La squadra fantasma recupera i relitti di Lampedusa

I subacquei volontari con rebreather a circuito chiuso GUE provenienti da cinque paesi si sono uniti per rimuovere attrezzature da pesca fantasma dai relitti della Seconda Guerra Mondiale che minacciavano sia la vita marina che i subacquei ricreativi nel Mediterraneo. La loro spedizione di otto giorni si è svolta tra l'isola italiana di Lampedusa e la Tunisia alla fine di giugno.  

Leggi anche: Subacquei di Ghost Fishing UK in missione con la rete Shetland

Mari sani, che raccoglie e ricicla le reti da pesca perdute e scartate, afferma che l'operazione ha segnato il terzo anno di collaborazione con l'organizzazione benefica Immersioni fantasma e la Società per la Documentazione dei Siti Sommersi (SDSS).

Subacqueo sul relitto non identificato (Derk Remmers)
Subacqueo che valuta un relitto (Derk Remmers)

La squadra, composta da Italia, Paesi Bassi, Germania, Grecia e Libano, ha concentrato gran parte della sua attenzione su un relitto non identificato che contiene ancora veicoli e diverse bombe aeree. I subacquei hanno recuperato un'enorme rete che pesava circa 700 kg. La rete, che secondo il team ha avuto origine in Egitto, viene riciclata per realizzare nuove reti.

I subacquei hanno anche catturato più di 12,000 foto da utilizzare per la fotogrammetria, in modo da poter creare modelli virtuali 3D per rendere i relitti più accessibili sia ai ricercatori che al pubblico più ampio. 

Il team di sub al lavoro (Derk Remmers)
Il team di sub al lavoro (Derk Remmers)
Relitto avvolto in una rete fantasma che richiede la rimozione (Derk Remmers)
Relitto avvolto in una rete che richiede la rimozione (Derk Remmers)

Rebreather salvaspazio

"Dal 2007, quando il nostro team ha iniziato a esplorare i relitti in questo luogo, ci imbattiamo continuamente nelle reti da pesca", ha affermato il fondatore di SDSS Mario Arena. L'organizzazione no-profit italiana è stata fondata nel 1999 per ricercare e tutelare il patrimonio sommerso di ogni tipo. “La collaborazione con Healthy Seas e Ghost Diving ci sta permettendo di fare progressi nelle nostre scoperte storiche”.

La rete di asciugatura dà un'idea della portata del problema (Ghost Diving)
La rete di asciugatura dà un'idea della portata dell'iniziativa (Ghost Diving)

L'uso dei rebreather ha fornito ulteriore sicurezza ai subacquei e ha consentito di risparmiare spazio sulla compatta barca per le immersioni. "A causa della lontananza del luogo di immersione e delle scarse scorte a bordo, consideriamo questo il nostro progetto più unico", ha affermato il fondatore di Ghost Diving Pascal van Erp, che ora è anche vicedirettore di Healthy Seas.

Ritorno alla barca (Imad Farhat)
Ritorno alla barca (Imad Farhat)

Healthy Seas raccoglie i rifiuti del mare per essere rigenerati nel filato Econyl, che viene poi trasformato in prodotti come costumi da bagno, abbigliamento sportivo, tappeti o calzini. Altri tipi di reti e rifiuti di plastica vengono trasformati in gioielli e accessori, con oltre 905 tonnellate raccolte negli ultimi 10 anni.

Hyundai Motor Europe ha finanziato la spedizione, in quanto sostiene le attività di pulizia ed educazione di Healthy Seas dal 2021. Ghost Diving rimuove gli attrezzi da pesca perduti o scartati dal 2009: "Non vediamo l'ora di tornare di nuovo l'anno prossimo per continuare a proteggere l’ambiente e i meravigliosi relitti storici sommersi rinvenuti in questa parte del Mediterraneo”, ha affermato Van Erp.

Anche su Divernet: I sommozzatori distruggono la fattoria dei fantasmi 2 in "Ritorno a Itaca", Risultato netto per Ghost Diving USA, I sommozzatori fantasma raccolgono reti e dati, Due squadre formano Ghost Diving UK, I subacquei rispondono a un'epica chiamata di pulizia

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
L'emiro Murat Icel
L'emiro Murat Icel
9 mesi fa

Bravi ragazzi, meritate di essere salutati.
Auguro a tutti voi immersioni sicure.

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x