I subacquei più informati pagheranno per diventare ecologici

Green
(Fondazione Reef-World)

I turisti subacquei d’ora in poi “voteranno sempre più con i loro portafogli” e si orienteranno verso quelle aziende e marchi impegnati a preservare gli ecosistemi oceanici – secondo un nuovo online sondaggio. 

Per fare ciò, tuttavia, hanno bisogno di maggiore trasparenza su ciò che è e cosa non è una pratica “sostenibile” nelle operazioni di immersione, afferma l’organizzatore del sondaggio Reef-World Foundation, l’organizzazione benefica britannica responsabile del Green Pinne eco-formazione programmi. 

Leggi anche: Il centro immersioni Top Green Fins si trova a Malapascua

L'indagine sembra sottolineare la ragione dell'esistenza di Reef-World: un crescente bisogno di maggiore consapevolezza ed educazione ambientale sia tra i professionisti subacquei che tra i loro clienti. 

Progettato, si dice, per aiutare l’industria della subacquea a riprendersi dalla pandemia di Covid senza compromettere la sostenibilità, il sondaggio è stato condotto da aprile a giugno di quest’anno. Ha raccolto più di 2,400 risposte da turisti subacquei, professionisti e imprenditori. 

Pagare di più per essere green
(Fondazione Reef-World)

Tra i professionisti delle immersioni, l'82% ha affermato di considerare la protezione della barriera corallina più importante dell'esperienza degli ospiti. E mentre il 44% di loro ritiene che sia facile per i subacquei capire se un'azienda è impegnata o meno in pratiche sostenibili, l'85% dei turisti subacquei ha affermato di trovarlo difficile da fare.

L’83% dei turisti ha affermato di volere una maggiore educazione sulla protezione della vita marina e il 76% ha espresso la volontà di pagare di più per una sostenibilità garantita. Forse sorprendentemente, in un momento di pressioni finanziarie, il 64% ha affermato che la sostenibilità era la considerazione principale al momento della prenotazione del viaggio.

In generale, più giovane è l’intervistato, più tende ad essere impegnato nella tutela dell’ambiente.

Requisito minimo

"Questo sondaggio ha evidenziato alcune tendenze davvero incoraggianti", ha affermato il direttore di Reef-World Chloe Harvey. “La generazione Z e i Millennial, coloro che detengono il maggiore potere d’acquisto oggi e domani, sono alla ricerca di esperienze in linea con i loro valori di sostenibilità. Sono disposti a pagare di più per offerte sostenibili e desiderano istruirsi ed essere coinvolti in attività ambientali significative mentre sono attivi vacanza

“Ciò è molto positivo sia per l’industria che per l’ambiente su cui è costruita. Ci ha dato una sbirciatina al futuro del turismo marino; un mondo in cui la sostenibilità non è più un vantaggio competitivo, ma un requisito minimo”. 

Infografica sui turisti delle immersioni verdi
Infografica sui professionisti delle immersioni verdi

I turisti subacquei potrebbero essere disposti a pagare di più per la sostenibilità, ma allo stesso tempo temono di spendere di più per le loro vacanze e di pagare per il “greenwashing”, afferma Reef-World. “L’industria del turismo ha bisogno di un’etichetta verde globale consapevole del marchio, trasparente ed efficace per affrontare questo problema”.

Guide subacquee, istruttori e imprenditori sono alla ricerca di maggiore istruzione e strumenti per aumentare la consapevolezza ambientale per se stessi e i propri clienti, secondo Reef-World, con l’attuale deficit che rappresenta “la sfida più grande” per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità nei loro luoghi di lavoro. 

I risultati del sondaggio indicano anche che una “stragrande maggioranza” di professionisti della subacquea ritiene che i propri datori di lavoro dovrebbero fare di più per proteggere l’ambiente, unendosi agli ospiti nel chiedere agli operatori del turismo marino di fare meglio. 

Credono che, poiché gli ecosistemi circostanti sono la fonte dei loro profitti, dovrebbero essere ritenuti responsabili della loro protezione.

Green Pinne si propone di consentire ai membri del settore subacqueo di ridurre la pressione sulle barriere coralline offrendo alternative pratiche e a basso costo a pratiche dannose come l’ancoraggio, l’alimentazione dei pesci e l’inquinamento chimico, oltre a fornire soluzioni strategiche formazione, supporto e risorse, afferma Reef-World. Il suo rapporto di indagine può essere scaricato qui

Anche su Divernet: Le pinne verdi ottengono il supporto in punta in Giappone, Il 70% dei subacquei entra in contatto con la barriera corallina, Aggiornamento Green Fins per rinfrescare i professionisti delle immersioni

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x