo il subacqueo", ha affermato Butler. Queste due valvole di adescamento consentivano all'acqua del lago di entrare in un grande tubo che alimentava l'acqua nella turbina.

Il team era stato informato di una di queste, una valvola del “tipo a cerniera”, ma l’altra, una valvola del tipo a saracinesca chiusa con una rotella, era stata omessa dal modulo LOTO (in basso a sinistra). Si è scoperto che era incluso nei moduli LOTO dopo la morte (in basso a destra).

Il supervisore subacqueo di Paxton testimoniò che se avesse saputo dell'ultima valvola avrebbe verificato che fosse chiusa prima di permettere a Paxton di entrare in acqua, e Georgia Power in seguito ammise che avrebbe dovuto rivelarne l'esistenza, secondo Butler. 

Il team di immersione aveva controllato le assicurazioni di Georgia Power utilizzando un flussometro nell'area di immersione, ma questo aveva indicato che sembrava sicuro immergersi. 

Georgia Power aveva negato che fosse disponibile un diagramma che mostrava la valvola a saracinesca, ma era riuscita a trovarne uno dopo la morte di Paxton. Butler ha affermato che documenti interni hanno rivelato il riconoscimento da parte della Georgia Power dei gravi errori commessi dai suoi dipendenti in relazione alla morte di Paxton.  

Il dottor Ross Saxon, un esperto di sicurezza per le immersioni commerciali, ha testimoniato che Paxton aveva agito in modo ragionevole. Georgia Power aveva assunto un esperto testimoniante che aveva tentato di incolpare la squadra di sub per non aver scoperto la seconda valvola prima dell'immersione di Paxton, ma "nessun esperto ha difeso le azioni di Georgia Power", secondo Butler.

Le parti hanno deciso di partecipare alla mediazione e, dopo “diversi giorni di negoziazione”, hanno raggiunto un accordo segreto. Dettagli completi da Maggiordomo Kahn.

Anche su Divernet: 4 subacquei muoiono dopo essere stati risucchiati nel tubo, La causa per la morte di Mills è stata risolta – ma seguirà un procedimento penale?, Operatore di immersioni con gli squali intenta cause per diffamazione contro i clienti, Freediver fa causa a Netflix per il film No Limit, Barca ha lasciato una coppia in mare: una causa da 5 milioni di dollari attribuisce la colpa a un conteggio errato dei dipendenti

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x