Vortice in un piccolo pacchetto

Regolatori
Regolatori

Sembra passato molto tempo da quando l'abbiamo annunciato l'imminente arrivo della mini Oceanic Zeta regolatore nelle pagine Cosa bolle in pentola.

Da allora ho assillato l'importatore perché ne provasse uno e finalmente, dopo circa 18 mesi, sono riuscito a metterne le mani su uno.

Il fratello di fascia bassa di questo reg, l'Alpha 7, ha ottenuto ottimi risultati nel recente test comparativo Diver di erogatori economici (Take A Cheap Breath, aprile), dimostrando di essere uno degli erogatori più piacevoli da respirare che io abbia mai provato. mai provato a qualsiasi prezzo.

La domanda era: sarebbe la Zeta, con la sua minuscola seconda fase, sii altrettanto bravo, soprattutto in profondità, dove ne hai più bisogno?

Ho provato lo Zeta su un twin-set insieme al suo fratello leggermente più costoso, il Gamma 2 CDX Enviro, che stavo provando anch'esso per queste pagine.

Lo Zeta è stato fornito con il primo stadio a membrana sigillata ambientale DX4 rivestito in gomma.

1001test2

Il secondo stadio Zeta ha la stessa finitura di alta qualità dell'Oceanic Delta 3, un tempo top di gamma, ma è significativamente più piccolo nelle dimensioni, se non nel prezzo.

Lo Zeta, simile a un giocattolo, ha probabilmente il meccanismo a valvola più piccolo di tutti regolatore.

Utilizza un design servo per raggiungere il punto di rottura con il minimo sforzo. Mentre l'utente inspira, la pressione interna del secondo stadio viene ridotta e una piccola valvola di "controllo" viene aperta dalla pressione dell'acqua sul diaframma anteriore.

Questo a sua volta apre la valvola "principale", molto più grande, che consente all'aria di fluire dal tubo di media pressione collegato al primo stadio. Non c'è alcun ritardo temporale percepibile.

Lo Zeta era dotato del boccaglio ortodontico Oceanic. Alcuni produttori pensano che io abbia una bocca larga quando si tratta di argomenti del genere, ma questo ha funzionato a meraviglia.

Si è incastrato saldamente tra i miei molari senza bisogno di spingere in avanti la mascella, e non ho assolutamente lamentele sul modo in cui ho dovuto afferrarlo, anche dopo una serie di lunghe immersioni.

Tuttavia, mi ha anche tenuto la bocca ben aperta per consentire un buon flusso d'aria.

Potresti pensare che questo sia ammirevole, ma l'effetto servo, come con molti regolatori di tipo servo di altri produttori, è simile all'apertura della porta della stalla e al passaggio dell'uragano.

Sì, ogni volta che inalavo, sentivo un sibilo!

Ad alcune persone piace questo effetto. Io non. Mi sentivo come se la mia ugola mi fosse stata lanciata in gola e ho dovuto ricorrere a sollevare la lingua per diffondere il turbine.

Non solo, ma lavorare duro con una corrente a 50 metri e dovendo quindi sollevarsi virilmente, balbettava e svolazzava peggio dell'imperatore Claudio in una brutta giornata a Roma.

Ciò si è rivelato davvero molto scomodo.

Anche solo inclinando la testa verso il basso e respirando con cautela, quando a profondità minori, potrei provocare uno spiacevole eccesso di apporto d'aria.

Grazie al cielo ho potuto alternarlo con il sublime Oceanic Gamma 2 dell'altro mio acquario.

Ho chiesto al mio amico Chris Boardman di darmi una seconda opinione e lui ha detto che non solo era, come me, molto deluso (è un fan della Oceanic) ma non poteva credere che la compagnia avesse lasciato andare una valvola che funzionava in quel modo la fabbrica.

Volevamo disperatamente apprezzare lo Zeta, ma non potevamo.

Infatti per ciascuno di noi sono stati circa 25 bar d'aria in più utilizzati durante un'ora di immersione, tanto maggiore era l'offerta d'aria rispetto alla nostra richiesta.

L'Oceanic Zeta DX4 potrebbe essere minuscolo ma il suo prezzo non lo è. Costa £ 344. Una Zeta Polpo è inoltre disponibile.

SW oceanico, 01404 891819

Plus

+ Rivolto ai subacquei per i quali le dimensioni contano davvero

Meno

– Davvero fantastico!
- Costoso

Finlandese di alta qualità

Ecco altri due esempi di attrezzatura subacquea che porta il marchio di quel decano computer subacqueo produttori, Suunto.

Pertanto, il produttore finlandese ha tentato di includere tutte le migliori caratteristiche del genere: batterie al nichel-metallo idruro, ricaricabili in qualsiasi momento; lampadine allo xeno ad alta temperatura di colore; commutazione sequenziale che offre una gamma di tre luminosità più una modalità SOS; doppio O-ring di tenuta dell'involucro; una valvola di sicurezza per eliminare eventuali gas emessi dalla batteria; protezione termostatica in caso di surriscaldamento; e la possibilità di ricarica tramite due jack-plug esterni, in modo che non sia necessario rompere la tenuta stagna.

Il tutto è racchiuso in alluminio splendidamente progettato con finitura filata.

1001test3

Il Suunto Navy 80 è lungo 25 cm e ha una batteria da circa 14 V che garantisce un'autonomia di poco più di un'ora con la lampadina standard da 50 W. Il Suunto F208, meno luminoso, è 5 cm più corto e mezzo chilo più leggero.

Utilizza una batteria da 7 V e offre un'autonomia di 20 minuti in più grazie alla sua lampadina da 20 W meno abbagliante.

Entrambe pesano circa mezzo chilo quando sono immerse, il che le rende più pesanti di molte luci comparabili, ed entrambe impiegano circa quattro ore per caricarsi da zero.

Entrambi hanno i frontali in vetro temperato che permettono di utilizzarli sia in aria che in acqua, ed entrambi donano un fascio largo con un alone più ampio.

La sofisticata elettronica delle unità di ricarica in dotazione permette di connettersi e dimenticare.

Quindi, ad esempio, potresti tenerli permanentemente in carica tra un'immersione e l'altra quando sei a bordo di una barca per immersioni subacquee, e saranno sempre pronti a fornire la migliore autonomia possibile.

Un microprocessore integrato si occupa di regolare le tensioni in modo che le prestazioni siano costanti durante tutta la carica della batteria.

1001test4

Quando la batteria è quasi al termine della carica, la lampada si attenua automaticamente prima di spegnersi definitivamente per preservare la batteria.

Il microprocessore decide anche se la batteria sta emettendo gas, nel qual caso spegnerà la luce.

Ho usato il più piccolo F208 per immersioni notturne e ho trovato che fosse meglio impostarlo sulla luminosità più bassa. A piena potenza ha trasformato tutto in un'immersione di un giorno!

Ha dimostrato di avere un fascio morbido e uniforme, e alla massima potenza alla luce del giorno illuminava in modo soddisfacente i dettagli della barriera corallina in uno spettro completo di colori.

Separando un'unità per vedere cosa c'era all'interno, si sono rivelate le opere totalmente racchiuse all'interno di un secondo involucro interno in alluminio. Devi smontare l'unità quando arriva il momento di sostituire la lampadina allo xeno.

Entrambe queste luci rappresentano un elevato livello di precisione nel processo di produzione. Il Suunto Navy 80 costa £ 345, il più piccolo F208 costa £ 239.

Suunto Diving 01420 587272

Plus

+ Alte prestazioni
+ Buona qualità costruttiva

Meno

– Un po’ più pesante di alcune altre lampade
– Dal lato costoso

Non capisci niente per niente!

Immagino di non essere stato troppo gentile con quei produttori che hanno adottato Nature's Ala diviso-pinna idea.

Il problema è che divento scontroso quando sono via per una settimana di immersioni e soffro l'umiliazione di dover usare qualcosa che riduce significativamente le mie prestazioni.

È particolarmente irritante quando lo è fini che non sembrano mantenere la loro promessa.

Alcuni produttori mi dicono che, a causa di quello che ho scritto sui loro prodotti in Diver, i loro figli hanno dovuto rinunciare ai regali di Natale e le loro mogli hanno dovuto rinunciare alle vacanze invernali promesse alle Barbados.

1001test5

Quindi cosa dovrei fare? Se racconto la storia che vogliono sentire, le loro case saranno piene di giocattoli rotti e le loro donne mostreranno la loro abbronzatura tropicale agli uomini che costruiscono l’ampliamento della loro cucina.

Nel frattempo, i produttori torneranno in ufficio cercando di elaborare un'altra proposta di vendita unica.

Il che mi porta a dividermi fini. I modelli Apollo che ho testato funzionavano ma erano notevolmente pesanti.

Non ho fatto molti favori ai Mares Volos, un'alternativa italiana alla spaccata. Ho anche trovato i Twin Jets di Scubapro troppo flosci per essere di qualche utilità quando si entra in una corrente.

Il problema è che noi consumatori vogliamo fini che ci spingerà magicamente senza sforzo. Non c’è una risposta facile a questa, ma alcune pinna i produttori cercano di convincerci che esiste.

Realizzano pinne che scivolano comodamente e ti danno la sensazione di non indossarle.

Provali in acqua calma e rimarrai colpito: niente cosce doloranti, nessun rischio di crampi ai polpacci... e probabilmente nessun rischio di arrivare da nessuna parte quando il gioco si fa duro.

È come andare in bicicletta con la ruota posteriore sollevata da terra: lo sforzo è ridotto ma non si percorre molta distanza.

I nuovi Scubapro Twin Speed ​​sembravano essere molto più resistenti dei Twin Jets e più propensi a spingere un po' d'acqua quando ne avevo bisogno.

Per ora non si capisce, ma mi interessava vedere se l'aumento del comfort e la diminuzione dello sforzo promessi sarebbero stati bilanciati con un'eventuale perdita di prestazione percepita.

Non avevo intenzione di fare alcun confronto scientifico, li avrei semplicemente portati in immersione per una settimana per vedere come mi trovavo con loro.

Il mio amico Chris Boardman mi dice che il produttore della sua bici super tecnologica ha progettato un casco da ciclismo aerodinamico che, dopo test approfonditi, si è rivelato buono quasi quanto una testa non rivestita.

Ottimo, se non fosse che riuscire a dissipare il calore sufficientemente velocemente dalla testa pone vere e proprie difficoltà ai ciclisti agonisti.

Quelle macchine di prova non avevano sudato, ma chi indossava il casco sì.

È una storia simile con le pinne. I produttori potrebbero utilizzare macchinari sofisticati per test quantitativi, ma la macchina non si ritrova mai a dirigersi verso una corrente e a cercare di tornare su una barca con una riserva d’aria in diminuzione.

Le pinne Scubapro Twin Speed ​​funzionavano ragionevolmente bene se ci attenevamo a una tecnica di pinneggiata strettamente formale, il tipo di bracciata che potresti usare quando abbassi la testa e ti immergi frontalmente nella corrente.

Funzionavano abbastanza bene, ma non in modo sorprendente.

Tuttavia, nel momento in cui avevo bisogno di avanzare un po’, magari regolando la distanza mentre scattavo una fotografia, o remando pigramente con una pinna per alterare la mia angolazione, non sembrava che accadesse molto.

Sembrava che richiedesse una pinnata completa o niente.

In aggiunta a ciò, le enormi dimensioni dei Twin Speed ​​li rendevano molto scomodi da indossare nei gommoni, e non erano meno ingombranti all'interno dei relitti.

La loro maggiore lunghezza, e il fatto che ho dovuto ricorrere ad un convenzionale ed eccessivo colpo di pinneggiata su e giù anche in alcuni angoli stretti del reef, significa che devo confessare di aver inavvertitamente danneggiato più coralli durante il viaggio di quella settimana che Ho fatto negli ultimi 10 anni intensi di immersioni.

Certo, avrei preferito dirti che le pinne erano fantastiche.

Le pinne Scubapro Twin Speed ​​sono disponibili nelle taglie S/M, M/L e L/XL e costano £69.

Visita il sito web di Scubapro UK, 01256 812636.

Plus

+ Funziona abbastanza bene in acque calme
+ Confortevole

Meno

– È richiesta l’azione di pinneggiamento “tutto o niente”.
– Troppo lungo nelle curve strette

LA BOBINA ARRIVATA TARDI

È notevole che, proprio quando avevo finito quello che avevo tentato di fare un test onnicomprensivo sugli avvolgitori SMB, ero nel bel mezzo del Mar Cinese Meridionale quando arriva un uomo dall'Essex.

Tirando fuori un oggetto dalla tasca del suo GAV, chiede: "Hai visto questo nuovo piccolo mulinello che facciamo?"

Di solito si tratta di una piccola impresa britannica nel settore dello stampaggio a iniezione. Essendo subacquei, i due partner si sono attrezzati per realizzare quello che considerano il mulinello perfetto.

1001test6

Hanno la capacità di mettere fuori combattimento migliaia di persone, ma non sono mai riusciti a dirlo a nessuno.

“Abbiamo un sito web”, ha detto. “È www.bodaine.co.uk.” Quindi quanti di voi penserebbero di cercare quel nome nella ricerca del mulinello perfetto?

Quando capiranno le piccole imprese che gran parte del costo di produzione di un prodotto è il costo per comunicare alla gente che è disponibile?

Si chiama pubblicità e marketing, e non è un caso che sulle strade britanniche si vedano più BMW che Lada.

La BMW pubblicizza i suoi prodotti e gli acquirenti pagano per questo. Proprietari di Lada: beh, questa è un'altra storia!

Ma farò un favore a Bodaine Developments e vi racconterò tutto sul mulinello Bodaine, e non costerà un centesimo a quell'azienda!

Innanzitutto, sembra molto diverso da tutti i rulli che abbiamo presentato nella nostra recensione di luglio. Questo perché l'asse della bobina corre parallelo al manico invece che ad angolo retto rispetto ad esso.

In effetti, il mio cuore è sprofondato quando il mio nuovo amico me lo ha mostrato. Se mi fosse stato inviato in tempo, mi avrebbe dato la possibilità di introdurre una prospettiva diversa in quello che era un argomento piuttosto uguale.

Entrambe le estremità del semiasse sono supportate nel punto in cui incontra il telaio.

La manovella di avvolgimento è controbilanciata per fornire un effetto smorzante mentre la bobina ruota ad alta velocità mentre la boa risale da dove è stata dispiegata in profondità.

Il cricchetto è disinnestato e un nottolino lo mantiene tale, quindi non c'è pericolo di essere trascinato improvvisamente verso l'alto. Le guide metalliche riducono la probabilità di grovigli.

Questo mulinello non ha cordino. I produttori ritengono che non ci si possa fidare dei subacquei per evitare di attaccarsi il mulinello a se stessi, e così facendo si rischiano incidenti.

La maniglia è progettata per essere agganciata con un moschettone a un anello a D, se necessario.

I ragazzi dell'Essex conoscono il grado di robustezza necessario per resistere ai peggiori eccessi delle immersioni nei club, e credono che il loro mulinello resisterà a qualsiasi turbolenza.

I componenti sono tutti realizzati in ABS, Nylon 6, acciaio inossidabile e ottone.

Sono lieto di riferire che il mulinello ha una galleggiabilità negativa. Mi sono sentito leggermente a disagio nel caricare la corda, probabilmente perché la mano che prendeva il peso aveva un'angolazione insolita.

In un'occasione ho avuto difficoltà a innestare il cricchetto e sono ricorso a bloccare il filo avvolgendolo attorno alla maniglia.

Succedono cose divertenti quando ti immergi. La volta successiva, ha funzionato perfettamente.

Il Bodaine Mini Reel costa £ 38.

Sviluppi Bodaine 01376 349315

Plus

+ Uno sguardo nuovo a un vecchio problema

Meno

- Non ne ho mai sentito parlare!

Giovanni Bantin è uno scrittore subacqueo professionista a tempo pieno e un fotografo subacqueo dal 1990. Effettua circa 300 immersioni ogni anno per testare attrezzatura subacquea.

Giovanni Bantin
Giovanni Bantin

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x