I sommozzatori dell'esercito tentano una rischiosa missione nella rete fantasma

Preparazione dei subacquei (Spc Chandler Coats)
Preparazione dei subacquei (Spc Chandler Coats)

"Questa è probabilmente una delle missioni più ad alto rischio, complesse e pericolose che faremo tutto l'anno", ha detto il sergente Chris Miller, supervisore delle immersioni, dopo che una squadra d'élite di 25 subacquei dell'esercito americano aveva trascorso quasi quattro settimane a recuperare la pesca fantasma. reti, alcune lunghe più di 150 metri, provenienti dal Puget Sound, al largo della costa dello stato di Washington.

Secondo il sergente Miller, la squadra era stata selezionata manualmente tra i subacquei più esperti e qualificati a causa della natura pericolosa della missione. Ha detto che ci sono voluti più di 10 giorni semplicemente per pianificare il programma delle immersioni, a causa della complessità delle maree nel suono.  

Due subacquei entrano in acqua a Puget Sound (Spc Chandler Coats)
Due subacquei entrano in acqua a Puget Sound (Spc Chandler Coats)

L'ambientalista marina Joan Drinkwin ha affermato che le reti rappresentano un pericolo significativo per la vita marina come il granchio di Dungeness e gli scorfani elencati a Puget Sound. "Le reti abbandonate quando si trovano in questo tipo di habitat si arrotolano, danneggiano la barriera corallina, danneggiano altri animali e impediscono l'accesso all'habitat a queste diverse specie", ha detto.

Ha aggiunto che sarebbe stato proibitivo in termini di costi, soprattutto in termini di necessità di avere una camera di decompressione sul sito, rimuovere le reti senza l’aiuto dell’esercito.

Attraverso il loro coinvolgimento i subacquei si sono guadagnati una specialità professionale militare come Engineer Diver. L’unità può essere schierata in tutto il mondo: “Tutto ciò che deve fare un ingegnere da combattimento deve essere fatto sott’acqua, è per questo che ci mandano”, ha detto uno dei suoi sommozzatori principali, il sergente Elis Lopez. "Eseguiamo demolizioni di moli, costruzioni, ispezioni di barche e molti lavori di recupero e salvataggio."

Lo sgombero delle reti fantasma è stato effettuato in collaborazione con Dipartimento delle risorse naturali dello Stato di Washington come parte della preparazione innovativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti Training Programma.

Questo è progettato per consentire ai subacquei di allenarsi su “elencare attività essenziali per la missione, affinare le proprie capacità e mettere in pratica le proprie operazioni in un ambiente reale, aiutando allo stesso tempo un'agenzia statale a raggiungere il suo obiettivo di ripulire i suoi habitat marini".

Rimozione delle reti da Marte

La squadra anglo-olandese della rete fantasma (Duncan Simpson / Ghost Diving UK)
La squadra anglo-olandese della rete fantasma (Duncan Simpson / Ghost Diving UK)

Nel Regno Unito, i volontari di Ghost Diving UK e Ghost Diving NL si sono uniti per sollevare una rete da traino abbandonata da un relitto che giace vicino alla Riserva naturale del faro di St Mary, al largo di Blyth, nel Northumberland.

L'operazione è stata effettuata dalla barca per le immersioni Incantatore 2 e ho iniziato con tre immersioni di rilevamento. Il piroscafo profondo 33 metri marzo fu ripulito da quella che fu descritta come un'enorme rete in un giorno, e il giorno successivo da un vicino relitto, l'HMS Delfino, ha fatto rimuovere alcune reti da posta.

La nave mercantile svedese da 90 metri marzo trasportava pasta di legno a Londra quando fu affondato dalle mine poco prima di Natale del 1939. Sette dei 16 membri dell'equipaggio morirono e il relitto è ora molto rotto.

Delfino fu vittima delle stesse mine posate dall'U-Boot U-22. Ex transatlantico impiegato nella prima guerra mondiale per servire i sottomarini britannici, veniva rimorchiato per essere utilizzato come nave blocco nel Clyde. Della nave ora rimane ben poco.

Rete di distribuzione presso la struttura Journey Blue (Duncan Simpson / Ghost Diving UK)
Rete di distribuzione presso la struttura Journey Blue (Duncan Simpson / Ghost Diving UK)

La rete fantasma raccolta è stata portata a riciclo attraverso il Viaggio Blu programma di raccolta della rete nel porto di Blyth.

L'iniziativa è partita il 29 luglio, un giorno diverso Immersioni fantasma terminato il progetto: una spedizione di otto giorni che ha coinvolto subacquei provenienti da cinque paesi rimozione dell'attrezzatura fantasma dai naufragi della Seconda Guerra Mondiale nel Mediterraneo tra l'isola di Lampedusa e la Tunisia, come riportato Divernet.

Anche su Divernet: Subacquei di Ghost Fishing UK in missione con la rete Shetland, I sommozzatori fantasma raccolgono reti e dati, “La linea fantasma potrebbe fare il giro della Terra 18 volte”, I sommozzatori distruggono la fattoria dei fantasmi 2 in "Ritorno a Itaca"

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x