Gli apneisti sconfiggono le foche nelle immersioni profonde

Eric Mulder, Università della Svezia centrale.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Secondo una nuova ricerca condotta presso l’Università di St Andrews, gli apneisti d’élite che si immergono senza aiuto in mare aperto hanno livelli di ossigeno nel cervello addirittura inferiori a quelli delle foche durante le loro immersioni più profonde.

I subacquei testati hanno raggiunto una profondità di 107 metri e le misurazioni hanno evidenziato livelli di ossigeno nel cervello che normalmente dovrebbero indurre perdita di coscienza e frequenze cardiache basse quanto quelle di foche, balene e delfini mentre erano in acqua.

Leggi anche: Gli elefanti marini si tuffano addormentati e l'enigma della morte del riccio è risolto

Le nuove scoperte aiuteranno gli scienziati a comprendere la fisiologia dei mammiferi marini e a cercare nuovi modi per curare i pazienti cardiaci umani, nonché ad aumentare la sicurezza degli apneisti, afferma l'università.

Comprendere come gli apneisti si condizionano a tollerare periodi di ossigeno estremamente basso e l’apporto di ossigeno al cervello potrebbe aiutare a sviluppare pre-trattamenti per aumentare la protezione del cervello e del cuore durante le procedure di chirurgia cardiaca. Potrebbe anche aiutare con le terapie da applicare dopo un infarto.

"Prima d'ora, comprendere gli effetti sul cervello e sul sistema cardiovascolare di questi eccezionali subacquei durante immersioni così profonde, e fino a che punto questi esseri umani spingono i loro corpi, non era possibile, poiché tutte le ricerche venivano effettuate durante immersioni simulate in laboratorio", ha affermato il progetto. leader Prof Erika Schagatay della Mid Sweden University, che ha studiato l'apnea per tre decenni.

“Il subacqueo può raggiungere un punto in cui si verifica un black-out ipossico e quindi necessita di essere salvato. Uno degli scopi principali della ricerca è avvisare il subacqueo e il personale di sicurezza di un imminente black-out”. Ciò verrebbe ottenuto utilizzando un dispositivo biomedico indossabile appositamente sviluppato.

Il team afferma di aver creato per la loro ricerca un dispositivo che funziona in modo simile a uno smartwatch, utilizzando i LED che toccano la pelle degli apneisti per misurare la frequenza cardiaca, il volume del sangue e i livelli di ossigeno nel cervello.

È stato sviluppato da un dispositivo esistente che utilizza la spettroscopia nel vicino infrarosso o NIRS sviluppato dai collaboratori olandesi Artinis Medical Systems ma modificato per resistere alla pressione estrema delle immersioni profonde in acque libere.

"I subacquei hanno mostrato risposte fisiologiche eccezionali durante le loro immersioni", ha affermato il ricercatore capo Dr Chris McKnight della Sea Mammal Research Unit di St Andrews.

“Abbiamo misurato la frequenza cardiaca fino a 11 battiti al minuto e i livelli di ossigenazione del sangue, che normalmente sono ossigenati al 98%, scendono al 25%, che è ben oltre il punto del 50% in cui ci aspettiamo che le persone perdano conoscenza, ed equivalente a alcuni dei valori più bassi misurati in cima al Monte Everest

"Al di là delle eccezionali risposte fisiologiche che gli apneisti mostrano e degli estremi che possono tollerare, possono essere un gruppo fisiologico molto istruttivo", ha affermato il dottor McKnight. “Il nostro strumento ora ci consente di studiare risposte fisiologiche uniche mentre questi incredibili atleti eseguono le loro massime prestazioni”.

Interrogato da Divernet, il team ha affermato che per ora il dispositivo indossabile è destinato solo a scopi di ricerca, ma che in futuro "si potrebbe pensare alla fattibilità commerciale e all'integrazione negli orologi subacquei per migliorare e monitorare le prestazioni".

Allo studio hanno collaborato anche la Carnegie Mellon University e l’Università di Tokyo. che è pubblicato in Philosophical Transactions della Royal Society B.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x