Tour del relitto 97: L'Acclitività

Il tour del relitto dell'Acclivity
Il tour del relitto dell'Acclivity

Questo colorato parco giochi avventuroso, una piccola nave cisterna al largo del Northumberland, ha le dimensioni giuste per essere esplorato in profondità, afferma JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAXE ELLIS

LA NOSTRA TOUR DEL RELITTO QUESTO MESE ci riporta nel Northumberland per esplorare il Acclività, una piccola nave cisterna costiera che trasportava un carico di olio di lino quando affondò nel 1952. Il relitto era in posizione verticale, ma è stato ribaltato dalle tempeste. Ora giace quasi semisepolto sul lato sinistro, a 29 metri.

Ovunque il colpo colpisca il relitto, molto probabilmente verrà catturato attraverso il lato superiore di tribordo dello scafo. Orientarsi è facile su un relitto così piccolo, e ovunque il colpo sia effettivamente andato a segno, è solo una breve nuotata lungo lo scafo ricoperto di anemoni e idroidi fino a poppa.

Leggi anche: Oltre i 18 metri: le immersioni a Farnes ottengono il sigillo di approvazione

Quindi è qui che inizierà il nostro tour, sulla chiglia vicino al Abilità elica (1). L'elica a tre pale è intatta e non mostra segni evidenti di danni causati dall'impatto con l'oggetto sommerso che lasciò la nave senza energia e affondò 55 anni fa. Dietro l'elica, il timone è abbassato a sinistra (2).

Rimanendo vicino al fondale e “risalindo” a poppa, molti pannelli dello scafo sopra la linea di galleggiamento sono marci, lasciando un traliccio ricoperto di anemoni piumati (3). Sopra la poppa, il motore del timone è racchiuso in una scatola rettangolare attorno al montante del timone, con un corto timone fissato alla parte superiore per il governo di emergenza, ora puntato verso il fondale in linea con il timone (4).

Ci sono pochi segni della timoneria o di qualsiasi altra sovrastruttura che un tempo si innalzava sopra la poppa. Sospetto che fosse costruito per la maggior parte in legno e che fosse semplicemente decaduto, lasciando solo un paio di torri di carico ricurve e i resti dell'imbuto caduti sul fondo del mare sottostante. (5).

Come la sovrastruttura, il ponte di legno è completamente decaduto lasciando strati di nervature parzialmente complete l'unico ostacolo al nuoto attraverso due ponti fino al motore diesel (6).

Dalla sovrastruttura si scendono dei gradini (7) alla parte centrale rialzata del ponte principale, dove crescono degli anemoni particolarmente rigogliosi.

Le petroliere più grandi avrebbero una passerella su palafitte sopra il ponte principale per fornire un passaggio senza ostacoli sopra un ponte basso che potrebbe facilmente essere inondato in un mare agitato (ad esempio, la San Tiburcio, Tour del relitto 94, 2006 dicembre).

Molto più piccolo Acclività, la stessa funzione era svolta da una parte centrale dell'impalcato rialzata di meno di un metro.

La zona a centro barca è dove Acclività è più danneggiato. Per prima cosa la sezione rialzata del ponte si è staccata per lasciare uno spazio vuoto lungo la parte centrale del ponte (8), poi la nave è quasi spezzata in due, con l'intero ponte mancante e rotto sul fondo del mare (9). Questo è in realtà un enorme buco che attraversa la nave, ma ne parleremo più avanti.

Dopo un varco di 10 m, la parte rialzata del ponte prosegue a proravia fino al castello di prua con ringhiera intatta (10). Poco prima di unirsi al castello di prua, il ponte è forato da un portello aperto (11).

Sul ponte di prua sono allestite una piccola coppia di bitte e il verricello dell'ancora (12). Oltre il bordo del ponte, sul lato superiore di dritta, l'ancora è ancora al suo posto, stretta nella sua cubia (13). Il corrispondente lato sinistro della prua è ben sepolto sotto il fondale marino.

Proprio dietro il verricello dell'ancora, il ponte è rotto da un grande buco, abbastanza grande da poterci nuotare dentro (14) e proseguire a poppa attraverso lo spazio del serbatoio, che non è ostruito fino allo spazio a centro nave (15).

Abbiamo saltato questo passaggio prima, ma sia il ponte che la chiglia sono rotti per lasciare uno spazio arcuato sul lato di dritta dello scafo (16).

Con lo scafo indebolito da questo buco, il Acclività si sta avvicinando a un punto critico di rottura. Una bella tempesta invernale proveniente dalla direzione sbagliata potrebbe facilmente appiattire la maggior parte del relitto sul fondo del mare.

Fino a questo punto, la maggior parte del nostro tour si è svolta lungo la linea centrale del Acclività, vicino al fondale marino a 29 metri di profondità. Ora tornando alla sezione di poppa, salendo a tribordo, il ponte per la restante distanza a poppa è protetto da una ringhiera intatta (17).

Acclività è solo una piccola cisterna, quindi il nostro tour può essere facilmente realizzato con un'immersione no-stop, soprattutto se si utilizza nitrox. Il tempo rimanente può essere trascorso 5 metri a una profondità inferiore sul lato superiore dello scafo (18), sede di un campo di anemoni e idroidi. Nel periodo giusto dell'anno è ben pascolato dai nudibranchi.

Per un'immersione senza sosta, la risalita potrebbe consistere nel risalire la linea di tiro. Per un'immersione con decompressione, sarà necessaria una boa segnaletica di superficie ritardata che vada alla deriva quando l'acqua rilassata termina.

INCLINATO A TROVARE PROBLEMI

ACCLIVITÀ È UN NOME STRANO DA DARE AD UNA NAVE. Secondo il dizionario significa “il pendio ascendente di una collina”. È difficile capire come possa adattarsi ad una piccola motocisterna britannica di 389 tonnellate, costruita in acciaio nel 1931 e progettata per carichi di olio vegetale e vino, scrive Kendall McDonald.

Per 20 anni dopo il suo lancio, il Acclività trasportavano carichi di quel tipo nei porti dell’Europa e del Mediterraneo senza incidenti. Lungo e stretto, lungo 39 metri, con una larghezza di 6 metri, era azionato da un'unica elica in bronzo alimentata da un motore diesel.

Il 20 gennaio 1952 trasportava un carico di olio di lino da Thames Haven a Newburgh, Fife. Era al largo di Craster e stava attraversando un tempo sempre più rigido quando un enorme tremore fece capire al suo comandante che la sua elica aveva colpito qualcosa e ora stava girando parecchio sbilanciata.

Ha spento il motore e ha chiesto assistenza, e il Acclività fu presto preso al seguito. Per un breve periodo le cose andarono bene ma, una volta a circa 10 miglia a sud delle Isole Farne, il tempo peggiorò e l'acqua che entrava attraverso le ghiandole dell'elica danneggiate divenne eccessiva.

La nave affondò, ma il suo equipaggio salì sulle barche e fu recuperato. Nessuno sa cosa fosse Acclività colpì, ma un burlone del porto suggerì che avrebbe potuto colpire “il pendio ascendente di una collina sottomarina”.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Da sud, seguire la A1M e la A1 nord, quindi prendere la B1340 per Seahouses. Da nord uscire dalla A1 sulla B1341 per Bamburgh e proseguire lungo la costa fino a Seahouses. Una volta a Seahouses, segui il tuo naso fino al porto.

MAREE: Il rallentamento dell'acqua è essenziale e si verifica circa due ore dopo l'alta e la bassa marea a Seahouses.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 55 28.117 N, 001 32.776 W. La prua è rivolta a sud-ovest, con il ponte addossato ad un piccolo reef. Una ricerca da nord-ovest a sud-est dovrebbe tagliare il relitto, che si trova a ben 5 metri dal fondo del mare.

IMMERSIONE E ARIA: Immersioni sovrane, 01665/720059.

ALLOGGIO: B&B con Sovereign Diving.

QUALIFICHE: Un'immersione facile in acque calme, anche se la profondità richiede un minimo di PADI Acqua aperta avanzata o BSAC Sports Diver.

LANCIO: Ci sono scontrini a Seahouses e Amble.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 156, Isole Farne al fiume Tyne. Mappa dell'Ordnance Survey 75, Berwick-upon-Tweed e dintorni. Mappa dell'Ordnance Survey 81, Alnwick e Morpeth. Immersione a nord-est di Dave Shaw e Barry Winfield. Ente per il turismo della Northumbria 0191/3753000.

PRO: Un relitto colorato con buchi da esplorare, della misura giusta per la profondità se non vuoi entrare in decompressione.

CONS: I Acclività è prossimo al punto critico di frantumazione e una forte tempesta invernale dalla direzione sbagliata potrebbe facilmente appiattire il relitto sul fondo del mare.

Grazie ad Andrew Douglas.

Apparso su DIVER marzo 2007

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x