MBE per i subacquei che sono diventati Sea-Changers

Sea-Changers Helen Webb (a sinistra) e Rachel Lopata in una nuova fontana sulla costa del Lincolnshire
Helen Webb (a sinistra) e Rachel Lopata in una nuova fontana sulla costa del Lincolnshire

Le subacquee Rachel Lopata e Helen Webb, che hanno co-finanziato l'organizzazione benefica britannica Sea-Changers nel 2010, sono state entrambe nominate MBE nella prima lista d'onore del compleanno di Re Carlo. Il riconoscimento è per i loro servizi alla conservazione marina.

Leggi anche: Avvio di progetti di conservazione degli oceani

Solo negli ultimi dieci anni, Sea-Changers ha raccolto e distribuito 350,000 sterline per progetti di conservazione, che vanno da azioni pratiche come la pulizia delle spiagge ad attività educative e ricerca scientifica.

I due entusiasti subacquei ricreativi affermano che lo sport ha aperto loro gli occhi sia sulla bellezza dell'oceano e della vita marina, ma anche sulle principali minacce come l'inquinamento marino e i danni ai coralli. Discutendo su cosa avrebbero potuto fare per aiutare la loro città natale di Leicester, senza sbocco sul mare, la loro soluzione era quella di stabilirsi Cambiatori di mare.

“Nel 2010 non avremmo potuto immaginare che a questo punto avremmo finanziato oltre 300 diversi e sorprendenti progetti di conservazione marina in tutto il Regno Unito”, afferma Webb. “Come nuovi arrivati ​​nel settore della beneficenza, ci ha permesso di essere ottimisti su come Sea-Changers può crescere e svilupparsi e ci ha permesso di affrontare la costruzione di un ente di beneficenza con occhi e prospettive nuove. 

“Siamo stati in grado di attirare una meravigliosa gamma di persone per colmare le nostre numerose lacune in termini di competenze, conoscenze e comprensione. Ricevere questo MBE come riconoscimento per tutti i risultati raggiunti da Sea-Changers è una meravigliosa testimonianza del lavoro di ogni membro del nostro fantastico team”.

L’organizzazione di beneficenza offre sovvenzioni a organizzazioni che vanno da piccoli gruppi locali a noti enti di beneficenza nazionali, ma la sua priorità è consentire e responsabilizzare i gruppi di base/comunitari ad intraprendere azioni localizzate, “offrendo un trampolino di lancio per la loro crescita”. 

Progetto Seagrass

Un esempio è Progetto Seagrass, fondata nel 2013. "Nel 2014 credo che Sea-Changers sia stata la prima organizzazione a concederci una sovvenzione", afferma il CEO Dr Richard Lilley. “Ci sono state assegnate 500 sterline per finanziare lo sviluppo di una prateria di fanerogame marine formazione-pack, che ci ha permesso di diversificare i nostri materiali didattici e di fornire formazione sulle fanerogame marine sul campo. 

"Come avevamo detto nella nostra domanda, abbiamo richiesto ulteriori fonti di finanziamento per far crescere il programma e siamo andati sempre più rafforzandosi." Nel 2022 Project Seagrass aveva un reddito di oltre £ 800,000 e stava sviluppando attività di conservazione delle fanerogame marine in tutto il mondo.

Lopata e Webb affermano di essere impegnati anche a “consentire alle imprese di diventare parte della soluzione alla nostra crisi di conservazione”. 

"Abbiamo scelto Sea-Changers come ente di beneficenza esclusivamente sulla base dell'entusiasmo di Helen e Rachel", afferma Steve Brown del fornitore di attrezzatura subacquea Mike's Dive Store, che collabora con loro dal 2015. “Troppo spesso oggigiorno con gli enti di beneficenza gran parte del denaro viene sperperato e non raggiunge effettivamente lo scopo previsto o le persone. 

“Mike voleva sceglierne uno in cui sentivamo che le persone erano sinceramente coinvolte, interessate e si assicuravano che i soldi arrivassero allo scopo previsto. Con Helen e Rachel abbiamo pensato che fosse decisamente così. Dovrebbero essere orgogliosi di ciò che hanno fatto, soprattutto mantenendo altri lavori”.

Fondi recenti

Nel 2020 Sea-Changers ha fondato il Fondo Bunzl per le fontane costiere, che finora ha finanziato 30 stazioni di rifornimento di bottiglie d’acqua lungo le coste del Regno Unito per contrastare l’inquinamento causato dalla plastica. Il 2021 ha visto l'introduzione del suo Fondo per l'innovazione, con otto progetti sostenuti fino ad oggi, e il Fondo sociale per la conservazione marina, che ha finanziato sei progetti ideati per sostenere o migliorare la salute e il benessere dei partecipanti e/o apportare benefici alle comunità svantaggiate. 

Journey Blue contribuisce a contrastare la pesca fantasma (Sea-Changers)
Il progetto recentemente supportato da Sea-Changers Viaggio Blu sta affrontando la pesca fantasma offrendo ai pescatori lo smaltimento gratuito dei rifiuti (Sea-Changers)

Il carico di lavoro di Sea-Changers comprende lo sviluppo di nuove partnership per la raccolta fondi, la collaborazione con i partner commerciali esistenti, la gestione dei pagamenti delle sovvenzioni e il coordinamento dei volontari.

"Ricevere questo MBE è molto umiliante", afferma Lopata. “Siamo stati così fortunati ad avere il sostegno, l’energia e la competenza dei nostri amministratori e volontari passati e presenti, senza i quali nulla di tutto ciò sarebbe accaduto. 

“Allo stesso modo, dobbiamo ringraziare gli straordinari partner con cui lavoriamo per generare fondi; e i tanti progetti stimolanti là fuori che svolgono il vero lavoro pratico di conservazione. Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile tutto questo!”

Anche su Divernet: Interesse record per i finanziamenti di Sea-Changers, Sea-Changers sostiene progetti sociali “win-win”., Canali Sea-Changers £ 9,000, Un’ondata di caldo marino senza precedenti colpisce il Regno Unito

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x