I subacquei individuano la più grande scorta di droga subacquea del Regno Unito

I quattro sacchetti pieni di cocaina (Agenzia Nazionale Anticrimine)
I quattro sacchetti pieni di cocaina (Agenzia Nazionale Anticrimine)

I sommozzatori della polizia hanno trovato e recuperato una partita di cocaina di 137 kg, per un valore stimato di oltre 10 milioni di sterline, nascosta nelle profondità dello scafo di una nave nel porto di Sheerness nel Kent. 

La scoperta è solo il secondo caso di un importante occultamento sottomarino di droga di classe A sequestrata al largo delle coste del Regno Unito, ma con una quantità di cocaina ritrovata tre volte superiore rispetto alla prima occasione, a Bristol nel novembre 2021.

Una nave portacontainer registrata a Panama che trasportava un carico di banane aveva attraccato a Sheerness mentre era in viaggio da Panama ai Paesi Bassi, e il 14 ottobre i sommozzatori furono inviati per indagare sul suo scafo, sulla base delle informazioni fornite dalla National Crime Agency (NCA).

La ricerca è stata effettuata in condizioni di visibilità limitata per oltre cinque ore da una squadra specializzata di immersione del National Police Chiefs Council, supportata da ufficiali della Border Force National Deep Rummage Team e dall'operatore portuale Peel Ports.

Alla fine trovarono quattro grandi sacche da viaggio nascoste sotto la linea di galleggiamento all'interno della cassa del mare, un'area di presa dell'acqua di mare utilizzata per aiutare a stabilizzare le navi. I subacquei hanno dovuto estrarre i sacchi da dietro le griglie imbullonate. 

"Si è trattato di un occultamento estremamente raro e sofisticato, e mostra fino a che punto le reti criminali si spingeranno per mettere in circolazione droghe pericolose come la cocaina", ha commentato David Phillips, responsabile delle operazioni della NCA. “La vendita di tali farmaci di classe A è controllata da bande che infliggono violenza e sfruttamento nelle nostre comunità”.

Ringraziando i subacquei per il lavoro svolto in “condizioni difficili”, Phillips ha affermato che lo sforzo di collaborazione ha dimostrato “la nostra determinazione collettiva nell’affrontare frontalmente i gruppi criminali organizzati e arginare la fornitura di droghe dannose come la cocaina”. Gli investigatori della NCA stanno ora collaborando sul caso con le forze dell'ordine olandesi e panamensi.

Blee si dichiara colpevole nel caso del contrabbando di coca

Il capitano Jimmy Blee con l'accusa di droga
James Blee si dichiara colpevole di traffico di droga e di esseri umani

In Australia, nel frattempo, un padre e un figlio sono comparsi in tribunale in relazione ad un'altra operazione di contrabbando subacqueo di cocaina, ma andata tragicamente storta.

Il complotto è emerso dopo che il subacqueo brasiliano Bruno Borges-Martins è stato trovato morto accanto a pacchetti di droga a Newcastle, nel Nuovo Galles del Sud. come riportato on Divernet nel maggio dello scorso anno. Sono stati rinvenuti complessivamente 104 kg di cocaina, metà dei quali presso il subacqueo e il resto nello scafo di una nave attraccata nelle vicinanze, anche se all'epoca si pensava che questa costituisse solo una parte della spedizione.

Il subacqueo e tour operator marittimo James Blee, 63 anni, è stato successivamente arrestato dalla polizia e dagli agenti delle forze di frontiera mentre cercava di fuggire a Singapore e accusato di importazione e fornitura di droga.

La polizia aveva quindi avviato una ricerca senza successo di un secondo subacqueo, Jhoni Fernando Da Silva, che ritenevano fosse stato coinvolto anche lui nell'operazione interrotta per recuperare la partita di narcotici.

agente di polizia con pacco di cocaina recuperato
Un agente di polizia con un mattone della cocaina recuperata (NSW Police Force)

Blee è comparso davanti al tribunale locale di Newcastle il 25 ottobre per dichiararsi colpevole delle accuse di importazione di quantità commerciali di cocaina e di contrabbando di persone. I documenti del tribunale indicavano che i sommozzatori Borges-Martins e Da Silva erano stati introdotti clandestinamente in Australia vicino a Darwin il 27 aprile. Tutti i reati sarebbero stati commessi tra il 16 aprile e il 9 maggio 2022.

Blee si è anche dichiarato colpevole di aver trafficato consapevolmente 170,000 dollari australiani (88,750 sterline) di proventi di reato. Tuttavia, i pubblici ministeri hanno ritirato l'accusa di omicidio colposo derivante da una precedente accusa secondo cui aveva fornito a Borges-Martins un'attrezzatura subacquea sapendo che era difettosa.

Anche il figlio ventunenne di Blee, James Lake-Kusviandy Blee, era in tribunale per dichiararsi non colpevole di aver aiutato e incoraggiato suo padre a importare cocaina e di aver gestito più di 21 dollari di proventi di denaro criminale. L'accusa di fornitura di un farmaco proibito è stata ritirata. 

Padre e figlio dovrebbero ripresentarsi in tribunale il 23 novembre.

Anche su Divernet: Subacqueo del CCR “lasciato morire” dai trafficanti di cocaina, Indagine sul contrabbando di coca: la storia di 3 subacquei

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
paul smith
paul smith
5 mesi fa

Troppe pubblicità

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x