Un team statunitense sviluppa un localizzatore subacqueo 3D “ultima frontiera”.

Le posizioni relative dei subacquei sott'acqua possono essere monitorate su uno smartwatch (Università di Washington)
Le posizioni relative dei subacquei sott'acqua possono essere monitorate su uno smartwatch (Università di Washington)

I gruppi di subacquei che hanno bisogno di rimanere in contatto o localizzarsi a vicenda in un'emergenza subacquea possono avere difficoltà in condizioni di bassa visibilità, ma i ricercatori dell'Università di Washington ritengono di aver trovato una soluzione. Prende la forma di quella che descrivono come la prima app di posizionamento 3D subacquea, da utilizzare con smartwatch resistenti all'acqua e altri dispositivi mobili.

Richiede un gruppo di almeno tre subacquei dotati dei dispositivi e che rimangano entro 30 metri l'uno dall'altro. Gli altoparlanti e i microfoni esistenti nei dispositivi possono quindi essere utilizzati per inviare segnali acustici e mettersi in contatto tra loro, mentre i timestamp stimano le distanze in modo che l'app possa tracciare la posizione di ciascun subacqueo rispetto al dive leader. Altri subacquei possono unirsi alla rete, purché ciascuno rimanga entro 30 metri l'uno dall'altro. 

Utilizzando l'app con dispositivi di rilevamento della profondità come Apple Watch Ultra o Garmin Descent, il sistema può localizzare la formazione dei subacquei in 3D.

"I dispositivi mobili oggi possono funzionare quasi ovunque sulla Terra", ha affermato l'autore principale Tuochao Chen, uno studente di dottorato dell'UW nel Scuola di informatica e ingegneria Paul G Allen. “Puoi trovarti in una foresta o su un aereo e avere comunque la connettività Internet. Ma l’unico posto in cui non avevamo ancora fatto funzionare i dispositivi mobili era sott’acqua. È una specie di ultima frontiera”.

Testare l'app di localizzazione subacquea in una piscina statunitense (Università di Washington)
Testare l'app in un pool (Università di Washington)

Sopra l’acqua, il GPS si affida a una vasta rete satellitare per localizzare i dispositivi mobili con segnali radio, che svaniscono rapidamente sott’acqua. Sebbene il suono viaggi più velocemente e più lontano nell'acqua che nell'aria, i precedenti tentativi di creare sistemi di posizionamento subacquei si erano basati su sistemi costosi e poco pratici di boe posizionate strategicamente, ma il team dell'UW afferma che il suo sistema elimina la necessità di allestimenti esterni.

Quanto è preciso?

La precisione dell’app migliora man mano che più dispositivi vengono aggiunti a un gruppo, affermano i ricercatori. Testando da quattro a cinque dispositivi nei laghi e in una piscina, si è scoperto che stimavano le posizioni con un errore medio di circa 1.6 m, abbastanza vicino da consentire ai subacquei di vedersi l'un l'altro tranne che nella peggiore visibilità. 

Per ottenere le coordinate GPS effettive di ciascun subacqueo, il leader dell'immersione dovrebbe essere connesso in modalità wireless a un dispositivo di superficie su un'imbarcazione con funzionalità GPS.

Lo studio si basa su una precedente scoperta del laboratorio dei ricercatori chiamato AquaApp, che consente ai subacquei di inviare messaggi tra loro sott'acqua, come riportato sopra Divernet lo scorso settembre.

AquaApp
Il sistema di messaggistica AquaApp (Università di Washington)

"Questo e AquaApp possono essere usati insieme", ha detto l'autore Justin Chan, uno studente di dottorato della UW presso la Allen School. “Ad esempio, se il leader dell'immersione trova qualcuno che sta andando nella direzione sbagliata, può inviare un avviso: 'Ehi, stai andando fuori portata. Devi tornare." 

Chan ha anche suggerito che i subacquei che si ritrovano a corto di benzina potrebbero farlo problema un SOS per avvisare gli altri membri del gruppo, che sarebbero in grado di localizzarli rapidamente anche in condizioni di scarsa visibilità.

Lo hanno detto i ricercatori Divernet che avevano recentemente depositato un brevetto per l'app GPS e stavano aspettando l'approvazione prima di rilasciare una versione commerciale di AquaApp, ma erano già in trattative con i produttori di smartwatch su un potenziale rilascio.

Il professor Shyam Gollakota della Paul G Allen School è un autore senior dello studio, la cui ricerca è stata finanziata con sovvenzioni della Moore Foundation e della National Science Foundation. Il team presenterà i risultati alla conferenza sulla comunicazione dei dati SIGCOMM 2023 che si terrà a giugno New York Città a settembre, ma il paper e il codice open source dell'app può essere trovato sul sito web della squadra.

Anche su Divernet: Garmin Descent G1 copre tutti gli angoli, Oceanic+ trasforma Apple Watch Ultra in un computer subacqueo, TEST SUBACQUEO: Localizzatore personale GPS Nautilus LifeLine, Immergiti come un professionista: come utilizzare una bussola per la navigazione

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Bill Silvestro
Bill Silvestro
8 mesi fa

Ho iniziato ad immergermi con le bombole nel lontano 1966. Due anni prima di conoscere lo skindiving e la pesca subacquea. Sono stato pioniere e insegnante di subacquea per oltre 40 anni e autore di quattro libri sulla subacquea. Il libro più recente si chiama Down Under Byron. Potrebbe creare una storia per te. Ora ho 86 anni e vivo a Lennox Head NSW Australia.

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x