Notizie sgradite sulle balene da Islanda + Marineland

Balenottera comune arpionata in Islanda l'anno scorso (Arne Feuerhahn / Hard To Port)
Balenottera comune arpionata in Islanda l'anno scorso (Arne Feuerhahn / Hard To Port)

Le aspettative degli ambientalisti che l’Islanda avesse effettuato la sua ultima caccia alle balene sono state deluse dalla decisione del governo di procedere con la ritardata stagione annuale di caccia alle balene.

Nel mese di giugno Divernet ha riferito che il ministro della Pesca islandese lo aveva fatto rinviato l'inizio della stagione entro due mesi alla fine di agosto, per dare agli esperti il ​​tempo di indagare sull'eventuale arpionamento pinna le balene potrebbero mai conformarsi alla legislazione sul benessere degli animali.

La decisione inaspettata di ripartire, seppur con una supervisione più rigorosa e formazione requisiti, dà all'unica compagnia baleniera islandese Hvalur il mese di settembre in cui riprendere la macellazione annuale. La sua licenza attuale non va oltre quel periodo. 

fine balene (Balaenoptera physalus) sono classificate dalla IUCN come a rischio di estinzione, e solo l’Islanda, insieme al Giappone e alla Norvegia, ha continuato la caccia commerciale alle balene, a dispetto della moratoria globale del 1986 della Commissione baleniera internazionale.

Hvalur uccise 148 persone pinna balene l’anno scorso, e l’analisi ufficiale di 58 morti ha mostrato che il 41% di loro non è morto sul colpo ma ha impiegato in media 11.5 minuti, mentre due di loro hanno impiegato più di un’ora. Un recente indipendente rapporto poiché il governo ha rivelato che la caccia alle balene ha avuto uno scarso impatto diretto sull’economia del paese – e non è stata nemmeno redditizia per Hvalur.

“L’Animal Welfare Institute è deluso dalla decisione del governo islandese di consentire la commercializzazione pinna riprendere la caccia alle balene”, ha affermato Kate O’Connell, consulente politico senior per il programma sulla vita marina dell’AWI. “Questa determinazione condannerà sicuramente molte balene a una morte crudele e non necessaria.

“Per fortuna, il nuovo regolamento vieterà l’uso dell’elettricità come metodo di uccisione, poiché non è stato dimostrato che sia un metodo efficace di eutanasia”.

O'Connell ha sottolineato che la caccia alle balene islandese ha minato l'efficacia della moratoria dell'IWC, mentre la sua esportazione di prodotti a base di balene in Giappone ha ignorato un divieto globale CITES. "La reputazione internazionale dell'Islanda come destinazione naturale di prim'ordine è costantemente erosa da queste azioni in violazione dei trattati internazionali", ha affermato. “Le balene vive forniscono enormi benefici alle comunità costiere locali e agli ecosistemi oceanici”.

“Nonostante la decisione odierna, speriamo che il permesso di caccia alle balene di Hvalur non venga rinnovato nelle stagioni future, e Awi continueremo a spingere per porre fine a tutta la caccia alle balene a fini commerciali”.

Aumentano le morti di balene nel parco “divertimenti”.

Tredici beluga, un'orca assassina e un delfino sono morti dal 2019 nel parco a tema Marineland a Niagara Falls, in Ontario, che è indagato per presunta crudeltà sugli animali. L’orca è morta per un’infezione batterica dopo quattro decenni di prigionia, gli ultimi 12 trascorsi in isolamento, ma la causa della morte degli altri 14 animali rimane poco chiara.

L'agenzia di stampa The Canadian Press ha ottenuto i dettagli ufficiali sulla serie di morti avvenuti presso l'attrazione turistica delle Cascate del Niagara solo dopo aver avanzato numerose richieste di libertà d'informazione. 

Orca a Marineland (Bhall1976)
Orca a Marineland (Bhall1976)

Marineland si descrive come “acquario, zoo e parco divertimenti tutto in uno”. Le autorità provinciali avevano espresso preoccupazione per la qualità dell'acqua e avevano dichiarato che tutti i mammiferi marini in cattività erano in uno stato di pericolo e avevano avviato un'indagine all'inizio del 2020, con gli ispettori dei servizi per il benessere degli animali dell'Ontario che avevano visitato il parco almeno 160 volte da allora.

Nel maggio 2021 a Marineland è stato ordinato di riparare la sua acqua, ma ha negato che i suoi animali fossero in pericolo e ha presentato ricorso contro l’ordine, sostenendo un “forte” livello di benessere. 

Quando la stampa canadese ha interrogato il governo federale sulle morti, ha citato le indagini in corso e ha suggerito che qualsiasi domanda fosse rivolta a Marineland. Ma il parco non ha reagito e ha vietato l’ingresso ai giornalisti che avevano pagato. 

L’agenzia sostiene che l’Animal Welfare Services, finanziato dai contribuenti, creato per rendere i compiti di controllo più trasparenti, non ha rilasciato un solo comunicato stampa su nessuno dei suoi casi dal 2020, quando ha rilevato il lavoro dalla Ontario Society for the Prevention of Cruelty agli animali. Leggere la relazione.

Anche su Divernet: Legge britannica “incoerente” che non rispetta balene e delfini, I pescherecci da traino per krill tagliano il megapod della balenottera comune, Morte dell’uomo che “salvò la balena”, Le balenottere comuni sono tornate in Antartide

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x