Il progetto di sopravvivenza del corallo offre speranza a Roatan

Corallo riproduttivo (Richard Ross © California Academy of Sciences)
Corallo riproduttivo (Richard Ross © California Academy of Sciences)

A $1.5 million grant has been awarded to the California Academy of Sciences (CAS) and Roatan Marine Park for a three-year programme to construct the first coral-rearing facility in Honduras, and to test techniques for restoring “rapidly degrading” reefs on its dive-resort island of Roatan. 

The research team want to develop new ways of boosting the survival of young corals, an estimated 90% of which die in their first six months of life, as well as formazione local researchers in coral husbandry. 

Il contributo è stato assegnato dall' Piattaforma di accelerazione della ricerca e sviluppo sui coralli (CORDAP), che sostiene l’iniziativa Hope for Reefs dell’accademia per invertire il rapido declino delle barriere coralline della Terra entro il 2030.

La sovvenzione finanzia lo sviluppo del primo impianto di allevamento di coralli di questo tipo nel Parco Marino di Roatán. (Manlio Martinez © California Academy of Sciences)
The grant funds the development of the first coral-rearing facility of its kind in Roatán Marine Park. (Manlio Martinez © California Academy of Sciences)

The most effective coral-rearing methods found during initial testing in CAS’s Coral Regeneration Lab will be applied to colonies on the Caribbean’s Mesoamerican Reef at Roatan. Work will start to build the laboratory in Parco marino di Roatan all'inizio del prossimo anno.

Corals will be monitored in nurseries on the reef and will also be transferred to the land-based facilities for additional testing. 

Durante l'evento di deposizione delle uova, i coralli vengono tenuti sotto una luce rossa per simulare la notte in laboratorio (Gayle Laird © California Academy of Sciences)
During a spawning event, corals are kept under red light in the lab to simulate night-time (Gayle Laird © California Academy of Sciences)
Una colonia di coralli rilascia fasci di gameti durante un evento di deposizione delle uova assistita all'interno del Coral Regeneration Lab (CoRL) dell'Accademia. (Shayle Matsuda © California Academy of Sciences)
Una colonia di coralli rilascia fasci di gameti durante un evento di deposizione assistita in laboratorio (Shayle Matsuda © California Academy of Sciences)

“I coralli sperimentano alti livelli di mortalità precoce, che attualmente sono aggravati da condizioni ambientali sempre più avverse”, afferma Rebecca Albright, CAS curatore di zoologia degli invertebrati e fondatore del CoRL. 

“On top of stressors like ocean acidification and rising sea temperatures, the Mesoamerican Reef is rapidly losing coral colonies to stony coral tissue-loss disease. This decline in coral populations has led to lower genetic diversity on the reef, leaving it more susceptible to local and global stressors. 

“Thanks to CORDAP’s support, we hope to increase the overall number of sexually reproducing corals in this critical ecosystem, bolstering the reef’s genetic diversity and making it more resilient to a changing environment.”

I coralli iniziano la vita come larve che nuotano liberamente alla ricerca di un posto dove stabilirsi, ma troppi esauriscono le loro riserve di energia e muoiono nello sforzo.

Il team sta esplorando quelli che secondo loro sono tre modi promettenti per assistere le larve: aumentare l'alcalinità dell'acqua per migliorare la formazione iniziale dello scheletro; dosandoli con aminoacidi per migliorare la nutrizione; e inoculandoli con alghe come fonte di energia supplementare.

Pianificano anche l'allevamento selettivo di individui tolleranti al calore, inizialmente utilizzando le specie indo-pacifiche Acropora millepora, e testare i coralli nei siti dei parchi marini colpiti dalla malattia della perdita di tessuto dei coralli duri.

Anche su Divernet: I coltivatori di corallo rimodellano il futuro, Dieci modi in cui la tecnologia sta salvando i coralli, The Big Build: la stella del Reef si tuffa a dismisura, Crollo dei coralli: è possibile salvare le nostre barriere coralline?

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x