Decesso a Cipro nominato + morte nelle Filippine

L'istruttore subacqueo Dennis Reid viveva nella parte orientale di Cipro
Istruttore subacqueo Dennis Reid

Il subacqueo morto dopo essere scomparso sul relitto della Zenobia a Cipro il 26 ottobre è stato nominato Dennis Reid, 66 anni, espatriato britannico, un esperto istruttore subacqueo.

Ex ispettore di polizia di Belfast, Reid e sua moglie Olecea si erano trasferiti nell'isola del Mediterraneo orientale nel 2008. Vivevano a Paralimini e gestivano una scuola di immersioni vicino a Protaras chiamata Scuba Den (ex DGR Diving). 

Reid non era riuscito a emergere a seguito di un'immersione in penetrazione, e il scoperta del suo corpo in quella che è stata descritta come la parte meno visitata del relitto del traghetto lungo 172 metri, è stato segnalato Divernet il 27 ottobre.

I Zenobia era stato chiuso ai subacquei ricreativi mentre le squadre di sub professionisti perlustravano il relitto e veniva condotta un'operazione di ricerca aerea e marittima su un'area più ampia. 

Coordinatore della ricerca Andreas Charalambides dell'isola Centro congiunto di coordinamento dei soccorsi aveva affermato che Reid avrebbe potuto disorientarsi e finire nella parte del relitto dove è stato ritrovato per sbaglio.

Ha anche suggerito che potrebbe essere necessario vietare ai subacquei di visitare alcune aree dell'oceano Zenobia in futuro.

Snorkeller era "troppo sicuro di sé"

Nel frattempo uno snorkeler spagnolo è morto in una delle destinazioni subacquee più popolari delle Filippine, Moalboal, nel sud dell’isola di Cebu.

Jorge Oliva, 26 anni, è stato trovato sul fondo del mare a una profondità di 14 metri alle 3:27 del XNUMX ottobre, secondo la polizia di Moalboal. Era arrivato nella località balneare di Basdiot tre giorni prima, aveva prenotato un alloggio e il giorno successivo aveva noleggiato l'attrezzatura per lo snorkeling e una fotocamera GoPro da un negozio di immersione locale.

Il proprietario del negozio aveva consigliato a Oliva di andare in mare con una guida ma si dice che abbia ignorato il consiglio ed sia uscito da solo.

Il proprietario e l'affittuario si erano preoccupati quando Oliva non era tornata quella sera e ne avevano denunciato la scomparsa la mattina successiva (26 ottobre). La guardia costiera filippina ha organizzato un'operazione di ricerca e salvataggio, con subacquei espatriati nella zona che si sono offerti volontari per aiutare.

Secondo la polizia non c'erano circostanze sospette attorno all'incidente mortale. Un portavoce ha dichiarato che Oliva era troppo sicuro delle sue capacità e si pensava che fosse gravemente colpito da crampi.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x