I sommozzatori di sminamento ritrovano un antico relitto 

Anfora sopra un relitto del III secolo a.C. (Saša Denegri e Robert Kramarić)
Anfora sopra un relitto del III secolo a.C. (Saša Denegri e Robert Kramarić)

È stato scoperto uno dei primi relitti completamente conservati nell’Adriatico orientale, frutto della collaborazione formazione esercitazioni tra sommozzatori navali croati e italiani di sminamento.

Leggi anche: I profondi relitti antichi traboccano di vetri, vasi e lampade

Risalente al 3° secolo a.C., il relitto con il suo carico di anfore è stato ritrovato a una profondità di 50 metri appena al largo della costa meridionale dell'isola di Hvar, riferisce il Ministero della Cultura e dei Media croato.

La scoperta è avvenuta nell'ambito di una collaborazione di lunga data che negli ultimi anni ha visto sommozzatori croati operare da navi cacciamine italiane in un gruppo di contromisure antimine della NATO.

La prima di due settimane di giunco formazione aveva coperto le procedure di sminamento utilizzando ROV e AUV vicino all'isola di Čiovo, prima che i sommozzatori della marina rivolgessero la loro attenzione all'arcipelago dell'isola di Šćedra al largo di Hvar durante la settimana dal 15 al 21 giugno. 

Il successo della cooperazione transfrontaliera è stato visto come un’opportunità per coinvolgere altri organismi oltre al Ministero della Difesa croato, quindi il Ministero della Cultura e dei MediaIl dipartimento di conservazione di ha fornito ai militari informazioni sui siti archeologici esistenti e potenziali. Nonostante le condizioni meteorologiche avverse nella zona, è stata effettuata un'operazione di scansione del fondale marino a più livelli.

Sono stati identificati diversi potenziali segni e questi sono stati seguiti utilizzando un ROV dotato di sonar e telecamera prima che le immersioni subacquee venissero effettuate dal personale sminatore sia croato che italiano. Una di queste indagini ha portato al ritrovamento del relitto precedentemente insospettato.

I sommozzatori per lo sminamento hanno collaborato alla ricerca di resti antichi al largo di Hvar (Saša Denegri e Robert Kramarić)
I subacquei indagano sugli antichi resti (Saša Denegri e Robert Kramarić)

Gli archeologi subacquei Saša Denegri del Ministero della Cultura e Tea Katunarić Kirjakov dell'Università di Spalato hanno effettuato ulteriori immersioni per datare approssimativamente il relitto sepolto e confermare che era "completamente conservato".

Verranno ora condotte ulteriori ricerche archeologiche per determinare l'estensione e le caratteristiche del sito e l'origine della nave, in modo da poter elaborare piani per la sua protezione e conservazione.

L'anno scorso un team internazionale di sommozzatori archeologici metà scoperta di una nave romana di 2,000 anni insolitamente ben conservata più a nord, nelle acque poco profonde dell'Adriatico, vicino al villaggio croato di Sukosan, un tempo sito dell'antico porto romano di Barbir, come riportato su Divernet.

Anche su Divernet: I sommozzatori si preparano a sollevare una barca "cucita" dell'età del bronzo, I sub scoprono la strada dell'età della pietra in Croazia, L'app gratuita offre esempi di immersioni sui relitti dell'Adriatico, Individuati 5 relitti di bombardieri, mentre l'IA impara a trovarne altri

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Robert
Robert
9 mesi fa

Grande storia! Adoro sentire parlare di salvaguardia dei legami con il passato anche se è stato il risultato di una tragedia

kra
kra
9 mesi fa

Storia interessante. Adoro i naufragi.

SEGUICI SU

2
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x