Caso chiuso? L’applicazione rigorosa dell’AMP è vantaggiosa per tutti

La domanda dell’AMP

Un nuovo studio su 51 Aree Marine Protette (AMP) in più di 30 paesi del Nord e del Sud America, Europa, Africa, Asia e Oceania ha concluso che in ogni caso la loro esistenza ha dato impulso alla pesca o al turismo – con profitti a volte nell’ordine dei miliardi di dollari. dollari.  

“In ogni angolo del globo, la protezione degli oceani dà impulso alle economie”, ha affermato l’autore dello studio, il dottor Mark John Costello, professore alla Nord University della Norvegia. “Per troppo tempo i parchi marini sono stati trascurati in quanto generatori di PIL e creatori di posti di lavoro. 

“Questo studio offre la prova più forte finora che la protezione dell’oceano lo riempie di pesci in abbondanza, lo protegge dai cambiamenti climatici ma stimola anche le economie locali e nazionali. Ora possiamo aggiungere gli operatori del turismo e della pesca all’elenco dei beneficiari della protezione degli oceani”. 

Dimostrare che non solo il turismo ma anche la pesca traggono vantaggio dall’imposizione di rigorose misure di protezione ambientale è considerato fondamentale per garantire il sostegno attivo dei pescatori e di altre comunità. 

Lo studio sottoposto a revisione paritaria è stato descritto come la valutazione più completa nel suo genere dalla National Geographic Society Pristine Seas poiché ha accolto con favore i risultati.

Il documento si basa su ricerche precedenti che dimostrano che le aree completamente protette potrebbero aiutare a ripristinare le popolazioni ittiche in media del 500%, produrre pesci più grandi nel tempo e ricostituire la pesca intorno alle AMP. 

L'esistenza delle AMP è nell'interesse della pesca
L'esistenza delle AMP è nell'interesse della pesca

Gli esempi rivelano che le AMP determinano ricadute che aumentano le catture di specie al di fuori dell’area, che vanno dai piccoli crostacei ai grandi pesci migratori come il tonno.

Ideale "no-take".

Costello ha esaminato 200 studi precedenti che coprivano 51 AMP in diversi ecosistemi: barriere coralline, foreste di alghe, mangrovie, scogliere rocciose e paludi salmastre, distese fangose ​​e habitat di fondali marini sabbiosi e fangosi. Alcuni limitarono le attività umane mentre altri le vietarono del tutto.

I benefici economici per la pesca sono stati segnalati in 25 paesi del Nord Atlantico, Pacifico settentrionale, Pacifico meridionale e Oceano Indiano, mentre i benefici per la pesca adiacente alle AMP sono stati rilevati in 46 AMP (90%), compreso l’aumento delle catture (76%) e del pesce dimensione corporea (25%). Lo spillover è stato rilevato nel 16% dei casi. 

Le AMP che offrono i maggiori benefici economici sono le riserve marine “no-take”, ma meno del 3% dell’oceano è attualmente sottoposto a una protezione così rigorosa. 

“Significativamente, lo studio non trova prove da nessuna parte, in nessun momento, che le AMP mettano in pericolo l’industria della pesca, che è stata tradizionalmente un esplicito oppositore della protezione degli oceani”, ha affermato Costello.

“L’industria della pesca ha storicamente cercato di bloccare le AMP no-take, sostenendo che vietare la pesca rappresenta un duro colpo per i profitti. Ciò che questo studio mostra inequivocabilmente è che le AMP che vietano la pesca non solo sono più redditizie, ma sono anche più economiche da gestire e mantenere rispetto alle AMP con regole di pesca più complesse”.

Le AMP attirano i turisti, soprattutto i subacquei
Le AMP attirano i turisti, soprattutto i subacquei

Esempi di benefici economici derivanti dal turismo sono stati riscontrati in 24 paesi tropicali e subtropicali, nonché nelle regioni temperate tra cui Francia, Spagna, Italia e Nuova Zelanda.  

Le barriere coralline, le mangrovie e gli ecosistemi delle alghe sono risultati i più redditizi, con alcune singole AMP che generavano miliardi di dollari di entrate ogni anno, e quelle più consolidate che fornivano i ricavi maggiori.

Queste riserve includevano la Grande Barriera Corallina australiana, le Galapagos Mu Ko Phi Phi in Tailandia e Ras Mohammed nel Mar Rosso egiziano. 

Vista sul mare incontaminato

"Convinzioni errate e obsolete sull'impatto economico delle AMP stanno bloccando i progressi verso l'urgente obiettivo mondiale di conservazione", ha osservato il fondatore di Pristine Seas Enric Sala, che non è stato coinvolto nel lavoro, riferendosi all'obiettivo di proteggere almeno il 30% degli oceani entro il 2030. . 

“Questo studio dimostra che sia la pesca che il turismo traggono vantaggio dai parchi nazionali del mare: un colpo finale alla tesi secondo cui la conservazione è costosa e danneggia la pesca.

“L’oceano è minacciato da noi. La scienza dimostra che la creazione di parchi nazionali in mare aiuterà la vita oceanica a riprendersi e fornirà maggiori benefici all’umanità. I governi dovrebbero mettere la creazione di AMP in cima alle loro agende. 

“Al momento, solo l’8% circa dell’oceano è protetto in una certa misura, il che significa che dovremo aggiungere nuove aree protette ogni settimana per raggiungere l’obiettivo del 2030”.

I nuovo studio può essere letto nella rivista ad accesso libero Scienzia Marina.

Anche su Divernet: Lo studio Socorro sperava di mettere a tacere i critici dell’MPA, Perché “protezione marina” significa poco in Europa, La pesca a strascico è vietata in 4 AMP del Regno Unito, Il governo si è scagliato contro la lentezza dell,AMP

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x